Connettiti a NewsCinema!

News

10 film per cui i registi hanno chiesto scusa

Pubblicato

:

In contrasto con il titolo dell’articolo Alex Proyas ha difeso a spada tratta Gods Of Egypt, il faraonico action con Gerard ButlerNikolaj Coster-Waldau stroncato dal pubblico e dalla critica mondiali. Tutto questo non ci stupisce perché a Hollywood non capita mai che un autore spari a zero sul suo “capolavoro”. Eppure ci sono ben dieci registi che, a modo loro, hanno chiesto scusa per i loro film:

frozen centro

10) Frozen: Jennifer Lee, la co-regista del capolavoro targato Walt Disney, si è scusata con il pubblico mondiale per le canzoni di Frozen che hanno reso tanto felici i più piccoli quanto disperati i loro genitori: “Un anno fa tante persone mi ringraziavano per le canzoni di Frozen, ora non più perché continuano ad ascoltarle. Il ‘grazie’ è così diventato ‘mi dispiace’ “. Effettivamente la Lee non ha tutti i torti…

9) Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo: “Capisco chi non ha amato il MacGuffin del film perché non convinceva neanche me. Non volevo fosse legato agli alieni o a creature inter-dimensionali”. Con queste parole Steven Spielberg ha demolito il MacGuffin, l’elemento narrativo dell’ultimo Indiana Jones. Ma noi, solo per aver rinchiuso il mitico Indy in un frigorifero durante una esplosione atomica, non possiamo che perdonarlo.

8) I Fantastici Quattro: Uno dei cinecomics più criticati di sempre è I Fantastici Quattro di Josh Trank; un flop di pubblico e critica che ha spinto il regista a scusarsi pubblicamente: “Un anno fa avevo una versione di questo film che avrebbe ricevuto grandi recensioni. Non la vedrete mai. Questa è la realtà“. Ma siamo sicuri che tutta la colpa del fallimento de I Fantastici Quattro sia della Fox? Oppure Trank non è riuscito a gestire le redini di un progetto più grande di lui?

mallrats_704

7) Generazione X: Kevin Smith è uno dei registi più altalenanti della storia del cinema ma Generazione X è il punto più basso della sua carriera: “Non so cosa stavo pensando“, una scusa che dimostra la consapevolezza dell’autore di Clerks di dover chiedere perdono ai suoi fan. Eppure noi stiamo ancora aspettando le scuse per Tusk, uno dei film più brutti di Johnny Depp

Armageddon-2

6) Armageddon: “Mi scuso per Armageddon perché l’ho girato in 16 settimane. Se avessi potuto avrei rifatto l’intero terzo atto ma lo studio ci ha preso la pellicola. Il mio supervisore degli effetti visivi ha avuto un crollo nervoso. Così ho chiamato James Cameron e gli ho chiesto: ‘che cosa fai se ti trovi costretto a realizzare anche gli effetti speciali del tuo film?“. Successivamente Michael Bay ha affermato di non essersi mai scusato per Armageddon. Nel frattempo noi stiamo ancora aspettando le scuse per Transformers 4

6cda133908

5) Sotto il cielo delle Hawaii: Una delle maggiori debolezze di Sotto il cielo delle Hawaii è il personaggio interpretato da Emma Stone, una ragazza nata da una madre occidentale e da un padre di origine cino-hawaiana: “La mia idea originale era una donna bianca che ha un’eredità mista. Chiedo scusa a tutti coloro che hanno sentito o percepito questa scelta come sbagliata“. Eppure il casting di Emma Stone non è il motivo principale dell’insuccesso di Sotto il cielo delle Hawaii, un film per cui Cameron Crowe dovrà scusarsi ancora a lungo.

4) Fuga di mezzanotte: “La realtà delle prigioni turche era stata riportata dalle associazioni dei diritti umani. Ma il ritratto del film è drammatizzato“. Con queste parole Oliver Stone si è scusato per la sceneggiatura di Fuga di mezzanotte, il film del 1978 di Alan Parker che evoca brutalmente l’universo carcerario in Turchia. Effettivamente la vera storia di Billy Hayes è stata in più punti estremizzata; un motivo per cui lo sceneggiatore premio Oscar Oliver Stone ha sentito il dovere di scusarsi.

george-clooney-bashes-batman-robin

3) Batman & Robin: “Se ho deluso i fan voglio scusarmi. Non era mia intenzione. Volevo solo intrattenerli”. Nonostante le ottime intenzioni di Joel Schumacher, Batman & Robin ha bruciato la carriera di Alicia Silverstone, deluso George Clooney e chiuso la saga nata con Michael Keaton nel 1989. Ma il vero motivo per cui Schumacher avrebbe dovuto chiedere scusa è la Bat Visa di Batman, il punto più basso nella storia cinematografica dell’uomo pipistrello.

2) The Brown Bunny: “Il film è un disastro e una perdita di tempo. Non era mia intenzione fare un’opera pretenziosa o utile. Volevo realizzare qualcosa di bello da condividere con gli altri. Posso solo scusarmi per questo film”. Non ci è andato leggero Vincent Gallo nel demolire The Brown Bunny; un film che, nonostante sia stato in seguito rimontato, ha continuato a ricevere le critiche del suo autore.

gods of egypt

1) Gods of Egypt: Alex Proyas difende a spada tratta il suo film ma ammette la colpa di non aver assunto nessun attore di origini egiziane: “Il casting di un film è complicato ma è chiaro che abbiamo fatto delle scelte sbagliate. Chiedo scusa per chi è rimasto offeso dalle nostre decisioni”; scuse a cui si è ricollegata anche la Lionsgate: “Abbiamo fallito nel mantenere i nostri standard di sensibilità e diversità. Il nostro obiettivo è realizzare film che riflettano la diversità del nostro pubblico”. Queste dichiarazioni sono emerse prima della release del film. Ma siamo sicuri che il casting sia l’unico aspetto dell’opera per cui scusarsi? Magari Proyas in futuro capirà che se grandi registi come Steven Spielberg e Oliver Stone possono sbagliare non c’è nulla di male nel chiedere scusa per i propri film.

Segnato da un amore incondizionato per la settima arte, cresciuto a pane e cinema e sopravvissuto ai Festival Internazionali di Venezia, Berlino e Cannes. Sono sufficienti poche parole per classificare il mio lavoro, diviso tra l’attenta redazione di approfondimenti su cinema, tv e musica e interviste a grandi personalità come Robert Downey Jr., Hugh Laurie, Tom Hiddleston e tanti altri.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Matrix 4 | Keanu Reeves rivela nuovi importanti dettagli

Pubblicato

:

matrix 4 evi newscinema

Ormai non si contano più le notizie giunte in questi mesi dalla produzione di uno dei sequel più attesi di tutti i tempi. Stiamo ovviamente parlando di Matrix 4, la pellicola diretta da Lana Wachowski, che vede il ritorno di Keanu Reeves nei panni di Neo.

Keanu Reeves parla di Matrix 4

Ed è proprio dalla voce dell’attore nato a Beirut che scopriamo nuovi dettagli circa il progetto. Durante un paio di interviste infatti, sia lui che il collega Neil Patrick Harris (il celebre Barney di How I met your mother), hanno svelato dei retroscena che faranno sicuramente la felicità di milioni di fan sparsi in tutto il mondo.

Leggi anche: Matrix 4, tutto quello che sappiamo della nuova avventura di Neo

Si parte con la smentita di un prequel, data dallo stesso Reeves durante la sua partecipazione al The One Show della BBC: Matrix 4 sarà quindi un vero e proprio sequel, agganciandosi alle vicende narrate in Revolutions.

matrix 4 newscinema
Carrie-Ann Moss e Keanu Reeves in una scena di Matrix

La pellicola è attualmente in fase di riprese; la location prescelta è Berlino. Del cast faranno parte anche Carrie-Ann Moss, Jada Pinkett-Smith, Lambert Wilson, mentre non dovrebbe tornar Laurence Fishburne, interprete del mitico Morpheus.

Anche Neil Patrick Harris in un ruolo marginale

La Wachowski siede in cabina di regia e collabora alla sceneggiatura con David Mitchell e Aleksander Hemon. Entrambi gli autori hanno già lavorato in precedenza con Lilly e Lana per l’acclamata serie Netflix Sense8.

Leggi anche: Matrix 4 | Primissimi video e foto dal set del film

Dal canto suo Harris, durante un’altra intervista (al Jess Cagle Show), ha fatto sapere che il prossimo Matrix rappresenterà un cambiamento a livello visivo. Non si conosce ancora il ruolo che ricoprirà l’attore divenuto celebre sul piccolo schermo, ma non dovrebbe essere uno principale. Inoltre si parla di un’“energia inclusiva”, il che farebbe pensare a qualcosa di davvero innovativo e importante dal punto di vista della narrazione e della simbologia che essa esibisce.

Matrix 4 sbarcherà nelle sale statunitensi il primo di aprile dell’anno 2021.

Continua a leggere

Cinema

Sarah Paulson | la brillante carriera dell’attrice americana

Pubblicato

:

american horror story sarah paulson newscinema compressed

Tra le tante attrici di Hollywood, Sarah Paulson negli ultimi anni è riuscita a conquistare il pubblico di tutto il mondo attraverso alcune serie tv diventate cult. Tra le sue ultime fatiche, vi consigliamo il prodotto seriale Ratched presente su Netflix, prequel del film Qualcuno volò sul nido del cuculo di Milos Forman.

Le prime esperienze di Sarah Paulson

Nata a Tampa da Catharine Gordon Dolcater e Douglas Lyle Paulson II, è cresciuta a New York con la madre, dopo il divorzio dei suoi genitori avvenuto quando aveva solo 5 anni. Le prime esperienze come attrice le ha avute sempre nelle serie tv con American Gothic (1995-96), e Jack & Jill (1999-2001).
Il mondo del cinema non poteva di certo lasciarsi sfuggire l’occasione di portare sul grande schermo un’attrice affascinante come lei. Il debutto cinematografico avviene con What Women Want – Quello che le donne vogliono (2000) insieme a Mel Gibson e Abbasso l’amore (2003).

Oltre alla commedia, anche il genere drammatico è un ottimo banco di prova per lei, con i lungometraggi Path to War (2002) e La scandalosa vita di Bettie Page (2005). Continua a vele spiegate la sua carriera come attrice di serie tv, con la serie drammatica Studio 60 on the Sunset Strip, ottenendo la sua prima candidatura ai Golden Globe. Dopo una breve parentesi nella serie comica Cupido nel 2009, ha preso parte come protagonista del film La fuga di Martha nel 2011, ottenendo una candidatura agli Emmy e ai Golden Globe per la miglior attrice non protagonista in una serie per la sua interpretazione di Nicolle Wallace nel film Game Change (2012).

ahs sarah paulson newscinema compressed

Leggi anche: Ratched | Il trailer dell’attesa serie di Ryan Murphy ora disponibile

La vera svolta: American Horror Story

Esperienza dopo esperienza, la Paulson partecipa a tre episodi della prima stagione di American Horror Story nel 2011, ottenendo un grandioso successo di pubblico e critica. Un’interpretazione che ha lasciato il segno, al punto tale da farla entrare nel cast ufficiale della serie TV di Fox a partire da AHS: Asylum. Il suo nome inizia a essere una presenza fissa nelle cerimonie di premiazione più prestigiose del mondo dello spettacolo.

Dal 2013 al 2018 ha ottenuto una nomination agli Emmy come miglior attrice non protagonista in una miniserie o film per la televisione, riuscendo a vincere nel 2016 il titolo per la serie American Crime Story: Il caso O.J. Simpson. La sua interpretazione come Marcia Clark, avvocato nella storia sul caso O.J. Simpson viene annoverata tra i suoi lavori meglio riusciti e pluripremiati con un Emmy, Screen Actors Guild Award, Golden Globe e il terzo Critics’ Choice Television Award.

Nel 2017 riceve una duplice candidatura di tutto rispetto ai Saturn Award e agli Emmy (la settima) per aver interpretato ben 3 ruoli diversi in American Horror Story: Roanoke. Per l’ottava stagione di AHS, la Paulson, non solo si cimenta in diversi ruoli sempre più folli, ma siede per la prima volta dietro la macchina da presa, debuttando come regista.

Leggi anche: Ratched | La recensione della nuova serie tv di Ryan Murphy

Serie tv ma anche tanto cinema

I suoi impegni sul set della serie AHS non la distolgono da altre proposte, provenienti dal mondo del cinema, prendendo parte a diversi film quali: lue Jay (2016), Rebel in the Rye (2017), The Post (2017), Ocean’s 8 (2018), spin-off di Ocean’s Eleven in cui è protagonista insieme a Sandra Bullock, Cate Blanchett, Anne Hathaway, Rihanna, Helena Bonham Carter, Mindy Kaling e Awkwafina, Bird Box (2018), Glass (2019), in cui interpreta l’antagonista principale, Il cardellino (2019) e Run (2020).

Nel 2020 è protagonista di due serie tv che hanno destato curiosità per le tematiche e il periodo storico nelle quali sono ambientate. La prima è la miniserie Mrs.America diretta da Anna Boden, Ryan Fleck, Amma Asante, Laure de Clermont-Tonnerre, Janicza Bravo nella quale interpreta Alice Macray.

Mentre la seconda, fresca fresca, è Ratched citata a inizio articolo e considerata il prequel del famoso film Qualcuno volò sul nido del cuculo del 1975. Co-prodotta dall’attrice e da Ryan Murphy, la Paulson sempre impeccabile esteticamente e da un punto di vista di sceneggiatura, veste i panni dell’iconica infermiera Mildred Ratched.

Continua a leggere

Cinema

Lockdown all’italiana | le difficoltà in amore ai tempi della quarantena

Pubblicato

:

lockdown allitaliana foto poster del film di enrico vanzina al cinema dal 15 ottobre 8 compressed

Una nuova commedia tutta italiana sta per arrivare nei cinema italiani tra poche settimane. Diretto da Enrico Vanzina, per la prima volta dietro la macchina da presa, dopo la scomparsa del fratello Carlo, il 15 ottobre uscirà al cinema il film Lockdown all’italiana.

La sinossi di Lockdown all’italiana

Il titolo è composto da una parola entrata nel linguaggio mondiale negli ultimi mesi: lockdown. La storia si svolgerà proprio durante il Lockdown scattato in tutto il mondo a causa della pandemia da coronavirus che ha costretto diverse persone a condividere 24 ore su 24, spazi comuni, portando a situazioni di sopportazione al limite. Nel film verranno mostrate due coppie che stanno per lasciarsi, ma che proprio a causa di questa situazione di emergenza, saranno costrette a vivere insieme. Sarà l’occasione per riscoprirsi innamorati o per lasciarsi una volta tornati alla normalità?

Leggi anche: Genitori quasi perfetti, la recensione del Carnage all’italiana

lockdownitaliana newscinema compressed

Leggi anche: Questione di Karma, la reincarnazione di una commedia raffinata e divertente

Il cast del film

Lockdown all’italiana è un progetto curato da cima a fondo da Enrico Vanzina, il quale ha firmato la regia e anche la sceneggiatura redatta in collaborazione con l’attrice co-protagonista Paola Minaccioni.

Come potrete notare dalla copertina, tra i membri del cast compaiono il noto conduttore del tg satirico Striscia la notizia, Ezio Greggio, la travolgente Paola Minaccioni, l’avvenente Martina Stella e il simpatico Ricky Memphis. Insieme a loro ci sono: Maria Luisa Jacobelli, Romina Pierdomenico, Harmail Kumar, Riccardo Rossi, Biagio Izzo, Maurizio Mattioli, Fabrizio Bracconeri e Gaia Insenga. Prodotto da Dean Film, New International insieme a Medusa Film, vede la presenza di Umberto Smaila e Silvio Amato per la colonna sonora.

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X