Connettiti a NewsCinema!

Disney +

Baymax Dreams | tutti i segreti della nuova serie Disney

Pubblicato

:

baymax dreams newscinema

Il primo episodio della nuova serie di cortometraggi Baymax Dreams sarà disponibile su YouTube sabato 8 agosto, prima di approdare successivamente in streaming anche sulla piattaforma Disney+ . Ispirato al programma televisivo Big Hero 6 The Series di Disney Television Animation e al film Big Hero 6 del 2014, lo show animato mette in scena il contenuto dei sogni di Baymax, robot infermiere simile ad un enorme marshmallow riprogrammato da Hiro per combattere il crimine. Anche Baymax sogna le pecore elettriche?

Baymax Dreams | la serie Disney+

Disney Television Animation, con il supporto di Unity e del gruppo Disney Direct to Consumer & International Technology (DTCI), ha ideato Baymax Dreams come un laboratorio per sperimentare  nuovi miglioramenti sugli effetti visivi, l’illuminazione e le ombreggiature. “Utilizzando VFX Graph e Shader Graph di Unity, i nostri artisti sono stati in grado di ottenere risultati creativi che in precedenza sarebbe stato impossibile ottenere”, ha dichiarato la Disney.

“Lo schermo sullo stomaco di Baymax, per esempio, e altri dettagli sono tutti più minuziosi e realistici, contribuendo a un’esperienza visiva più dinamica e coinvolgente”. Del resto, come ha dichiarato Gino Guzzardo, direttore esecutivo di Disney Television Animation: “Abbiamo detto fin dall’inizio del nostro piccolo esperimento che l’innovazione tecnica sarebbe stata l’obiettivo principale, ma non riusciremo a determinare un’evoluzione tecnologica duratura se mettiamo da parte l’immaginazione e la creatività”.

Leggi anche -> Howard | il documentario sul geniale paroliere Disney

Un prodigio tecnologico

Quando la sezione di ricerca e sviluppo di Disney Television Animation si è rivolta a Unity per sviluppare i tre nuovi cortometraggi con protagonista il personaggio preferito dai fan di Big Hero 6, utilizzando un motore in tempo reale come tecnologia per la loro realizzazione, i due team hanno messo insieme una squadra di artisti e ingegneri di talento sparsi per il mondo, coordinati dal regista Simon J. Smith (Penguins of Madagascar, Bee Movie). Usando la loro passata esperienza su film, effetti visivi, giochi, architettura e realtà virtuale, il team si è messo alla prova per costruire queste storie in un modo nuovo.

“Non sapevamo davvero come sarebbe andata”, dice Smith. “Nessuno di noi aveva fatto niente di simile con un motore 3D. Ha richiesto la rottura di tutto ciò che sapevano sul cinema. Ma una volta che il team ha iniziato a lavorare, è diventato chiaro che i vantaggi della produzione in tempo reale erano molto maggiori. Dopo che ogni episodio è stato immaginato e messo nero su bianco in una sceneggiatura, è stato inserito in Unity, saltando il tradizionale processo di storyboard. “In Unity siamo essenzialmente passati direttamente alla previsualizzazione”, ha spiegato il produttore Wood.

Il design del personaggio

Il look di Baymax è stato sviluppato da John Parsaie, Unity Graphics Engineer, che è riuscito a rendere su schermo dettagli del personaggio, come il bagliore della sua “luce notturna”, utilizzando l’High-Definition Render Pipeline (HDRP). Il motore ha dato al team la libertà di creare un “set virtuale”, nel quale osservare una scena da qualsiasi angolazione, in qualsiasi momento. Ciò ha fornito flessibilità a Smith e al suo assistente regista Mark Droste per velocizzare i tempi di realizzazione.

Studente presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Autore di diversi articoli pubblicati su mensili locali quali Bisceglie in Diretta e Il Biscegliese e siti d’informazione online locali e non. Ha collaborato con siti di informazione videoludica, come GameBack, GamesArmy e gamempire.it. Attualmente è redattore di Bisceglie24 e gestisce il blog cinematografico Strangerthancinema.it.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Big | perché rivedere il cult con Tom Hanks da oggi su Disney+

Pubblicato

:

53ecff51e36f4a6f5064054cc9e70c1f

Big, la commedia del 1988 diretta da Penny Marshall con Tom Hanks e Elizabeth Perkins, è ufficialmente disponibile in streaming da oggi su Disney Plus. Ecco perché rivederlo. 

Big | perché rivederlo su Disney+

Prima di diventare il “padre di tutti gli americani”, l’ordinary man rassicurante, per bene e onesto, quello a cui guardare con ammirazione ma anche con tenero affetto, Tom Hanks è stato lo sciocco, il ragazzo con la faccia buffa, il gran commediante di film svelti e fracassoni come La retata, Turner e il casinaro e, appunto, Big, sicuramente il più conosciuto e apprezzato di quella fase della sua filmografia. Il film, infatti, fu un vero e proprio successo di pubblico e la Marshall, all’epoca, diventò la prima regista donna ad aver diretto un film riuscito ad incassare più di 100 milioni di dollari al box office.

Protagonista del film è un 12enne di New York, tale Josh Baskin (interpretato da giovane da David Moscow e da grande, ovviamente, da Tom Hanks), innamorato segretamente di Cynthia, una sua compagna di scuola molto più grande di lui. Un giorno, mentre si trova al luna park, si avvicina ad una macchinetta del mago Zoltar ed esprime il suo più grande desiderio: quello di diventare grande. Il giorno dopo, Josh si sveglia e si accorge di essere diventato un affascinante 30enne. 

1477446065618

Il talento di Tom Hanks

Furono evidenti fin da subito le eccezionali capacità mimetiche di Tom Hanks, che ottenne il ruolo nel film dopo i rifiuti ricevuti da Robert De Niro, Harrison Ford e John Travolta. Ancora oggi stupisce la sua abilità nell’apparire realmente un bimbo diventato improvvisamente un 30enne, sfruttando quasi esclusivamente la mimica facciale e le espressioni del viso. Meritatamente, infatti, per la sua performance fu premiato con il Golden Globe al “miglior attore in un film commedia o musicale” e ottenne anche la nomination agli Oscar come Miglior attore protagonista. Oltre ad Hanks, anche gli sceneggiatori Gary Ross e Anne Spielberg ebbero una nomination agli Oscar e a Penny Marshall andò la Menzione Speciale del Festival di Venezia del 1988.

Un remake di Da Grande?

Prima del suo lavoro su Big, Penny Marshall, nota anche come attrice, aveva girato da regista solo Jumpin’ Jack Flash nel 1986, commedia con Whoopi Goldberg. Ma con il film con Tom Hanks riuscì a raggiungere un pubblico vastissimo, grazie anche alla presenza dell’attore protagonista, già famoso per Splash – Una sirena a Manhattan. Non tutti ricordano però la lunghissima polemica secondo cui la Marshall si sarebbe ispirata alla commedia Da grande del regista Franco Amurri, uscita un anno prima, con protagonista Renato Pozzetto. Le similitudini tra le due opere sono effettivamente tante, ma nella storia del cinema americano c’erano già due precedenti. Il primo è il film ad episodi Storia di tre amori, del 1953, diretto da Gottfried Reinhardt e Vincente Minnelli (in uno degli episodi, l’attore Farley Granger viene trasformato in adulto da un incantesimo che scade a mezzanotte per conquistare una bellissima ragazza). Il secondo è Tutto accadde un Venerdì, dove Barbara Harris e Jodie Foster si ritrovano l’una nei panni dell’altra. Inoltre Big arrivò nelle sale solo sei mesi dopo l’uscita del film con Pozzetto, ma la sua realizzazione iniziò molto tempo prima. 

Continua a leggere

Disney +

Earth to Ned | il trailer del nuovo talk show Disney condotto da un alieno

Pubblicato

:

earth to ned newscinema

È stato pubblicato un primo trailer di Earth to Ned, stranissimo talk show “alieno” in arrivo dal 4 settembre sulla piattaforma streaming Disney+. Lo show avrà come host un extraterrestre di nome Ned, giunto sulla Terra per conquistarla, prima di venire folgorato dalla cultura del pianeta. 

Il trailer di Earth to Ned

Il formato di Earth to Ned è quello, estremamente popolare negli Stati Uniti, del late night show. Lo show si svolge sul ponte dell’astronave dello stesso Ned, nascosta sotto terra in un luogo sconosciuto, così da non essere identificabile dalle autorità federali. Insieme al suo braccio destro Cornelius, il protagonista cercherà di capire meglio i terrestri attraverso una serie di interviste a personaggi noti e meno noti. 

Gli ospiti dello show

Nella prima  stagione dell’inusuale show compariranno diversi volti noti come Joshua Bassett (High School Musical: The Musical: La serie), Rachel Bilson (The O.C.), Michael Ian Black (Wet Hot American Summer), Rachel Bloom (Crazy Ex-Girlfriend), Gina Carano (The Mandalorian), RuPaul (RuPaul’s Drag Race), Taye Diggs (Rent) e Lil Rel Howery (Scappa – Get Out). E ancora Bindi e Robert Irwin (Crikey! It’s the Irwins), Gillian Jacobs (Community), NeNe Leakes (The Real Housewives of Atlanta), Thomas Lennon (Reno 911!), Joel McHale (Community) e Andy Richter (Conan). A loro si aggiungeranno Olivia Rodrigo (High School Musical: The Musical: La serie), Eli Roth (regista di Hostel), Kristen Schaal (Gravity Falls), Paul Scheer (The League), Jenny Slate (Zootropolis), Raven Symoné (Raven’s Home), Reggie Watts (The Late Late Show with James Corden) e Billy Dee Williams (la saga di Star Wars). A dare la voce a Ned ci sarà invece l’attore Paul Rugg.

Leggi anche -> Baymax Dreams | tutti i segreti della nuova serie Disney

In arrivo su Disney+

Gli episodi della prima stagione saranno dieci, ciascuno incentrato su un diverso tema, dallo sport ai social media, dalla moda alla comicità moderna. La serie è co-prodotta da The Jim Henson Company, come già il recente Muppets Now. I pupazzi della serie, tra cui il protagonista e il suo luogotenente Cornelius, sono stati realizzati e animati da Jim Henson’s Creature Shop.

Continua a leggere

Cinema

The Greatest Showman | perché vedere il musical su Disney+

Pubblicato

:

greatest showman newscinema

Continua l’ondata di film 20th Century Fox in arrivo sulla piattaforma Disney+ a seguito della recente fusione tra le due compagnie. Non fa eccezione The Greatest Showman, musical con Hugh Jackman diretto da Michael Gracey ed interpretato da un cast d’eccezione composto da Zac Efron, Michelle Williams, Zendaya e Rebecca Ferguson. Ecco perché vederlo.

Conoscere la figura di Barnum

Barnum è stato l’imprenditore che ha creato la formula del freak show. Dopo di lui molti altri circensi hanno seguito il suo esempio, andando a caccia dei personaggi più bizzarri da poter coinvolgere nella propria scuderia. Molti di loro all’epoca diventarono delle vere e proprie celebrità nell’ambiente, arrivando a guadagnare molti soldi. Altri, invece, vennero abbandonati al loro destino non appena la loro popolarità cominciò a scemare.

Leggi anche -> The Greatest Showman: intervista a Jonathan Redavid, l’unico italiano nel cast

greatest showman newscinema 1

La bravura di Hugh Jackman

È Hugh Jackman, con la sua bravura, a tenere ogni scena, recitando, suggerendo, emozionando, soffrendo e poi ballando e cantando. Il motivo per il quale Jackman si è dimostrato subito interessato al progetto lo ha spiegato lui stesso in una intervista: “Per Barnum il successo non era semplicemente un sogno, ma una necessità” ci ha detto l’attore, “Vedeva il mondo con occhi diversi: per me è come Steve Jobs, ha cambiato il mondo dello spettacolo per sempre. Bisogna essere fieri di essere diversi, non ci si deve conformare: ciò che ti rende diverso ti rende speciale. Sono affascinato da chi ha il coraggio di vivere la vita come vuole e di percorrere nuove strade”.

L’esaltazione dell’artificio

Il reale interesse cinematografico di The Greatest Showman sta nel modo in cui esalta l’artificiosità del set e l’irrealtà degli effetti visivi (di cui si è fatto ingente uso, facendo lievitare sensibilmente il budget). Con i suoi sfondi in digitale, i suoi colori accesi e la volontà di creare un mondo sempre percepibile come irreale, esagerato e teatrale, in cui ogni dolore viene sfumato dalla passione dalla quale tutti sembrano dipendere, il film sembra costantemente ricordare allo spettatore la natura fittizia di ciò che sta vedendo. Il film è vicino a Chicago e a quell’estetica fondata sullo sfarzo, in cui la coreografia dei balli è sempre sofisticata ed elaborata, anche se tutto avviene attorno ai personaggi che non ballano. Chi ha nostalgia di quel cinema potrà trovare in The Greatest Showman molti elementi di interesse.

La colonna sonora

La colonna sonora del film ha riscosso un grande successo a livello mondiale, raggiungendo la prima posizione in molti Paesi come gli Stati Uniti, Australia, Regno Unito e Giappone. Inoltre, è arrivando in prima posizione in 77 Paesi del mondo su ITunes. La canzone This Is Me ha vinto il Golden Globe per la migliore canzone originale e ha conquistato una nomination al Critics’ Choice Movie Award per la miglior canzone e all’Oscar per la migliore canzone originale. 

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X