Connettiti a NewsCinema!

News

American Horror Story, recensione del primo episodio

Pubblicato

:

featured


 

Finalmente è arrivata anche in Italia la serie televisiva horror del momento: American Horror Story. Scritta e diretta da Ryan Murphy e Brad Falchuk, già creatori di telefilm cult quali Nip/Tuck e Glee, American Horror Story racconta, come dice lo stesso titolo, una tipica e terrorizzante storia americana: una famiglia con un doloroso aborto e un tradimento alle spalle, decide di trasferirsi da Boston a Los Angeles per poter iniziare una nuova vita.

Benjamin Harmon (Dylan McDermott), capofamiglia degli Harmon, è uno psichiatra di successo che cerca di convivere con sua moglie Vivien (Connie Britton) dopo averla tradita ripetutamente nel corso del matrimonio. Vivien, una donna distrutta dal tradimento di suo marito Ben e dal terribile aborto spontaneo subito, tenta in tutti i modi di ricominciare a vivere cercando di affogare il suo dolore in una vita piatta e normale. La piccola Violet Harmon (Taissa Farmiga), figlia di Ben e Vivien, è una ragazza problematica che cerca di superare le discussioni dei genitori e una scuola piena di bulli autoinfliggendosi terribili tagli sulle braccia. La famiglia Harmon decide di trasferirsi a Los Angeles per abbandonare i traumi del passato e ricominciare da zero una nuova vita, ma sceglie decisamente la casa sbagliata in cui traslocare: una antica villa vittoriana sede di terribili omicidi nel corso dei secoli. Dal momento che gli Harmon metteranno piede nella villa, incontreranno alcuni terribili personaggi, quali la inquietante e invadente vicina di casa Constance Langdon (Jessica Lange) e sua figlia Adelaide (Jamie Brewer), l’ambiguo Larry Harvey (Denis O’Hare), un precedente proprietario della villa sfigurato da un terribile incendio appiccato da lui stesso, Tate Langdon (Evan Peters), un adolescente disturbato in cura da Ben e Moira O’Hara (Frances Conroy), una governante dal misterioso passato. Gli Harmon cercheranno in tutti i modi di ricominciare una nuova vita pur essendo divenuti gli indiscussi protagonisti di un’altra tipica storia americana dell’orrore.

American Horror Story è un prodotto scritto, diretto e confezionato bene ispirato a capolavori del cinema horror quali Amityville Horror del 1979 di Stuart Rosenberg o a The Others di Alejandro Amenàbar. Introdotto da una sigla allo stesso tempo accattivante e disturbante, American Horror Story continua con una narrazione di stampo cinematografico di livello qualitativo molto alto, evidenziando per l’ennesima volta la superiorità delle serie televisive rispetto alla gran parte dei film usciti in sala. A spiccare in un cast di grandissimo livello artistico troviamo una Jessica Lange decisamente irresistibile nei panni della invadente nonché sboccata vicina di casa della famiglia Harmon, madre di una ragazza down e custode degli innumerevoli segreti della villa vittoriana maledetta. Ryan Murphy è un autore e un regista eccellente, dimostrando di saper passare dalla peccaminosità della chirurgia plastica di Nip/Tuck alle coreografie di Glee ai fantasmi di American Horror Story con una nonchalance unica, accompagnata sempre dal suo irresistibile senso dell’umorismo. Ovviamente in questo nuovissimo American Horror Story non vi sono solo pregi, ma anche brutti difetti, come una narrazione discontinua che rende difficile allo spettatore seguire con linearità la storia, la quasi totale assenza di tensione e orrore ed una rappresentazione complessiva che sa di già visto. In ogni caso è troppo presto per dare un giudizio complessivo su questa nuova interessante serie televisiva. Non ci resta che attendere la trasmissione dei successivi dodici episodi per poter comprendere se American Horror Story possa essere considerata o meno la degna erede del telefilm horror cult The Walking Dead.

American Horror Story viene trasmessa ogni martedì alle 22:45 sul canale satellitare Fox.

Segnato da un amore incondizionato per la settima arte, cresciuto a pane e cinema e sopravvissuto ai Festival Internazionali di Venezia, Berlino e Cannes. Sono sufficienti poche parole per classificare il mio lavoro, diviso tra l’attenta redazione di approfondimenti su cinema, tv e musica e interviste a grandi personalità come Robert Downey Jr., Hugh Laurie, Tom Hiddleston e tanti altri.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Teenage Mutant Ninja Turtles | le nuove tartarughe prodotte da Seth Rogen

Pubblicato

:

sethrogen meteoweek compressed

A giugno è stato annunciato che Seth Rogen e il suo partner di lunga data Evan Goldberg si sono uniti a Nickelodeon per realizzare il reboot di un film animato in CG intitolato Teenage Mutant Ninja Turtles . In una recente intervista rilasciata a Collider, l’attore ha parlato apertamente dell’inizio di questo progetto – ormai – imminente, rivelando che si tratterà di qualcosa completamente distaccato dagli adattamenti precedentemente realizzati.

Le dichiarazioni di Seth Rogen

L’attore e regista Seth Rogen parlando del film ha dichiarato:”Come fan da tutta la vita de Le Tartarughe Ninja, stranamente la parte” Teenage “di Teenage Mutant Ninja Turtles è sempre stata la parte che mi è piaciuta di più”. “E come se qualcuno che ha amato i film per adolescenti e ha girato molti film per i teenager, dedicando tutta la sua carriera a questo, decide di perfezionarsi. È molto eccitante per noi. Il resto non verrà trascurato, ma sarà un ottimo punto di partenza per il film”.

Il progetto animato in CG sarà prodotto da Seth Rogen , Evan Goldberg e James Weaver attraverso il loro banner Point Gray Pictures e diretto da Jeff Rowe mentre Brendan O’Brien si occuperà di scrivere la sceneggiatura.

Il nuovo film non segna solo la prima volta dopo oltre dieci anni dal film di animazione Teenage Mutant Ninja Turtles, ma segna anche la prima produzione cinematografica in CG per Nickelodeon Animation Studios, con Ramsey Naito, EVP di Animation Production e Sviluppo che supervisiona il progetto per Nickelodeon mentre Josh Fagen supervisiona Point Gray Pictures.

Leggi anche: Tartarughe Ninja 2: Il primo spettacolare trailer

teenageturtleninja newscinema compressed 1

Leggi anche: The Boys 2 | Il nuovo trailer svela alcune curiosità suoi nuovi episodi

Le origini di Teenage Mutant Ninja Turtles

Creato originariamente nel 1984 con l’omonimo fumetto dei Mirage Studios, gli eroi protagonisti della storia sono approdati sul piccolo schermo con la serie TV nel 1987. Solo tre anni dopo, nel 1990 sono arrivati al cinema ottenendo tra l’altro un grande successo al botteghino e tanto da aver realizzati altri tre film. Dopo un iniziale adattamento CGI nel 2007, il franchise sarebbe stato ripreso nel 2014 con un film ibrido tra live-action e CGI prodotto da Platinum Dunes e Paramount Pictures di Michael Bay.

Il primo venne presentato dalla critica mentre il secondo riuscì a riscuotere un successo, che il suo predecessore non fu in grado di avere. Fatto sta, che con l’arrivo del terzo film portò alla conclusione del progetto. Un reboot del genere, inizialmente era stato annunciato nel 2018 con Bay, Andrew Form e Brad Fuller come produttori e Andrew Dodge come sceneggiatore.

Continua a leggere

Backstage e Curiosità

Avatar | i nuovi mech subacquei utilizzati nel sequel di James Cameron

Pubblicato

:

avatar2 meteoweek compressed 1

Dalle ultime news che nel corso degli ultimi mesi – o meglio, anni – si sono rincorse sul nuovo film della saga di Avatar, l’acqua è destinata a svolgere un ruolo molto importante. Nei sequel diretti dal regista James Cameron, come testimonia anche il profilo Twitter, saranno presenti alcuni nuovi mech subacquei. Una novità tecnologica non di poco conto, che ha raccolto il plauso dei fan del regista e dei suoi film.

Quando usciranno i prossimi film?

Da quando è uscito il primo film, diventato pietra miliare della cinematografia di fantascienza, incertezze e ritardi hanno tenuto banco e spazientito anche i fan. Come se non bastasse, il blocco del set causato dalla pandemia per il coronavirus, ha fatto rallentare ancora di più le lavorazioni. Se pensate che dopo mesi, sono verso i primi di giugno, il cast e i tecnici hanno potuto battere un nuovo ciak in Nuova Zelanda.

Secondo il calendario stilato da James Cameron con gli studio, i prossimi film dovrebbero seguire queste date, salvo ulteriori ritardi.
Avatar 2 è stato rinviato di un anno intero dal 18 dicembre 2020 al 17 dicembre 2021.
Avatar 3 è passato dal 17 dicembre 2021 al 22 dicembre 2023. 
Avatar 4 dovrebbe uscire il 19 dicembre 2025.
Avatar 5, che concluderà tutta la storia, è previsto per il 17 dicembre 2027.

È giusto precisare però, che gli ultimi due sequel, saranno realizzati solo se gli altri due film precedenti segneranno dei numeri da capogiro al boxoffice.

Leggi anche: Avatar | Nuove foto dal set dei sequel di James Cameron

Leggi anche: Alla scoperta di Pandora – Il mondo di Avatar con un nuovo video

Il cast di Avatar 2

Il cast della serie Avatar comprende Kate Winslet, Edie Falco, Michelle Yeoh, Vin Diesel, Jemaine Clement e Oona Chaplin insieme a una lista di giovani attori.
Nel nuovo film troveremo di nuovo Sam Worthington, Zoe Saldana, Joel David Moore, Dileep Rao, Stephen Lang, Matt Gerald e Sigourney Weaver.

Continua a leggere

News

Ratched | Il trailer dell’attesa serie di Ryan Murphy ora disponibile

Pubblicato

:

ratched newscinema

Netflix ha rilasciato il primo trailer (visibile a fondo pagina) dell’attesa serie firmata dal sei volte vincitore di un Emmy Award, Ryan Murphy: Ratched si presenta come il prequel di quel capolavoro, diretto da Milos Forman e con Jack Nicholson, che è Qualcuno volò sul nido del cuculo.

Ratched | Sarah Paulson protagonista del prequel di Qualcuno volò sul nido del cuculo

Sarah Paulson (di recente vista e ammirata in Mrs. America) è la protagonista, nel ruolo della celebre infermiera Ratched, dalla sensibilità e le idee alquanto discutibili. Prima di lei Louise Fletcher ha vinto un Oscar per il ruolo.

ratched int newscinema
Sarah Paulson nei panni dell’infermiera Ratched

La serie è il prequel della pellicola del 1975, vincitrice del Premio Oscar come Miglior Film e basata sull’omonimo romanzo di Ken Kesey. La storia prenderà avvio nel 1947, mostrando lo sviluppo del personaggio, da umile infermiera a una dei più ripugnanti villain dello schermo di tutti i tempi.

Leggi anche: 5 personaggi iconici creati da Ryan Murphy

Creatore del progetto un giovane neodiplomato alla scuola di cinema che risponde al nome di Evan Romansky, al quale si deve la sceneggiatura. Si dice che l’agente di Murphy ci abbia impiegato un anno a comprare diritti e a convincere Douglas e la tenuta Saul Zaentz a saltare a bordo dell’impresa.

Ratched | La spunta Netflix nella battaglia per i diritti del progetto

A quanto sembra, ci sarebbe stata una vera e propria lotta tra Netflix, Hulu e Apple, prima che la spuntasse la piattaforma streaming che ospita i progetti di Murphy ormai da un po’ di anni.

Insieme allo stesso Murphy, a Douglas e a Romansky, Aleen Keshishian, Margaret Riley e Jacob Epstein della Lighthouse Management & Media vestiranno i panni di co-produttori esecutivi. La Paulson produrrà invece affiancata da Paul Zaentz della Saul Zaentz Company.

Leggi anche: Naya Rivera è morta a soli 33 anni, ritrovato il corpo

Lo Studio dello show è Fox 21. Il debutto su Netflix di Ratched è programmato per il 18 settembre 2020. E ora non resta che godersi il trailer!

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X