Connettiti a NewsCinema!
chris evans chris evans

Biografie

Chris Evans, dagli esordi a Captain America

Pubblicato

:

Christopher Robert Evans nasce a Sudbury (Massachusetts) il 13 giugno 1981. Figlio di Bob Evans e dell’italo americana Lisa Capuano, il ragazzo trascorre la sua infanzia a Boston dove, durante gli studi, scopre la sua passione per la recitazioneSeguendo la sua vocazione, dopo un diploma alla Lincoln-Sudbury Regional High School si trasferisce a New York dove prende parte alle lezioni della Lee Strasberg, una scuola di recitazione tra le più rinomate.

Per mantenersi agli studi comincia a lavorare per delle agenzie di casting: un ottimo modo per prendere dimestichezza con quello che sarà, da lì a pochi anni, il suo ambiente di lavoro. Per Chris, le prime opportunità di mettersi in mostra arrivano da alcune apparizioni in serie TV come Opposite Sex nel  2000, anche se già nello stesso anno prende parte al cast di The Newcomers, pellicola del regista James Allen Bradley. Anche se il ruolo è piuttosto marginale, si tratta dell’inizio della sua carriera cinematografica.

chris evans torcia umana

Chris Evans come la torcia umana

Dagli esordi alla Torcia Umana

L’attore appare anche in Non è un’altra stupida commedia americana di Joel Gallen (2001), dove viene principalmente ricordato per una scena dalle tinte piuttosto hot. Nel 2004, Chris ha il piacere di recitare in Perfect Score e Cellular, affiancandosi ad attrici del calibro di Scarlett Johansson e Kim BasingerIl vero e proprio salto di qualità però, arriva quando viene scelto per interpretare la Torcia Umana in I Fantastici 4. Il film del 2005, diretto da Tim Story, consente all’attore di raggiungere un notevole livello di notorietà. Dopo Sunshine (2007) di Danny Boyle, Chris torna a vestire i panni della Torcia Umana in I Fantastici 4 e Silver SurferRaggiunto il successo però, l’attore non vuole legarsi indissolubilmente alla figura del supereroe Marvel. Si cimenta così nel thriller La notte non aspetta (2008), diretto da David Ayer e con protagonista Keanu Reaves. Segue il ruolo da protagonista in Push (2009) thriller fantascientifico di Paul McGuigan che conferma come Chris sia una presenza valida anche al di fuori dei cinecomic.

Captain America e il debutto come regista

Nonostante ciò, il richiamo del mondo supereroistico è troppo forte: in The Losers (2010) di regia di Sylvain White, l’attore torna a vestire i panni di un personaggio tratto dai fumetti, anche se in questo caso si tratta del soldato Jake Jensen. In occasione di Captain America – Il primo Vendicatore (2011) di Joe Johnston, Chris Evans è protagonista del film, continuando a interpretare il personaggio anche in occasione di The Avengers (2012) e in Thor: The Dark World (anche se appare solo per pochi istanti del film). L’attore torna ad interpretare Captain America/Steve Rogers in Captain America: The Winter Soldier (2014) diretto dai fratelli Russo.

captain america chris evans

Chris Evans è Captain America

Leggi anche: Le 10 migliori improvvisazioni Marvel

Chris non soddisfatto di ciò che fa davanti alle telecamere, decide di cimentarsi come regista. Sempre nel 2014 dunque, si presenta Toronto International Film Festival con il suo Before We Go. Il ruolo di Captain America però, gli è ormai cucito addosso e in Avengers: Age of Ultron e Captain America: Civil War (rispettivamente del 2015 e 2016) torna a vestirne i panni per la gioia dei tanti fan. La musica non cambia con Avengers: Endgame (2019) ancora una volta dei fratelli Anthony e Joe Russo.

Tutte le notizie su Chris Evans in tempo reale qui.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Biografie

Mark Ruffalo | carriera e vita privata dell’attore e produttore americano

Pubblicato

:

mark ruffalo newscinema compressed

Basta vedere una fotografia di Mark Ruffalo per far spuntare un sorriso sul volto di chi la guarda. Il volto un po’ pienotto e i tratti somatici tipicamente mediterranei, lo rendono uno degli attori più amati dal pubblico di tutto il mondo. Artista completo (attore, regista, produttore e sceneggiatore) Ruffalo nella vita ha dovuto affrontare delle sfide che lo hanno messo a dura prova, ma dalle quali è riuscito a uscirne da vincente. Scopriamo qualcosa in più sulla sua carriera e sulla vita privata dell’ Hulk di Hollywood.

Mark Ruffalo| La formazione

Mark Ruffalo è nato il 22 novembre del 1967 a Kenosha, in Wisconsin, nelle sue vene scorre sangue italiano da parte di padre (Frank Lawrence Ruffalo, pittore edile) e sempre italiano, francese e canadese da parte di madre (Marie Rose Hebert di professione parrucchiera). Il giovane Mark insieme alle due sorelle Tania e Nicole e il fratello Scott e i genitori si trasferiscono a Virginia Beach dove vivono fino alla fine del liceo.

Il trasloco dei Ruffalo li vede arrivare a San Diego e successivamente Los Angeles. Sarà in queste grandi città, che Mark riuscirà a imporsi alla gente che conta nel mondo dello spettacolo. Per poter avere una formazione culturale seria, decide di iscriversi allo Stella Adler Conservatory, arrivando a diventare uno dei fondatori della Orpheus Theatre Company.

Leggi anche: Cattive acque | la recensione del film con Mark Ruffalo

contasudime newscinema compressed

Mark Ruffalo | Gli esordi cinematografici

Ruffalo prima di diventare l’attore che tutti conosciamo, per guadagnare qualche soldo senza gravare sulla famiglia, ha fatto il barman in un locale e nei tempi ‘morti’ si dedicava alla stesura del copione, alla recitazione e alla costruzione di scenografie insieme al direttore della fotografia. Nel 2000 arriva l’occasione che cambierà la vita di Ruffalo,con il commediografo e sceneggiatore Kenneth Lonergan,. Lui il film Conta su di me, che lo vede protagonista assoluto per la prima volta, ottenendo tra l’altro grandi riconoscimenti da parte della critica e del pubblico, tanto da soprannominarlo come “il nuovo Marlon Brando”. Negli anni ’90, continuano con le parti minori in film come The Dentist, Safe Man Studio 54.

 Altri titoli che hanno contribuito ad accrescere alla sua carriera, Se mi lasci ti cancelloCollateral, 30 anni in 1 secondo, Vizi di famiglia Tutti gli uomini del re. Nel 2007 viene scelto dal grande regista David Fincher per interpretare Dave Toschi nel film Zodiac.

Il grave problema di salute di Mark Ruffalo

Ora che tutto stava andando verso la strada giusta, nel 2003 gli viene diagnosticato, un tumore benigno al cervello che aveva compromesso una parte del volto, rimasta in semi-paresi. Grazie all’intervento tempestivo e alle cure, nel 2003 annuncia a tutti di aver sconfitto il tumore e di poter dedicare nuovamente, tutto se stesso, al cinema. Nello stesso anno infatti, insieme a Meg Ryan sono i protagonisti di un thriller piccante, intitolato Jane Campion In the Cut nel quale interpreta un detective cattivo, violento e senza scrupoli. Una bella lezione di vita per non dire mai “non puoi farcela”.

Il primo ciak in veste di regista

La prima esperienza come regista avviene nel 2010 con il film Sympathy for Delicious, ottenendo anche il premio della giuria al Sundance Film Festival. Durante un’intervista, Mark Ruffalo racconta di aver messo insieme un film di amici che si sono prestati alla sua opera prima, con un budget molto limitato. Una storia molto toccante ma ben scritta e interpretata da attori quali Orlando Bloom, Juliette Lewis e Laura Linney.

hulk ruffalo newscinema compressed 1
hulk ruffalo newscinema compressed 1

Hulk e il successo mondiale

Dopo lo stop dovuto alla malattia, la carriera di Ruffalo inizia a decollare sempre di più. Registi di alta qualità e colleghi ormai super affermati, sono i suoi nuovi compagni di viaggio. Il film thriller Shutter Island diretto da Martin Scorsese con Leonardo DiCaprio ne è un chiaro esempio. Così come nel film drammatico I ragazzi stanno bene insieme ad Annette Bening e Julianne Moore nel 2011, ottenendo anche la nomination ai Premi Oscar come miglior attore non protagonista.

Il vero successo, quello con la ‘s’ maiuscola, arriva con la Marvel, quando viene chiamato per sostituire Edward Norton nel ruolo dello scienziato Bruce Wayne, il suo alter ego, Hulk, nel film The Avengers. Il suo impegno nel mondo dei supereroi non lo blocca nel prendere parte a film più leggeri, come Tutto può cambiare con Keira Knightley. Subito dopo, viene scritturato per Foxcatcher e Teneramente folle che lo mettono nell’Olimpo degli attori in grado di interpretare ruoli romantici, comici e drammatici in maniera sublime.

Tra i film più importanti non si può tralasciare il film Premio Oscar Il caso Spotlight diretto da Tom McCarthy nel 2015 con un cast eccezionale composto tra gli altri da Rachel McAdams, Michael Keaton e Stanley Tucci. Continua intanto la sua avventura nei panni del mostro verde Hulk con i film della Marvel Cinematic: Avengers: Age of Ultron (2015); Thor: Ragnarok (2017); Avengers: Infinity War (2018) e Avengers: Endgame (2019)

Leggi anche: Mark Ruffalo per le famiglie separate al confine in un video contro Trump

mark ruffalo wife sunrise coigney newscinema compressed

La vita privata

La vita privata di Mark Ruffalo è stata abbastanza movimentata. Sposato per la prima volta con l’ex collega Sunrise Coigney è diventato papà di tre bellissimi figli: Keen nel 2001; Bella nel 2005 e Odette nel 2007. Vegetariano da molto tempo, purtroppo Ruffalo nel 2008 ha dovuto dire addio al fratello Scott dopo essersi sparato involontariamente.

Continua a leggere

Biografie

Timothée Chalamet | carriera e vita privata della nuova stella di Hollywood

Pubblicato

:

timothee chalamet newscinema compressed

Signore e signori un nuovo astro sta brillando sempre di più nel firmamento di Hollywood. Fisico esile, sguardo da furbetto e idolo delle ragazzine, Timothée Chalamet è pronto per essere decretato come l’attore più richiesto del momento dai produttori cinematografici di tutto il mondo. Entrato in punta di piedi con piccole comparsate, nel giro di pochissimi anni è riuscito a imporsi al mondo del cinema e facendosi amare dai registi che lo vogliono all’interno dei loro progetti. Scopriamo più da vicino chi è Chalamet, il fidanzato che tutte le mamme vorrebbero per le proprie figlie.

La formazione

Timothée Hal Chalamet è nato a New York il 27 dicembre 1995 ed è un attore statunitense (madre) con cittadinanza francese (padre). Cresciuto nel famoso quartiere di Hell’s Kitchen, vicino a Broadway e agli Actors Studio, fin da subito ha dimostrato di avere una buona attitudine al mondo dello spettacolo. Le prime esperienze su un set lo hanno visto protagonista di diverse pubblicità e di due cortometraggi di genere horror. Appoggiato dai genitori, frequenta il liceo Fiorello H. LaGuardia High School of Music & Art and Performing Arts, dove inizia a formarsi come attore teatrale e cinematografico.

Nel 2009 viene scelto per una puntata della nota serie Law & Order – I due volti della giustizia e il film Un Amore per Leah. Il debutto ufficiale a teatro invece avviene due anni dopo, a Off-Broadway, con la commedia The Talls. Grazie al ruolo di Nicholas, 12enne che si avvicina al sesso, la critica inizia a mettere gli occhi su di lui e scrivendo solo recensioni positive su questo personaggio.

Chiusa l’esperienza teatrale, approda in televisione con due serie tv di grande successo quali, Royal Pains nel ruolo di Luke e nella seconda stagione di Homeland, come Finn Waden. Un ruolo che per la prima volta lo vede ritirare un premio, lo Screen Actors Guild Award.

Leggi anche: Dune | Zendaya alza le aspettative dopo aver visto il primo trailer

interstellar newscinema compressed

L’esordio al cinema

Timothée Chalamet nel 2014 debutta al cinema con il film Men, Women & Children insieme ad attori del calibro di Adam Sandler e Jennifer Garner. Il vero successo arriverà grazie al fantascientifico Interstellar diretto da Christopher Nolan, nel quale interpreta il figlio del protagonista, Matthew McConaughey. Ogni progetto, minore o importante che sia, riesce sempre a fare breccia nella critica che lo elogia come pochi attori di Hollywood. Nel 2015 viene scelto per il film Natale all’improvviso nel quale si trova a condividere il set con due attori sacri del mondo del cinema: Diane Keaton e John Goodman.

L’amore per il teatro non lo abbandona mai, ma anzi, cerca di farlo convivere parallelamente a quello per il cinema. Nel 2016 viene candidato per il premio Drama League Award come Miglior attore protagonista, riuscendo a vincere il prestigioso Lucille Lortel Award con lo spettacolo Prodigal Son.

chiamami col tuo nome newscinema compressed

Il successo

La consacrazione per Chalamet arriva nel 2017 grazie a un talentuoso regista italiano, che fin da subito ha visto in lui, il personaggio perfetto per raccontare una storia atipica, toccante e romantica. Il cineasta Luca Guadagnino con Chiamami col tuo nome, regala al bell’attore americano e francese, la sua prima nomination ai Premi Oscar nel 2018 come Miglior attore protagonista. Il lavoro dietro al personaggio di Elio Pearlman, è stato accurato prima ancora di battere il primo ciak.

Come riportato in diverse interviste, per entrare nella parte del giovane Elio che si innamora dell’affascinante Oliver (Armie Hammer), ha dovuto imparare l’italiano e a suonare il pianoforte e la chitarra. Oltre alla candidatura agli Oscar, ha ottenuto una nomination anche ai Golden Globe, allo Screen Actors Guid Award oltre e ai BAFTA come miglior attore protagonista e miglior stella emergente ai BAFTA. A completare questo anno meraviglioso, l’inserimento nella classifica degli attori dell’anno secondo il New York Times.

Nel 2017 la sua carriera cinematografica ha preso il largo, partecipando a film di diverso genere come Hostiles diretto da Scott Cooper con Christian Bale e Rosamund Pike. Il drammatico Lady Bird diretto da Greta Gerwig insieme a Saoirse Ronan, ottenendo un’altra candidatura agli Screen Actors Guild Awards.

giornodipioggia chalamet newscinema compressed

La stella di Hollywood

Se c’è una qualità di Timothée Chalamet è il fatto di non tirarsi mai indietro, anche quando ci sono storie molto complesse come nel caso Beautiful Boy, nel quale interpreta il ruolo di Nic Sheff, un tossicodipendente. Anche in questo caso, trio di candidature provenienti da Golden Globe, BAFTA e Screen Actors Guild Award. Dopo l’esperienza di Lady Bird, Timothée viene diretto nuovamente da Greta Gerwig nel reboot di Piccole Donne e per la prima volta entra a far parte del mondo di Woody Allen con il film Un giorno di pioggia a New York. Oltre a storie ambientate ai giorni nostri, si cimenta anche nel dramma Il re, adattamento del dramma storico Enrico V di William Shakespeare.

In questo 2020 a dir poco complicato a causa del coronavirus, a parte gli spettacoli a teatro, dovrebbe uscire il film The French Dispatch of the Liberty, Kansas Evening Sun diretto da Wes Anderson e con un cast ricco di volti noti di Hollywood. E infine, ecco il titolo che sta incuriosendo il pubblico di tutto il mondo: il remake di Dune per la regia di Denis Villeneuve, dove interpreta il ruolo di Paul Atreides.

Leggi anche: Timothée Chalamet sarà Bob Dylan, ecco tutti i dettagli

timothee chalamet eiza gonzales newscinema compressed
Timothée Chalamet ed Eiza Gonzales

La vita privata di Timothée Chalamet

L’attore americano è noto per essere particolarmente riservato e lontano da scandali. Le uniche ragazze che i giornali hanno accostato al suo nome sono state il volto di Chanel, Lily- Rose Depp, figlia di Johnny Depp e Vanessa Paradis. Poi l’influencer italiana Marta Pozzan e infine, l’attrice di origine messicana Eiza Gonzàlez, con la quale pare che sia fidanzato ufficialmente.

Continua a leggere

Biografie

Emily Blunt | dai primi passi nel mondo del cinema al successo mondiale

Pubblicato

:

emily blunt newscinema

Nata a Londra il 23 febbraio del 1983, Emily Blunt, attrice britannica naturalizzata statunitense, è oggi una delle interpreti più apprezzate dal pubblico e fra le più richieste dai grandi autori del cinema mondiale. Ripercorriamo insieme la sua carriera, dai primi passi nel mondo del cinema fino al successo commerciale in grandi blockbuster campioni di incassi. 

Emily Blunt | i primi passi nel cinema

Dopo gli studi di recitazione, Emily Blunt comincia la sua gavetta in teatro, portando in scena Romeo e Giulietta di William Shakespeare. L’attrice debutta sul piccolo schermo solo nel 2003, con il film Boudica, diretto da Bill Anderson. Nello stesso anno interpreta la regina Catherine Howard nella miniserie tv Henry VIII.

Il primo ruolo importante, che la lancia definitivamente come volto del cinema d’autore, prima ancora che commerciale, arriva nel 2004, al cinema, in My Summer of Love diretto da Paweł Pawlikowski e riguardante l’amore omosessuale tra due adolescenti. Un ruolo che la porta all’attenzione dei maggiori produttori hollywoodiani, conducendola nel 2006 a recitare al fianco di Susan Sarandon ne Le verità negate.

Leggi anche -> Dwayne Johnson ed Emily Blunt | Dopo Jungle Cruise di nuovo insieme

Emily Blunt | il successo mondiale

L’attrice ha ottenuto i primi riconoscimenti internazionali per le sue interpretazioni nel film My Summer of Love (2004) e nel film televisivo Gideon’s Daughter (2006), che le è valso il Golden Globe nella categoria di migliore attrice non protagonista in una serie, miniserie o film televisivo. Il successo mondiale arriva però con il film Il diavolo veste Prada (2006), per il quale ottiene la sua seconda candidatura ai Gloden Globe, nella categoria di migliore attrice non protagonista in una commedia/musical.

Emily Blunt ha poi proseguito la sua carriera tra l’unanime apprezzamento di critica e pubblico, ricevendo altre quattro nomination ai Golden Globe per i suoi ruoli nel film storico The Young Victoria (2009), nella commedia romantica Il pescatore di sogni (2011) e nei musicali Into the Woods (2014) e Il ritorno di Mary Poppins (2018). Nel 2019 si è aggiudicata il prestigioso Screen Actors Guild Award nella categoria di migliore attrice non protagonista per la sua interpretazione nel film A Quiet Place – Un posto tranquillo (2018), diretto dal marito John Krasinski.

emily blunt newscinema

Vita privata dell’attrice

L’attrice è stata fidanzata con il cantante Michael Bublé, per il quale ha partecipato ai cori del brano Me and Mrs. Jones incluso nell’album Call Me Irresponsible. Nel 2009, dopo la rottura con Bublé, si fidanza con l’attore e regista John Krasinski, convolando a nozze il 10 luglio 2010 a Cernobbio, sul lago di Como. La coppia ha due figlie, Hazel, nata il 16 febbraio 2014, e Violet, nata nel giugno 2016. Dall’amore tra i due è nato anche un importante sodalizio artistico culminato nella creazione del franchise A Quiet Place, diretto da Krasinski ed interpretato da Emily Blunt.

Nell’agosto 2015 ha ottenuto la cittadinanza statunitense. È cognata dell’attore Stanley Tucci, il quale è sposato con la sorella dell’attrice, Felicity Blunt.

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X