Connettiti a NewsCinema!

Serie tv

Buffy: 20 anni di vampiri, amore e ironia

Pubblicato

:

Nel 1992 debutta nei cinema Buffy – L’ammazzavampiri, l’horror dalle sfumature comedy scritto da Joss Whedon e interpretato dai teen idol degli anni Novanta Kristy Swanson e Luke Perry. Il film, diretto da Fran Rubel Kuzui, si rivela un flop ma, cinque anni più tardi, nasce dalle sue ceneri l’omonima serie televisiva trasmessa in America dal 1997 al 2003.

Rivoluzionati la storia e il cast originale, lo show racconta in 144 episodi la lotta contro le forze del male di Buffy Summers, la cacciatrice di vampiri di Sunnydale. Un trionfo di creature mostruose e amori impossibili che lancia star del calibro di Sarah Michelle Gellar (Scream 2, The Grudge, Scooby-Doo), Alyson Hannigan (How I Met Your Mother) e David Boreanaz (Bones).

Sette stagioni, uno spin-off e un fan-base degno di Star Trek, Buffy conquista tra ironia, guizzi gore e drammi shock. In occasione dei venti anni dall’arrivo di Buffy in tv, vi riveliamo cinque punti di forza dell’iconico vampire-show di Joss Whedon:

1. La sigla rock

È inutile negarlo, la sigla di Buffy è uno dei motivi per cui amiamo lo show di Whedon!

Incisa dai Nerf Herder (ottennero l’incarico solo perché, dopo il flop del film, la produzione limitò le spese), la musica rock che introduce le sette stagioni della serie tv è un must degli anni Novanta. Un cocktail di chitarre elettriche e batterie infuocate che, senza parti cantate, riflette il respiro teen dello show con Sarah Michelle Gellar.

buffy

Sarah Michelle Gellar e il cast di Buffy

2. Il cast di star

Il cast originale prevedeva nei ruoli di Buffy Summers e Xander Harris, due volti molto diversi da Sarah Michelle Gellar e Nicholas BrendonKatie Holmes e Ryan Reynolds erano le prime scelte per la Cacciatrice di Sunnydale e il suo goffo migliore amico. Fortunatamente Katie Holmes preferì la timida Joey Potter di Dawson’s Creek e Ryan Reynolds rifiutò per non rivivere i drammi del liceo.
Oltre alla star di Scream 2, The Grudge e Cruel Intentions, Buffy lanciò nello star system  Alyson Hannigan (How I Met Your Mother e la quadrilogia di American Pie), Anthony Head (Merlin, A spasso con Bob), David Boreanaz (Bones), James Marsters (Smallville) e Michelle Trachtenberg (17 again, Gossip Girl). Tra le guest star ricordiamo Amy Adams, Rachel Bilson, Clea Duvall, Wentworth Miller e John Ritter.

buffy

Il folle e sorprendente episodio musical di Buffy

3. Il cocktail di generi

Buffy è una delle prime serie tv che fonde generi televisivi antitetici. Lanciato come teen-horror, Buffy evolve come teen drama, screwball comedy e musical. Un linguaggio innovativo per gli anni Novanta, l’era in cui gli show trascendono raramente le premesse del pilot.

Tra dialoghi arguti e riferimenti pop, Buffy apre le porte della televisione a un cocktail di generi unico e indefinibile. È impossibile non restare sedotti da La vita è un musical, l’episodio della sesta stagione dove gli abitanti di Sunnydale vengono costretti a ballare e cantare da un malvagio incantesimo. Un cult che, tra performance straordinarie e brani originali, ispira grandi show come Grey’s Anatomy, Scrubs, That’s 70 Show e How I Met Your Mother.

buffy

La morte di Buffy, uno shock per milioni di spettatori

4. L’effetto shock

Nonostante i toni grotteschi e l’ironia di fondo, Buffy sconvolge gli spettatori con scelte coraggiose e inaspettate. Partendo dal finale della quinta stagione dove la Cacciatrice si sacrifica per salvare il mondo, lo show di Whedon regala sorprendenti twist. Scelte di regia e sceneggiatura in contrasto con lo spirito teen della serie che, quando meno ce lo aspettiamo, diventa adulta e violenta.

Come dimenticare la morte di Joyce nel sedicesimo episodio della quinta stagione? Tra i must della serie con Sarah Michelle Gellar ricordiamo l’epilogo scritto e diretto da Joss Whedon. Un capolavoro che, tra sacrifici e momenti cult, regala l’ultimo shock di Buffy!

buffy

Un epilogo che strappa lacrime e sorrisi

5. Uno show rivoluzionario

Rivisto oggi, Buffy non ha lo stessa forza degli anni Novanta. Una fragilità che trae origine dall’aver ispirato e rivoluzionato la televisione che tutti amiamo. Dalla fusione di generi diversi all’amore tragico tra la Cacciatrice e il vampiro Angel (da cui la saga di Twilight e la serie tv The Vampire Diaries hanno preso spunto), Buffy è uno show iconico e rivoluzionario. Un cult divenuto nel tempo una pietra miliare dell’entertainment mondiale.

Al di là degli effetti retrò, del respiro vintage e dei guizzi kitsches, Buffy è immortale come la sua Cacciatrice. Un’eroina che, nei nostri ricordi, incenerisce vampiri armata di paletti di frassino e ironia.

Segnato da un amore incondizionato per la settima arte, cresciuto a pane e cinema e sopravvissuto ai Festival Internazionali di Venezia, Berlino e Cannes. Sono sufficienti poche parole per classificare il mio lavoro, diviso tra l’attenta redazione di approfondimenti su cinema, tv e musica e interviste a grandi personalità come Robert Downey Jr., Hugh Laurie, Tom Hiddleston e tanti altri.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Netflix

Stateless | La recensione della serie Netflix con Cate Blanchett

Pubblicato

:

image60

Quattro distinte storie, quattro percorsi personali che si incrociano e intrecciano all’interno di un campo di detenzione per gli immigrati in attesa di richiesta d’asilo su suolo australiano. Una giovane donna di origini tedesche che sta fuggendo da un culto che l’aveva circuita e un rifugiato di origini afgane in cerca di ciò che rimane della sua famiglia, e poi ancora un padre di famiglia che pensava di aver trovato il lavoro perfetto e una burocrate alle prese con la complessa gestione della struttura e degli esseri umani lì reclusi.

Stateless non va per il sottile già nei primi due episodi, qui oggetto di analisi, e riporta alla mente almeno nelle fasi iniziali la struttura ad incastro che tanta fortuna diede a Alejandro González Iñárritu nella realizzazione della sua Trilogia sulla morte. In occasione dell’arrivo in esclusiva su Netflix vi portiamo alla scoperta di un progetto ricco di spunti interessanti e aperto a riflessioni quanto mai contemporanee.

Leggi anche: Netflix, i film originali in arrivo a Luglio 2020

stateless netflix

Stateless – Lo scavo del dramma

Il primo episodio in particolar modo è quello più frastagliato, con i vari tasselli che seguono le relative storyline prima di collimare definitivamente e aprire un quadro generale più esaustivo e organico. Un approccio ad alto ritmo che rischia parzialmente di introdurre troppo velocemente i personaggi e le contigue situazioni che le vedono coinvolti, con un montaggio che alterna senza continuità di sorta i vari cambi di location per esporre nel minor tempo possibile tutte le carte narrative in ballo.

Se l’intento di fondo appare già quindi lodevole, la messa in scena è invece poco omegenea e solo dalla seconda puntata si comincia a intravedere il cuore pulsante del racconto, quando la “prigione” per i richiedenti asilo diventa l’ambientazione principale. E allora ecco il via ad una manciata di flashback che riguardano il controverso personaggio di Sofie, nella ricerca di variera un’impostazione base che altrimenti potrebbe soffrire di stagnazione.

Leggi anche: 5 curiosità su Cate Blanchett

stateless 103 190529 bk 0578r

Stateless – Spunti e potenzialità

Stateless accende i riflettori sul dramma sempre attuale inerente l’immigrazione di massa, che riguarda bene o male gran parte del mondo occidentale, e non è un caso che la vicenda sia ambientata proprio in Australia, uno dei Paesi che impone maggior restrizioni a chi varca i confini nazionali. Una serie fortemente voluta dalla produttrice Cate Blanchett, che si ritaglia anche un amiguo ma efficace ruolo secondario, proprio per porre l’attenzione sull’argomento e aprire gli occhi al grande pubblico su dinamiche spesso sconosciute all’opinione pubblica.

La storia è ispirata a quanto realmente accaduto alla cittadina di origini tedesche Cornelia Rau, detenuta in uno di questi campi per dieci mesi tra il 2004 e il 2005, con le ovvie libertà del caso per rendere il tutto più appetibile allo spettatore. Questi due episodi d’apertura garantiscono una discreta carica tensiva, con momenti toccanti ed altri spiazzanti, e un discreto contorno che mette anche a confronto le differenze sociali tra i vari angoli del pianeta, innescando al contempo elementi pronti a scatenare sviluppi interessanti nel prosieguo del racconto. Se il buongiorno si vede dal mattino, le premesse sono incoraggianti.

Continua a leggere

Cinema

Amazon Prime Video Italia | Le novità di luglio 2020

Pubblicato

:

amazon prime video luglio 2020

Due film molto diversi tra loro e il ritorno di due amate serie – entrambe con la terza stagione – sono tra le novità attese nel catalogo di Amazon Prime Video nel mese di luglio 2020. Per ciò che concerne il lato cinematografico segnaliamo l’arrivo dello shark-movie/sequel 47 metri: Uncaged e del nostrano È per il tuo bene, già al centro di alcune polemiche extra-artistiche negli scorsi giorni, mentre per ciò che concerne il “piccolo schermo” citiamo l’arrivo dei nuovi episodi della spionistica Hanna e della mystery-poliziesca Absentia.

47 metri: Uncaged – 1 luglio

47 metri uncaged

47 metri: Uncaged

Il primo film, intitolato semplicemente 47 metri (2017), era un notevole esponente del filone shark-movie, capace di instillare un sano terrore a tema e una palpabile dose di tensione per la pressoché totalità della visione. Una gabbia calata nell’oceano per poter osservare gli squali diventava una prigione per le due protagoniste che, in seguito ad un incidente, dovevano scegliere se affrontare i predatori marini o fare i conti con la mancanza di ossigeno che diminuiva minuto dopo minuto. In questo sequel, diretto dal medesimo regista Johannes Roberts, aumenta il numero dei personaggi – sono quattro le ragazze coinvolte – e il Messico rimane ambientazione acquatica, con un’altra gita in barca destinata a trasformarsi nuovamente in tragedia.

È per il tuo bene – 2 luglio

È per il tuo bene

È per il tuo bene

Un altro film italiano che giunge in esclusiva nel catalogo di Amazon Prime Video, come i recenti casi – tra i tanti – di L’amore a domicilio (2019) e Cambio tutto (2020). Un film che è già diventato un caso mediatico (chissà quanto studiato a tavolino?) per via di un poster: la prima locandina infatti citava solo i nomi dei protagonisti maschili, nonostante l’importanza dei ruoli del cast femminile, comprendente attrici ben conosciute dal grande pubblico come Isabella Ferrari, Valentina Lodovini e Claudia Pandolfi.
Polemiche a parte, la storia si concentra su tre distinte famiglie (i padri sono interpretati da Marco Giallini, Vincenzo Salemme e Giuseppe Battiston) che entrano in crisi quando le rispettive figlie si fidanzano. La prima con una ragazza, la seconda con un uomo maturo e la terza con un rapper, dando inizio ad una serie di equivoci e situazioni paradossali.

Leggi anche: Amazon Prime Video | I film in esclusiva più attesi di giugno 2020

Hanna (Stagione 2) – 3 luglio

hanna

Hanna

La prima stagione della serie ispirata al film di Joe Wright con protagonista Saoirse Ronan ha convinto seppur non entusiasmato e in questa nuova tranche di episodi il pubblico attende di vedere se le potenzialità verranno finalmente a galla in tutta la loro capacità.
La storia è incentrata sulla giovane Hanna, una ragazza di quindici anni che vive con Erik, il solo uomo da lei conosciuto, in una remota località della Polonia. La protagonista è il risultato di esperimenti atti alla creazione di supersoldati e quando il governo ordina l’eliminazione di tutti i bambini coinvolti nel progetto, per Hanna inizierà una fuga nonché la ricerca di vendetta e risposte. Nel ruolo principale la oggi ventenne Esme Creed-Miles.

Absentia (Stagione 3) – 17 luglio

absentia

Absentia

Arriva la terza stagione dell’avvincente serie interpretata e prodotta da Stana Katic, incentrata su un’agente dell’FBI che a sei anni dalla scomparsa fa il suo ritorno senza avere alcun ricordo di quanto trascorso in quel lasso di tempo. La donna scopre che il marito Nick si è risposato e il figlio la vede come un’estranea, trovandosi poi coinvolta in una serie di omicidi dei quali risulta la principale sospettata.
I nuovi episodi riprendono da dove si era conclusa la seconda stagione e vedranno la protagonista alle prese con un nuovo caso che potrebbe cambiare drasticamente il suo già precario equilibrio familiare, con lo stesso Nick che finisce in una situazione di grande pericolo. La protagonista dovrà affrontare una cospirazione inimmaginabile per salvare le persone che ama.

Continua a leggere

Can Yaman

Bay Yanlış | il primo episodio con Can Yaman e Özge Gürel [Recensione]

Pubblicato

:

Bay Yanlış

Credo che Il Signore degli Anelli: “Il ritorno del Re” sia il titolo perfetto per celebrare il ritorno di Can Yaman in una serie tv. Per chi ha avuto modo di seguire le vicissitudini mediatiche che hanno travolto l’attore turco nell’ultima parte del 2019 sicuramente si troverà d’accordo con alcune considerazioni che troverà nel corso della recensione. Prima che qualcuno possa pensare che questa precisazione possa essere fuori luogo, in realtà, ciò che è andato in onda ieri sera con il primo episodio di Bay Yanlış ha dei punti che meritano una particolare attenzione. In attesa dei sottotitoli in italiano caricati dalla Fox su YouTube potrete leggere tutto quello che è accaduto durante l’episodio. Buona lettura!

Bay Yanlış | Buona la prima!

A partire dalle prime immagini del promo e da alcune indiscrezioni inerenti la trama, avevo intuito che per la prima volta una serie tv made in Turkiye avrebbe offerto ai suoi spettatori un prodotto molto diverso rispetto al passato. E così è stato. Bay Yanlış guidato dall’attore del momento Can Yaman e dalla bravissima Özge Gürel ha portato sul piccolo schermo una ventata di novità, come non si sentiva da molto tempo.

La sceneggiatura scritta da Asli e Banu Zengin è curata nei minimi dettagli. Gli ingranaggi funzionano senza intoppi e rendono scorrevolissime le 2 ore di messa in onda senza pause pubblicitarie. La percezione e il modo con il quale hanno voluto mettere sullo stesso piano la donna e l’uomo, è la prima grande novità di questo progetto prodotto da Faruk Turgut della Gold Film. Addio ai soliti clichè, visti e stravisti, del protagonista in veste di capo dell’azienda e della sua futura fidanzata o moglie, impiegata come assistente o segretaria.

La regia curata da Deniz Yorulmazer in maniera perfetta, dinamica, scattante e coinvolgente, dimostra che Bay Yanlış è stata confezionata per essere venduta all’estero fin da subito. A dire il vero non ha niente da invidiare a quella Hollywoodiana, che in certi momenti è riscontrabile soprattutto con le riprese dall’alto attraverso i droni e le corse in macchina di Özgür.
La veridicità con le quali sono state affrontate le vicende dei protagonisti è la chiave vincente del primo episodio secondo il mio modesto parere. Aver avuto l’impressione di vedere dei frammenti di vita di due persone reali piuttosto che di due personaggi costruiti a tavolino, hanno reso tutto ancora più speciale. Queste considerazioni devono ovviamente essere applicate al contesto culturale turco. Chi non ha mai visto delle serie tv turche difficilmente comprenderà l’importanza di questi cambiamenti.

canozge

Can Yaman e Özge Gürel, squadra vincente non si cambia!

Potrei stare molto tempo a parlare del cast, scelto in maniera minuziosa e con caratteristiche fisiche che rispecchiano le caratteriali, ma per il momento mi focalizzerò su Can Yaman e Özge Gürel e il loro grande ritorno. Se con Bitter Sweet siete rimasti affascinati dalla coppia Ferit e Nazli, sicuramente con Özgür ed Ezgi avrete tutto un altro tipo di sensazione. È palpabile sin dalle prime scene che professionalmente parlando, i due attori sono maturati in maniera esponenziale. Non hanno paura di giocare con il loro corpo, con la mimica facciale e soprattutto sono riusciti a ricostruire quella complicità che avevano avuto ai tempi di Dolunay.

La dolcezza della Gürel e le continue disavventure che le capitano in amore e nel lavoro, portano lo spettatore a volerle dare una carezza e una spalla sulla quale poter piangere. Non mancano i momenti nei quali poter ridere in coppia con Yaman, il quale si è dimostrato essere anche un attore particolarmente affine ai ruoli comici. Sicuramente, ci saranno diverse occasioni nelle quali entrambi dimostreranno che nonostante le differenze, l’amore sarà capace di renderli complementari.

whatsapp image 2020 06 26 at 19.35.29

Can Yaman tra realtà e finzione

Latin Lover incallito, che cambia ragazza con la stessa frequenza con la quale cambia le sue amate canottiere, Yaman si è dimostrato essere perfettamente a suo agio con questo ruolo che sembra essergli stato cucito addosso. Non pensate anche voi, che la maggior parte delle situazioni mostrate durante l’episodio si rifacciano ad alcuni momenti vissuti realmente dall’attore turco negli scorsi mesi? Qualche esempio? La scena nella quale prende il sole nella terrazza del suo lussuosissimo appartamento è un chiaro omaggio alla foto scattata a Napoli la scorsa estate, rimossa da Instagram perché considerata ‘porno’ a seguito di diverse segnalazioni da parte di persone che invece di lavorare sul loro aspetto fisico hanno pensato bene di screditare chi ha lavorato duramente per anni per ottenerlo.

Un altro tassello che merita di essere citato, è l’argomento ‘libido’ sulla quale per mesi si è parlato senza cognizione di causa ma solo in nome di un pudore che magicamente scompare di fronte al film 365 giorni on Michele Morrone, tanto da essere al primo posto tra i film più visti in Turchia. Davvero curioso tutto questo. Il personaggio di Özgür racconta semplicemente quello che avviene nella vita reale di chi è un bellissimo ragazzo a prescindere dal grado di popolarità. Ammettiamolo, se Can Yaman fosse un impiegato qualunque, un macellaio o un postino, tutte si fermerebbero a guardarlo per il suo aspetto esteriore e rimarrebbero felicemente sorprese, nello scoprire che la materia grigia nel suo cervello è direttamente proporzionale ai suoi muscoli.

whatsapp image 2020 06 27 at 03.08.10

Cosa è accaduto nel primo episodio di Bay Yanlış con Can Yaman e Özge Gürel?

La meravigliosa metropoli di Istanbul, quella dove il rosso del tramonto si bacia con il blu del mare, è la città che farà incontrare, pardon, scontrare i due protagonisti. Ezgi Inal è una dolce ragazza profondamente innamorata del suo fidanzato Soner Seckin, con il quale convive da tre anni. In occasione del compleanno del ragazzo, Ezgi decide di organizzare una festa a sorpresa addobbando il loro nido d’amore con festoni e preparando manicaretti per gli invitati. Peccato che la sorpresa, sarà proprio lei a riceverla, visto che Soner ‘lo schifoso’ si presenta a casa con la sua amante.

Özgür Atasoy, bello, proprietario di un ristorante e bar molto cool di Istanbul, nel suo locale si divide tra il bancone dei cocktail e la consolle da dj con il quale anima le serate dei suoi clienti e individua la preda da portare a casa. Profondamente allergico alle relazioni serie, pur di far andare via le ragazze conquistate la sera prima è pronto a inventare qualsiasi scusa. Unica presenza fissa nella sua vita, il suo adorabile Australian Shepherd,Tesla.

whatsapp image 2020 06 27 at 03.16.12

Bay Yanlış | Le continue delusioni di Ezgi

Costretta a prendere un taxi per andare a lavoro, casualmente, si imbatte in Özgür salito a bordo della vettura, convinto che fosse vuoto. Dopo alcuni botta e risposta, i due convinti che non si vedranno più divideranno la corsa. Ecco pronta l’ennesima batosta per la povera Ezgi. A lavoro, la tanto sospirata promozione che aspettava da tempo è andata a un’altra ragazza dell’ufficio, portando il suo capo addirittura a licenziarla. Camminando con lo scatolone pieno di oggetti personali e dopo aver ricevuto la chiamata dell’ex fidanzato che le pregava di lasciare la loro casa, viene investita da una macchina. Ed ecco che forse la vita ha iniziato a sorriderle nuovamente,visto che il colpevole dell’incidente è l’affascinante dottore Serdar Öztürk.

Accorse al capezzale di Ezgi, la cugina Cansu Akman, responsabile della comunicazione dell’ospedale nella quale si trova e la migliore amica avvocato Deniz Koparan. Entrambe, dopo essersi rese conto dell’interesse reciproco tra i due, decidono di spingere Ezgi a frequentare un ‘signore giusto’ come lui ed evitare categoricamente l’ennesimo ‘signor sbagliato’.

Leggi anche: Bay Yanlış | il trailer in italiano della nuova serie con Can Yaman e Özge Gürel

whatsapp image 2020 06 27 at 03.08.12

Bay Yanlış | Il bacio inaspettato tra Özgür ed Ezgi

Per trascorrere una serata spensierate decidono di trascorrere una serata in un noto locale di Istanbul, “La Gabbia” . A causa di impegni improvvisi nessuna si presenta all’appuntamento, lasciando Ezgi da sola ad assistere a uno spettacolo atroce: la proposta di matrimonio del suo ex fidanzato all’attuale ragazza dopo 3 mesi. Distrutta più che mai e costretta a lasciare il tavolo, va verso il bancone dove trova proprio Özgür in veste di barman. Tra un drink e un altro, sarà proprio lui a prendersi cura della povera ragazza. Dopo un fugace bacio dato da Ezgi in un momento di sconforto a seguito di due o tre apprezzamenti gentili di lui, finiscono per addormentarsi. Terminata la doccia, per la prima volta, avviene qualcosa di insolito: non solo lei se ne va prima che si possano dire ‘buongiorno’, ma lui ci resta male per il suo comportamento, tanto da dire ‘non ha detto neanche grazie’.

whatsapp image 2020 06 27 at 03.08.11

Bay Yanlış | L’intervista al ‘Signor Sbagliato’

Intanto, Özgür viene intervistato da una giornalista che vuole dedicargli una copertina e un articolo incentrato sul segreto del suo successo tra carriera e vita privata, intitolandolo ” Bay Mükemmel” ovvero Signor Meraviglioso. Dopo aver trascorso la serata, al risveglio il bel ristoratore ha solo un pensiero in testa: far uscire di casa prima di subito la giornalista. Ed è qui, che avviene il punto di non ritorno. Impossibilitato ad aprire la porta di casa, la ragazza decide di andare lei, senza sapere di trovarsi di fronte, un’ennesima vittima del bell’Atasoy. Cacciata di casa dalla rivale con addosso solo la canottiera del ragazzo, per vendicarsi del trattamento ricevuto, decide di cambiare il titolo del pezzo in “Bay Yanlış” ovvero Signor Sbagliato.

Leggi anche: Can Yaman: le similitudini tra la storia di Hercules e la vita dell’attore turco

whatsapp image 2020 06 27 at 05.08.49

Bay Yanlış | Le prima presentazione ufficiale

Özgür con soli i jeans addosso si rifugia nella casa accanto, dove scopre che la sua vicina, è proprio Ezgi. Implorandola di aiutarlo in quella situazione imbarazzante, i due iniziano a parlare, nonostante siano due persone caratterialmente completamente diverse, opposte. La sera tra una soda e quattro chiacchiere avviene la prima vera presentazione ufficiale. La cugina e l’amica terrorizzate  la mettono in guardia, esortandola a stare alla larga dal Signor Sbagliato e a concentrarsi sul dottore.

Cansu decide per questo motivo di portare la cugina a un ricevimento al quale avrebbero partecipato tutti i medici dell’ospedale. Fasciata in un bellissimo abito rosso, Ezgi in attesa dell’ascensore sorprende favorevolmente anche Özgür uscito fuori di casa con l’asciugamano per controllare come mai fosse finita l’acqua nella doccia. Il party iniziato discretamente bene, alla fine si rivelerà – momentaneamente – un buco nell’acqua.

Leggi anche: Can Yaman: l’invisibile e inconsapevole ‘fil rouge’ che colora la sua vita

whatsapp image 2020 06 27 at 03.16.51

Bay Yanlış | L’insolito patto tra Özgür ed Ezgi

Özgür intanto riceve l’ennesima telefonata da parte della madre, apprensiva più che mai per la vita troppo libertina che conduce il figlio. Tanto è il suo dispiacere da incolparsi per avergli scelto un nome che ha seguito alla lettera: Özgür vuol dire libero. Dopo aver letto l’articolo uscito su di lui, si fa sempre più insistente la richiesta della mamma di diventare nonna e di vederlo sposato. Il ragazzo per prendere tempo e tranquillizzarla le dice che verrà al matrimonio e non sarà solo…

Tornata a casa e ormai convinta che morirà da sola, decide di andare a trovare Özgür e Tesla. Dopo aver ricevuto una pallina in testa, per errore, i due a grande sorpresa stringeranno un patto. Özgür sarà il suo maestro nell’arte della seduzione per cercare di conquistare il suo bel dottorino. Ezgi invece dovrà fingere di essere la sua fidanzata durante il matrimonio, tranquillizzando di conseguenza la madre.

Bay Yanlış | Il trailer del secondo episodio

Cosa accadrà adesso tra i due vicini di casa? Come penseranno di mettere in pratica i rispettivi insegnamenti? Riuscirà Özgür a rendere più sicura Ezgi e riuscire a conquistare il bel dottore? Ma soprattutto lui riuscirà ad approcciarsi leggermente più aperto all’amore visto che a breve dovrà fingere di essere fidanzato con lei? Per scoprirlo vi ricordiamo, che il prossimo appuntamento è per venerdì 4 luglio alle 19.00 sul canale Fox Turkiye.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

filmhorror 300x250

Recensioni

Pubblicità

Facebook

Film in uscita

Luglio, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Agosto

Nessun Film

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X