Connettiti a NewsCinema!
arrivederci professore arrivederci professore

Cinema

Arrivederci Professore, la recensione del film con Johnny Depp

Pubblicato

:

Quando Richard (Johnny Depp), stimato professore cinquantenne di letteratura inglese presso un rinomato college, scopre di avere un tumore ai polmoni che gli lascia non più di un anno di vita, decide che è giunto il momento di sfruttare al meglio il tempo che (gli) resta. E anche se inizialmente riuscirà a confessare il suo drammatico “segreto” solo al fidato amico Peter, mentre di contro dovrà metabolizzare insieme le confessioni della moglie Veronica e della figlia Olivia che gli riveleranno (rispettivamente) l’infedeltà della prima (con il rettore del college in cui lui insegna) e l’omosessualità della seconda, la strada del suo commiato sarà comunque un istante di liberazione pieno e senza filtri, un momento catartico in cui fare i conti con i sentimenti veri e il vero senso della vita.

Deciso a tenere nella sua classe solo gli studenti migliori e più brillanti, lanciato in una fase estremamente ribelle della sua vita e infilato in comportamenti ben più estremi e anticonformisti del solito, il nuovo Richard affronterà il suo Arrivederci al mondo mettendo in luce ciò che di più bello esiste, dando un calcio secco e deciso alla mediocrità, affrontando a pieno viso errori e conquiste di una intera esistenza. Perché quel poco tempo che ancora resta possa essere il tempo migliore mai vissuto. Un inno contro la mediocrità. Il divo bello e tenebroso per antonomasia Johhny Depp veste i panni riflessivi di un uomo di mezza età e ispirato professore costretto dalla imprevedibilità della vita a tirare le somme e a fare un precoce quanto veloce bilancio esistenziale. Con l’aria profonda, sempre un po’ maledetta, e qui anche parecchio “sdrucita” dell’uomo vissuto, il Richard dell’eclettico Depp si muove nei pressi della poesia ribelle del John Keating de L’attimo fuggente, pur assumendo un tono lievemente meno drammatico dell’indimenticato professore di Robin Williams.

arrivederci prof maxw 824

Come a voler guardare “nella” vita con uno sguardo d’improvviso più penetrante, Arrivederci professore affronta la questione dell’inopinabile caducità dell’esistenza, muovendo di contro l’importante riflessione sul valore da accordare a qualcosa che può – in effetti – da un momento all’altro svanire. Affrontando le spine dei suoi errori più grandi e raccogliendo i frutti degli affetti veri (per la moglie, la figlia, e l’amico Peter), il professor Richard scioglie così tutti i nodi del suo vivere, si toglie ogni sassolino dalla scarpa, mette al bando la mediocrità, e si concede il lusso di fare di ogni (suo ultimo) momento esattamente ciò che crede. Il regista Wayne Roberts costruisce questa commedia dolceamara sul commiato dalla vita affidando al divo Johnny Depp gran parte del lavoro sul senso del film. Ribelle nell’aspetto quanto nei tanti pensieri più o meno scoordinati che lo attraversano, Johnny Depp si cala a pieno nella sofferenza mai disperata del suo amabile professore, il tipo che trascina i suoi allievi al pub e si rimorchia la cameriera con un semplice occhiolino.

xjohnny depp e protagonista del film the professor maxw 1280.jpg.pagespeed.ic .a9q3roucsb

Una commedia che è una sorta di liberazione e che, muovendosi tra letteratura, senso e dramma della vita, fa crollare una a una tutte le certezze di un’esistenza fondata sulle cose (e non sui valori) e poco alla volta sfuma le luci di una borghesia adagiata sulle proprie apparenze, ma (come tutti) prima o poi costretta a fare i conti con il buio della parola Fine. Johnny Depp veste i panni del professor Richard in questa commedia drammatica che affronta il tema del valore da accordare a una vita che ha sempre e comunque una sua fine. Un’opera lieve che non raggiunge mai i picchi emotivi di una storia indimenticabile, ma che emana comunque un suo “discreto fascino borghese” incarnato dallo schivo e profondo professore del sempre bravo ed eclettico Depp alle prese con la sua fase attoriale più matura.

In me la passione per il cinema non è stata fulminea, ma è cresciuta nel tempo, diventando però da un certo punto in poi una compagna di viaggio a dir poco irrinunciabile. Harry ti presento Sally e Quattro matrimoni e un funerale sono da sempre i miei due capisaldi in fatto di cinema (lato commedia), anche se poi – crescendo e “maturando” – mi sono avvicinata sempre di più e con più convinzione al cinema d’autore cosiddetto di “nicchia”, tanto che oggi scalpito letteralmente nell’attesa di vedere ai Festival (toglietemi tutto ma non il mio Cannes) un nuovo film francese, russo, rumeno, iraniano, turco… Lo so, non sono proprio gusti adatti ad ogni palato, ma con il tempo (diciamo pure vecchiaia) si impara anche ad amare il fatto di poter essere una voce fuori dal coro...

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Cobra | 5 motivi per rivedere il film con Sylvester Stallone

Pubblicato

:

cobra newscinema

Cobra è un film del 1986, diretto da George Pan Cosmatos – sebbene ci sia la diffusa convinzione che lo stesso Sylvester Stallone, interprete principale e sceneggiatore, abbia messo mano e bocca su tutte le decisioni importanti – liberamente ispirato al romanzo di Paula Gosling, Bersaglio facile. Durante le riprese tra l’attore e Brigitte Nielsen c’erano delle simpatie, che furono molto chiacchierate sul set e fuori…

Cobra | Il contributo di Sly e la performance sul set

La performance del mitico Sly è frutto di un intenso lavoro, non solo dal punto di vista fisico. L’attore avrebbe dovuto infatti interpretare il protagonista di Beverly Hills Cop, ma alla fine il ruolo andò a Eddie Murphy. Fatto sta che Stallone aveva già messo mano alla sceneggiatura, riscrivendo molte sequenze per adattarle a lui e al suo phisique du role, e nel momento in cui il progetto è saltato, quelle modifiche furono apportate in Cobra. Da qui le voci che il regista fosse solo un nome sul cartellone. Si pensi inoltre che durante le riprese non era permesso a nessuno del cast secondario e della troupe di parlare con l’attore.

Leggi anche: Sylvester Stallone, 70 anni da Rocky

Cobra | Più morti che in un videogioco

In tutto, nel corso della narrazione, vengono uccise ben 52 persone. Provate a indovinare quante per mano dello stesso Cobra… Ve lo diciamo noi: 41! Ma provate a immaginare di poter controllare voi le azioni di Cobretti – ciò è stato reso possibile dal videogioco della Ocean Software per i computer Commodore 64, ZX Spectrum e Amstrad CPC – e di combattere contro le “belve della notte”. Avreste fatto di “meglio”?

cobra poster newscinema

Il poster del film

Cobra | Un cult all’epoca bistrattato

Dalle varie tagline con cui è stato pubblicizzato il film nell’ormai lontano 1986 – “Qui la legge si ferma, e comincio io.”, “La società sta allevando un nuovo tipo di criminale. Sta anche allevando un nuovo tipo di poliziotto.”, “Il crimine è una piaga… Lui è la cura.” – sembra di trovarsi davanti a un perfetto mix tra Robocop, Rambo e Callaghan. Non a caso c’è chi ha sollevato il confronto con quest’ultimo, dal quale Cobra ne esce inevitabilmente sconfitto.

Cobra | I tagli necessari a evitare la censura hanno condotto ai Razzie Awards

Non tutti lo sapranno ma Cobra è tra le pellicole che ha subito più tagli nella storia del cinema: dai circa 120 minuti iniziali, si è arrivati infine ad 84 per evitare il visto censura. Ma il risultato di una simile scelta pesò molto sul progetto. Ed è forse uno dei motivi per cui la critica lo stroncò e arrivò a ottenere ben sei candidature ai Razzie Awards, tra cui quella per il peggior film. Oggi è invece considerato un vero e proprio cult.

Leggi anche: Morto per overdose il figlio di Stallone

Cobra | La California al centro della storia di Cobretti

Uno dei motivi di interesse della pellicola è senza dubbio rappresentato dalle suggestive e riconoscibilissime location californiane, che fanno da sfonfo alle vicende. Dal porto di Los Angeles a Venice Beach, da Long Beach a Santa Clarita. Tra inseguimenti – la macchina che si vede è quella reale di Sly, una Ford Custom Mercury del 1950, di cui è stata fatta una copia per le scene più pericolose – sparatorie e attimi di relax, sarà un piacere per chi conosce la zone riconoscerne gli scenari e i punti più celebri.

Continua a leggere

Cinema

The Space Cinema | la riapertura di tutte le sale avverrà in due fasi

Pubblicato

:

the space cinema newscinema

Mentre l’emergenza sanitaria inizia a concedere una sorta di tregua, la riapertura di molte attività commerciali sta ormai diventando un realtà a tutti gli effetti. E la catena The Space Cinema è pronta a seguire l’onda

La seconda catena cinematografica più grande d’Italia è pronta a riaprire tutte le sale

Per quanto riguarda le sale cinematografiche, dopo l’UCI Cinemas, anche la seconda catena più grande d’Italia, è pronta a riaprire i battenti dei suoi cinema. La riapertura totale dovrebbe infatti avvenire entro il 20 agosto – si consideri che tale processo è cominciato il 26 giugno – quando tutte le sale The Space, presenti sul territorio italiano, saranno finalmente pronte a riaccogliere i loro spettatori.

Leggi anche: Come la pandemia del Coronavirus ha influito sul cinema e sui videogames

In questa nuova ed attesa fase sono previsti due momenti ben distinti, programmati per il 14 e il 19 agosto: Beinasco, Milano Odeon, Montebello della Battaglia, Lugagnano di Sona Pradamano, Sestu, Torri di Quartesolo, Trieste, Corciano, Montesilvano, Parma Campus, Napoli, Catanzaro, Belpasso e Salerno sono nella prima tranche; alla seconda appartengono Vimercate, Firenze, Terni, Roma Moderno, Cerro Maggiore, Genova, Guidonia, Lamezia, Limena, Livorno, Nola, Quartucciu, Roma Parco De Medici, Rozzano, Surbo e Torino.

the space newscinema

L’ingresso di un The Space Cinema

The Space Cinema | Quali saranno i primi titoli a tornare sul grande schermo

Tra i primi titoli che torneranno a emozionare sul grande schermo ci sono Onward – Oltre la magia, l’apprezzatissimo film Disney/Pixar, Inception e Interstellar del maestro Christopher Nolan (in attesa di veder finalmente uscire Tenet, che pare arriverà prima da noi che negli Stati Uniti), Shining e Arancia Meccanica di Stanley Kubrick. La scelta degli esercenti appare alquanto evidente, si punta a riportare spettatori in sala con grandi e rinomati titoli, in modo da avere una base solida su cui contare.

Prezzo del biglietto per il ritorno in sala fissato a 4,90 euro.

Continua a leggere

Backstage e Curiosità

Toy Story 3 | il regista Lee Unkrich svela come potrebbero morire i giocattoli

Pubblicato

:

toy story 3 newscinema compressed 1

I migliori film tendono a sollevare alcuni dei dibattiti più controversi , come ad esempio: Deckard di Harrison Ford è un replicante di Blade Runner? Non è stato che i grandi film possono suscitare anche delle domande strane come è accaduto per un lungometraggio della Pixar molto amato da grandi e piccini. Il quesito, semplice e allo stesso tempo complesso è stato: I giocattoli della serie Toy Story possono morire ? A tal proposito, il regista di Toy Story 3 Lee Unkrich è entrato in questo piccolo dibattito nato su Twitter per chiarire questo dubbio esistenziale.

Il tweet del regista di Toy Story 3

A far nascere questo dubbio amletico è stato il tweet di un ragazzo, postato due giorni fa, nel quale scrisse: “la mia ragazza e io stiamo litigando perché penso che i giocattoli di Toy Story siano immortali e lei pensa che possano morire”. In effetti, queste sono le classiche domande che solo le persone con estrema curiosità e fantasia possono porsi. Ma di fronte a un quesito del genere, serve il parere di un esperto in materia. Per tale ragione, il regista del film Toy Story 3 ha deciso di retwittare il messaggio, scrivendo: “Vivono finché esistono. Ma se dovessero essere completamente distrutti? Ad esempio, in un inceneritore? Game over.”

Leggi anche:  Toy Story 4, Woody e Buzz sono tornati nel nuovo trailer italiano

Leggi anche: Toy Story 4 recensione: ancora una volta verso l’infinito e oltre

Quella tragedia sfiorata nel film Toy Story….

Dopotutto, i giocattoli di Toy Story non sono immortali, sebbene secondo il post di Lee Unkrich su Twitter, sembra che ci voglia molto per ucciderli.
La maggior parte dei fan della saga d’animazione senz’altro ricorderà la temuta scena dell’inceneritore di Toy Story 3. Una scena fortemente emotiva, che ha richiesto oltre un anno per poterla animare adeguatamente. Woody, Buzz, Jessie e il resto della banda si trovano ad affondare nel loro ardente destino, credendo di essere giunti ormai alla fine. A quel tempo, sembrava che la Pixar avrebbe davvero deciso di uccidere i giocattoli, ponendo fine alla trilogia per sempre.

Questo, ovviamente, non sarebbe mai successo, secondo voi potrebbe essere possibile una cosa del genere in un film per bambini? Fortunatamente, Woody e gli altri ne uscirono illesi e senza causare traumi infantili.

Consigli di Cine-Shopping

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

filmhorror 300x250

Recensioni

Pubblicità

Facebook

Film in uscita

Agosto, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Settembre

Nessun Film

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X