Connettiti a NewsCinema!

Gossip

Alien, 5 motivi per cui Ellen Ripley è una vera tosta

Pubblicato

:

Alien è un punto di riferimento culturale per il mondo dell’horror e dello sci-fi, che mostra una versione più grintosa e sordida dei viaggi nello spazio. Per una volta la navicella spaziale non è bianca, cromata e brillante. Abbiamo seguito un gruppo di astronauti terribilmente impreparati alla minaccia che incontreranno, sprovvisti di misure di sicurezza, e ufficiali militari pronti a guidare una squadra. E così arriviamo a conoscere Ripley, una delle donne più toste e micidiali del grande schermo interpretata da Sigourney Weaver.

Per celebrare Ellen Ripley ed il National Alien Day rivediamo alcune delle ragioni per le quali è considerata così “tosta”.

Non è facile ingannarla

È orgogliosa, forte e rimprovera chiunque si comporti da egoista come quando Ash ignora il suo ordine di mantenere Kane in quarantena, sfidando l’ordine speciale 937. Riprende il Tenente Gorman per le sciocche decisioni da lui prese e non esita a puntare il dito su Burke quando lei e Kent restano bloccati con due dei terrificanti alieni della storia. Non permette ad Hudson di andare fuori di testa ricordandogli di mantenere la mente lucida per sopravvivere. La lista potrebbe andare avanti ancora! La Weaver è un grande esempio di come un personaggio non sfiorisca mai: non ha paura del confronto e farà qualsiasi cosa perché la sua voce venga ascoltata.

Non è una semplice macchina

Prima di diventare una sorta di Xeno-clone super potente in Alien: Resurrection, Ripley era un Ufficiale bloccato nella missione sbagliata al momento sbagliato. Non è una di quelle super assassine che uccidono tra make up e mosse sexy . È insolente, caparbia e soprattutto molto umana. Ripley era originariamente un ruolo scritto per un uomo, ma quando Sigourney Weaver è entrata a far parte del cast non hanno cercato di rendere il personaggio più femminile. Ellen Ripley non è una damigella in pericolo il cui ruolo è definito dagli uomini intorno a lei o dalle relazioni che ha con loro. È una figura definita dalla sua intelligenza strategica e dal suo istinto di sopravvivenza. Questa donna è indiscutibilmente una delle più significative protagoniste della storia del cinema.

Sa essere materna

Dopo aver appreso della morte della figlia, Ripley ne rimane devastata. Tutto ciò che desidera è tornare semplicemente a casa sana e salva per l’undicesimo compleanno della figlia. Quando trova Newt il suo primo istinto è quello di prendersi cura di lei. Cerca di capire cosa la piccola può aver passato e si rende conto di quanto un bambino possa rimanere traumatizzato. Una delle sue frasi più cool è: “Sta lontana da lei”. Ripley è guidata dal desiderio di proteggere, infatti si prende cura anche del gatto Jonesy, salvandolo in uno dei momenti in cui qualsiasi persona direbbe: “Pensa a te e non al tuo amico pelosetto”. Così la Weaver ci dimostra come incarnare un personaggio forte dal cuore gentile.

È maledettamente attenta

A Ripley non importa nulla di come uccidere uno Xenomorfo. In Alien lo spinge nella camera d’aria, gli spara con un lanciarpioni, ed arriva a bruciare la stanza dei motori. Una tripletta esagerata ma assolutamente necessaria. In Alien 3 richiede un’autopsia completa che supervisiona per poi bruciare i corpi di Hicks e Newt in modo da evitare brutte sorprese. È inoltre l’unica ad insistere per seguire il protocollo di quarantena quando Kane torna dal Nostromo con un alieno sconosciuto attaccato alla faccia. A volte bisogna prendere decisioni difficili che possono non piacere e la nostra ragazza non esita a farlo.

È un’ eroina iconica

Ellen Ripley è solo la terza in comando ma cerca di farsi carico della situazione calmando gli altri membri dell’equipaggio quando le cose cominciano ad andare male. Quando il Tenente Gorman ignora il suo piano d’azione, lei molla tutto e corre a salvare i sopravvissuti della squadra. Anche se non ha una preparazione militare il Caporale Hicks si rivolge a lei per dei consigli chiedendole un’ultima parola sulle decisioni da prendere. Da Ufficiale di guerra a “ Signora dei Sopravvissuti ”, Ripley esce dalla sua eterna battaglia con licenza di uccidere. Infine, quando è ancora umana, commette un ultimo eroico gesto: nel momento in cui capisce di avere uno Xenomorfo che sta crescendo dentro di lei, si sacrifica per salvare il genere umano. Un’eroina indimenticabile come la straordinaria saga creata da Ridley Scott nel 1979.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gossip

Naya Rivera è morta a soli 33 anni, ritrovato il corpo

Pubblicato

:

naya rivera

Naya Rivera, famosa per il suo ruolo pionieristico nei panni di Santana Lopez nella serie musicale di successo Glee, della Fox è morta a soli 33 anni dopo la scomparsa e alcuni giorni di ricerca.

Il suo corpo è stato identificato al Lago Piru nella Contea di Ventura, in California. L’ufficio dello sceriffo della Contea di Ventura lo ha confermato in una conferenza stampa. Lo sceriffo Bill Ayub ha dichiarato che non vi era alcuna indicazione di suicidio o omicidio.

Rivera è stata identificata per la prima volta come una persona scomparsa coinvolta in un possibile annegamento sul lago Piru l’8 luglio dopo che suo figlio di 4 anni è stato trovato solo nella loro barca noleggiata. L’operazione di ricerca e salvataggio è continuata per altri cinque giorni tra scarsa visibilità dell’acqua e numerosi ostacoli sul fondo del lago.

Lui e Naya hanno nuotato insieme nel lago“, ha detto Ayub su Rivera e suo figlio. “Fu durante quel periodo che suo figlio descrisse di essere stato aiutato a salire sulla barca da Naya. … Ha detto agli investigatori di aver guardato indietro e di averla vista sparire sotto la superficie dell’acqua. ” Più tardi, ha aggiunto, “Crediamo che abbia raccolto abbastanza energia per riportare suo figlio sulla barca, ma non abbastanza per salvarsi.”

Come parte del cast di Glee, ha ricevuto diverse nomination agli Screen Actors Guild Awards, Grammys e Teen Choice Awards. Nata il 12 gennaio 1987, a Valencia, in California, Rivera – di origini portoricane, afroamericane e tedesche – apparve in alcune pubblicità da bambina e fece il suo debutto in serie all’età di quattro anni nella sitcom della CBS “La famiglia reale”. Prima dell’età di 10 anni, era apparsa anche in episodi di “Il nuovo principe di Bel-Air“, “Questioni di Famiglia“, “Sinbad” e “Baywatch“.

Da adolescente ha ottenuto un ruolo semi-ricorrente in “The Bernie Mac Show” della Fox, dove ha interpretato Donna tra il 2002 e il 2006. Il suo breakout, tuttavia, è stato il popolare “Glee” di Ryan Murphy, dove ha interpretato il ruolo di Santana, una cheerleader spietata che fa outing durante la serie. “Adoro tutti i nostri fan che sono al di là del fantastico e hanno visto un piccolo pezzo di se stessi in ognuno dei personaggi. Far parte di qualcosa di speciale ti rende speciale e Glee avrà sempre un posto speciale nel mio cuore ” ha detto.

Più di recente ha recitato nel film drammatico di danza di YouTube “Step Up: High Water“. Al di fuori della recitazione, Rivera ha anche intrapreso la carriera di cantante, firmando con la Columbia Records nel 2011 come artista solista. Nel 2013 ha pubblicato un singolo, Sorry, con il rapper Big Sean.

Nel 2016 Rivera ha pubblicato un libro di memorie intitolato Sorry Not Sorry: Dreams, Mistakes and Growing Up in cui ha discusso della sua esperienza in Glee e ha condiviso la sua storia di aborto con suo marito all’epoca, Ryan Dorsey, da cui in seguito ha divorziato. Rivera è sopravvissuta ai genitori Yolanda Rivera e George Rivera; il fratello minore Mychal, un giocatore della NFL; sorella Nickayla, una modella; e suo figlio Josey Hollis Dorsey, con l’ex marito Dorsey.

Continua a leggere

Gossip

ESCLUSIVA: Can Yaman e Francesca Cipriani? Andrea Carpinteri ci dice la verità

Pubblicato

:

can yaman

Prima di addentrarci nell’intervista rilasciata in esclusiva per NewsCinema da Andrea Carpinteri, amico stretto di Can Yaman, in merito alle dichiarazioni rilasciate dalla showgirl Francesca Cipriani, è bene specificare che il nostro sito non si è solito dare molto spazio a notizie di gossip. In questa occasione però abbiamo fatto un’eccezione perché quella che poteva sembrare una semplice dichiarazione, si sta trasformando in qualcosa di ben più grave.

Per questo motivo, abbiamo deciso di sostenere il talento e la professionalità dell’attore turco Can Yaman ormai da mesi e mesi, abbiamo deciso di scendere in campo e raccontare la verità.

Ciao Andrea, grazie per aver condiviso in esclusiva con NewsCinema queste dichiarazioni riguardanti il fatidico incontro che sarebbe avvenuto lo scorso 22 febbraio 2020 a Milano, tra la showgirl Francesca Cipriani e il divo delle serie tv turche Can Yaman. Ecco la prima domanda:

In queste ore sta rimbalzando su tutti i social la notizia rilasciata da Francesca Cipriani, in merito a una presunta simpatia tra lei e il divo turco Can Yaman, noto al pubblico italiano, per essere il protagonista della serie tv di successo Daydreamer- Le ali del sogno in onda su Canale 5. La soubrette,  intervenuta durante un programma radiofonico su RTL 102.5 con il giornalista Francesco Fredella, ha dichiarato di essersi innamorata di Can Yaman. Attore che cinque mesi fa ebbe modo di incontrare nel backstage del programma Live Non è la D’Urso in occasione della sua ospitata del 22 febbraio 2020. Tu che sei stato fotografato in diverse occasioni in compagnia di Can, durante quei giorni, puoi dirci qualcosa in merito?

Ciao. Quando ho letto le prime dichiarazioni della Signorina Francesca Cipriani devo ammettere che mi sono fatto una risata perché diceva di piangere tutti i giorni per Can. Fin qui tutto bene, perché ognuno è libero di esprimere i propri sentimenti come meglio crede. Quando ho letto altre dichiarazioni, totalmente false come: “Abbiamo parlato per un’ora e mi ha detto che ci saremmo rivisti” oppure “Mi lanciava molti sguardi” facendo intendere che ci fosse qualcosa in più, lì mi sono arrabbiato. Queste dichiarazioni che hanno fatto il giro del web sono arrivate fino in Turchia e questo mi è dispiaciuto molto. Can è un attore, un professionista e non merita questo gossip da due soldi. 

0 2

Andrea Carpinteri e Can Yaman

La showgirl ha anche dichiarato di aver parlato con Can Yaman per un’ora e di non aver potuto iniziare una frequentazione con lui, a causa del lockdown scaturito dalla pandemia del coronavirus. Durante questo colloquio, lei lo avrebbe invitato a cena fuori e lui avrebbe ( il condizionale è d’obbligo) risposto con un semplice: “Ok”. Neanche a dirlo, l’invito è poi finito nel vuoto, perché tale promessa non è mai stata onorata, come la stessa Cipriani ha ammesso in diretta radiofonica. Sempre in virtù del fatto che più di cinque mesi fa, tu sei stato uno dei pochi a essere presente anche nel backstage del programma della signora Barbara D’Urso puoi dirci davvero come sono andate le cose? 

Come avete visto attraverso i social, io ero presente durante tutto il weekend di Can a Milano e anche a Live Non è la D’Urso ero nel camerino con lui, con il suo agente e c’era Federico Fashion Style che gli sistemava i capelli, insieme a un’interprete e un autore del programma. Quello che è successo realmente è molto semplice: la signorina Cipriano si è messa davanti alla porta del camerino e ha chiesto di fare una foto con Can che molto educatamente ha detto di ‘Si’. Scattata la foto, ha detto “Grazie. Ciao”. Nessuno di noi ha più visto Francesca Cipriani. Tutti questi sguardi di cui parla lei nessuno di noi li ha notati. Penso che sia stata una mossa della ragazza per far parlare di sé, strumentalizzando un semplice selfie che ha chiesto da semplice fan.

0

Francesca Cipriani e Can Yaman

Come ben sai, lo scorso anno Can Yaman ha subito degli attacchi dalla stampa turca per alcune dichiarazioni che non sono andate giù ad alcuni. Al centro della vicenda, era stato condannato il suo modo di relazionarsi con le attrici femminili durante le riprese delle serie realizzate fin ora nella sua carriera. Come hai accennato anche tu, tali dichiarazioni della signora Cipriani sono arrivate anche nella terra di Yaman, da sempre bersaglio di attacchi gratuiti da parte della stampa turca. Ribadendo il concetto che tu sei una delle poche persone che ha avuto modo di trascorrerci tutto il week end, puoi per favore dichiarare qualcosa sul modo con il quale Yaman si è rivolto nei confronti della signora Cipriani?

Certo, Can è stato educato come sempre. Lo è con tutti, indipendentemente che siano donne o uomini. Dietro le quinte non è stata solo la Cipriani a chiedergli una foto ma anche altri personaggi pubblici italiani. Can ha trattato la signorina Francesca Cipriani come tutti gli altri, cioè con educazione e rispetto.

Grazie mille Andrea per aver condiviso con le fan di Can Yaman la verità su come sono andate realmente le cose. Speriamo che dopo queste dichiarazioni, tutto si dissolva il più velocemente possibile e si possa tornare a parlare delle novità lavorative di Can Yaman, ora che è sulla cresta dell’onda grazie alla serie Bay Yanlış che sta riscuotendo un grandioso successo in tutto il mondo.

Chi è Can Yaman

Continua a leggere

Cinema

J.K. Rowling | Le accuse di transfobia e la risposta dei colleghi di Harry Potter

Pubblicato

:

j.k. rowling

Proprio vero che negli ultimi tempi bisogna stare attenti a ciò che si dice, giacché anche la minima parola fuori posto o una semplice, innocente, battuta può diventare un pericoloso boomerang dopo che finisce prima in mani giornalistiche e poi nel tritacarne dei fan, spesso pronti a cogliere intenti discriminatori ovunque. Lo ha recentemente scoperto a proprie spese J.K. Rowling, attaccata a spada tratta sul web dagli oltranzisti del politically correct per un commento ironico postato su Twitter e relativo ad un articolo che invogliava a creare un mondo post-Covid-19 più giusto per le persone che hanno le mestruazioni.

La creatrice di Harry Potter aveva risposto in maniera sarcastica, sostenendo come esistesse una parola per definire quella determinata categoria e cioè “donne“. Una precisazione che non è piaciuta ed è stata considera razzista nei confronti delle persone trans, ancor oggi doventi fare i conti con la lotta per l’identità di genere.

J.K. Rowling | Fiumi di parole

daniel radcliffe

Daniel Radcliffe

Il caos mediatico che ne è scaturito mette ancora una volta in mostra, come nel caso di qualche anno fa coinvolgente James Gunn (anche se lì almeno i vecchi post contestati erano effettivamente controversi e di cattivo gusto), come un personaggio pubblico abbia poca convenienza ad esporsi e debba centellinare le proprie parole con la massima attenzione, soprattutto in un tweet. Per chi scrive è difficile trovare un vero motivo polemico, giacché il commento della Rowling appare volutamente ironico e da non essere preso alla lettera e non incita all’odio manco lontanamente, ma molte altre personalità dello showbiz hanno invece voluto dire la propria e criticato aspramente il suddetto, a cominciare proprio da due attori che devono alla penna della scrittrice gran parte della loro fama: stiamo parlando di Daniel Radcliffe ed Emma Watson.

Leggi anche: Harry Potter e La Maledizione dell’Erede a Broadway nel 2018

J.K. Rowling | Cause e ragioni

emma watson

Emma Watson

I due interpreti, lanciati al successo dai ruoli di Harry Potter ed Hermione Granger nella saga cinematografica tratta dai romanzi dell’iconico maghetto, hanno voluto dire la loro e si sono apertamente schierati contro la Rowling. Radcliffe, testimonial per l’organizzazione LGBT Trevor Project, ha infatti dichiarato: “Le donne transgender sono donne come tutte le altre e qualsiasi parere contrario offende la loro dignità, negando quanto sostenuto da persone che hanno molta più esperienza della Rowling e anche di me stesso“. Qualche ora più tardi si è accodata anche la Watson, mandando un messaggio di amore a tutti suoi fan transessuali.

La discesa in campo delle due popolari star e di diversi colleghi ha provocato una sorta di scuse da parte della Rowling, che sostiene di essere stata fraintesa e di come la sua netta contrarietà all’entrata in vigore di una controversa legge che permetterebbe ad uomini che dichiarano di sentirsi donne di entrare in spazi femminili sia dovuta ad un tentativo di violenza subito in gioventù. L’autrice va detto non è nuova ad esporsi sulla tematica, come quando qualche anno fa mise un like ad un post parzialmente più scomodo, e forse proprio per questo motivo la sua nuova uscita ha causato un putiferio così fuori misura.

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X