Connettiti a NewsCinema!

Approfondimenti horror

Il buio oltre la rete

Pubblicato

:

Internet è la rivoluzione tecnologica e socio-culturale più importante degli anni ’90/2000; una rete che, connettendo dispositivi in tutto il mondo, è sinonimo di globalizzazione ed evoluzione. Come tutte le grandi innovazioni anche l’interconnessione ha un lato oscuro. L’ambiguità, il mistero di comunicare con qualcuno di cui conosciamo solo il nickname rende il web un potente mezzo comunicazione ma anche un pericolo che sconfina nella dipendenza dalla tecnologia e in molto altro. Un tema riproposto dal cinema horror in Friend Request, l’horror di Simon Verhoeven dedicato al più celebre dei social network, Facebook. Marina (Liesl Ahlers), dopo aver perso l’amicizia virtuale di Laura (Alycia Debnam-Carey), si suicida filmando la scena con la webcam. Laura, colpevole di aver cliccato il tasto unfriend sul profilo dell’amica, si ritrova perseguitata da un terrificante spirito demoniaco. Il web è stato raccontato più volte dal cinema di genere; ecco perché, prima di vedere Friend Request il prossimo 9 giugno, è necessario ricordare quei film che hanno trasformato il dono della connettività nel più grande incubo dei nostri tempi:

L’origine della Paura 2.0

Nel 2002 William Malone, l’autore del remake de Il mistero della casa sulla collina, realizza il primo film di genere dedicato al mondo cibernetico: Paura.com. Interpretato da Stephen Dorff, Natascha McElhone e Stephen Rea, Paura.com si basa su una terrificante pagina internet che trasforma in realtà gli incubi più profondi di chi la visita. “Vuoi vedere di più?” E’ impossibile resistere al richiamo della curiosità, della trasgressione di voler guardare dove ci è vietato farlo. Paura.com gioca con lo spettatore in modo acerbo ma precognitivo svelando il lato dark della rete. Feed, il thriller-horror diretto da Brett Leonard nel 2005, è invece più legato alle perversioni della realtà: un serial killer carica su un sito internet dei video in cui nutre donne corpulente fino al loro decesso; un’indagine reale che anticipa i pericoli della popolarità sul web.

the net

Le sfumature thriller della rete

Una delle prime pellicole a portare sul grande schermo il mondo di internet è The Net, il thriller di Irwin Winkler con Sandra Bullock. Nel 1995 si parlava poco di furto d’identità, un aspetto che rende avveniristica la fuga della programmatrice Angela Bennett da hacker in grado di manipolare i suoi dati nella rete. Nel 2008, dopo il successo di Schegge di Paura e Il tocco del male, Gregory Hoblit confeziona un thriller accattivante e attuale: Nella rete del serial killer. Interpretato da Diane Lane e Colin Hanks, il film vede un agente del Dipartimento di Polizia di Portland alle prese con un serial killer del web. Killwithme.com è il sito non tracciabile (il titolo originale è Untraceable) su cui Owen Reilly carica in diretta streaming i video delle sue vittime. I veri assassini sono gli utenti che, connettendosi al sito, aumentano l’efferatezza dell’omicidio; un’analisi dura, reale su quanto la curiosità superi la paura e l’orrore di guardare. Su un versante più ironico si colloca Scream 4, il quarto capitolo della celebre saga slasher. Diretto ancora una volta da Wes Craven, Scream 4 sostituisce i telefoni cellulari della trilogia originale con internet e i social network. Ghostface si è aggiornato ai tempi moderni ed è disposto ad accoltellare chiunque per l’agognata visibilità mediatica.

Chat da incubo

Hideo Nakata, il creatore della saga di The Ring, analizza i pericoli insiti nelle chat ne I segreti della mente, l’affascinante horror psicologico con Aaron Taylor-Johnson e Imogen Poots. Cinque ragazzi, amareggiati dalla vita reale, si rifugiano nella virtualità per trovare persone con cui confidarsi ma, uno di loro, tenterà di manipolarli per i suoi oscuri fini. Caratterizzato dall’affascinante mix realtà/virtualità, I segreti della mente rappresenta l’alienazione dei giovani di oggi, rinchiusi giornate intere in mondi inesistenti. Meno psicologico e decisamente più slasher è invece Smiley, il thriller di Michael J. Gallagher del 2012, che racconta la leggenda metropolitana secondo cui, scrivendo tre volte a una persona su internet “I did it for the lulz“, la si condanni a morte a certa. Nello scult di Gallagher tornano molti must della rete, dallo “Smile” che caratterizza il serial killer alla parola “Lulz” che evoca l’utilizzassimo “Lol“. Non è un thriller di qualità ma è sicuramente l’ennesima variazione dark del tema. Su tutto un altro livello si colloca invece Unfriended, il mockumentary di Levan Gabriadze ambientato completamente sul MacBook Air della protagonista. Prodotto da Jason Blum, Unfriended è una variazione del genere che affronta tematiche importanti come il cyber-bullismo e le tragiche conseguenze che ne derivano.

Ariana

La cupa serialità del web

Il confine tra il cinema horror e le serie tv è sempre più labile oramai. Dopo il successo di American Horror Story, The Walking Dead e Penny Dreadful, le emittenti americane puntano su show in grado di rivitalizzare quello che è stato il cinema di genere degli ultimi venti anni. MTV non fa eccezione riproponendo in chiave moderna Scream, il cult di Wes Craven del 1996. Siamo nel 2016 e i telefoni cellulari non fanno paura a nessuno. Oggi, a terrorizzare sono i social network, utilizzati da Ghostface 2.0 per uccidere le sue vittime. Caratterizzato da ritmo e ironia, Scream – The Tv Series segue le regole dettate da Kevin Williamson e Wes Craven nel quarto e ultimo capitolo della saga. Altrettanto fragile ma più divertente è Scream Queens, il bizzarro mashup tra Scream e Mean Girls creato da Ryan Murphy per la Fox. Interpretato da Emma Roberts, Lea Michele e Jamie Lee Curtis, Scream Queens vede il serial killer Red Devil uccidere una a una le studentesse della confraternita Kappa Kappa Tau. Anche in questo caso lo psicopatico di turno utilizza i social networks per confondere e trucidare le sue vittime. Come dimenticare l’esilarante omicidio di Chanel n.2 (Ariana Grande)? La giovane ragazza si trova faccia a faccia con Red Devil ma preferisce documentare la sua morte su Twitter piuttosto che provare a scappare.

the_ring_66329

Il futuro della rete, tra Snapchat e il ritorno di Samara

Dal 1 giugno è disponibile su Vimeo Sickhouse, il primo horror girato con Snapchat, il social a metà strada tra Facebook e WhatsApp che autodistrugge i contenuti caricati. Girato in soli cinque giorni da Hannah Macpherson e ambientato in una casa abbandonata, Sickhouse aggiorna il mito di The Blair Witch Project per le nuove generazioni selfie/addicted. Chi ama l’horror più tradizionale vedrà, entro la fine del 2016, due sequel particolarmente attesi: Unfriended 2 e Rings. Se il seguito del mockumentary di Gabriadze è ancora avvolto dal mistero, il ritorno di Samara è scritto dal premio Oscar Akiva Goldsman e diretto F. Javier Gutierrez. Ambientato tredici anni dopo il primo capitolo, Rings segue le vicende di un giovane ragazzo alle prese con la terribile maledizione. Il tempo delle VHS è finito quindi scommettiamo che Samara non perderà l’occasione di utilizzare i social moderni per espandere il suo raggio omicida. Dopotutto che si tratti di serial killer, spiriti malvagi o terrificanti creature l’update è d’obbligo; soprattutto per il cinema horror, il genere perfetto per raccontare i pericoli della rete.

Segnato da un amore incondizionato per la settima arte, cresciuto a pane e cinema e sopravvissuto ai Festival Internazionali di Venezia, Berlino e Cannes. Sono sufficienti poche parole per classificare il mio lavoro, diviso tra l’attenta redazione di approfondimenti su cinema, tv e musica e interviste a grandi personalità come Robert Downey Jr., Hugh Laurie, Tom Hiddleston e tanti altri.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Approfondimenti horror

Halloween Kills | Cosa sappiamo sul nuovo film della saga

Pubblicato

:

3 7

Due anni fa la saga con protagonista Michael Myers è definitivamente rinata su grande schermo, con l’Halloween diretto da David Gordon Green che si è intelligentemente proposto quale sequel diretto di Halloween – La notte delle streghe (1978), il primo – storico – capitolo firmato da John Carpenter.

Ora lo stesso regista è pronto a tornare anche per questo atteso secondo episodio del nuovo corso, la cui uscita è prevista per l’ottobre di quest’anno, che vedrà ancora una volta protagonista l’iconico personaggio di Laurie Strode, interpretata come sempre da Jamie Lee Curtis. Il franchise dovrebbe vedere la parola fine con il già annunciato Halloween Ends che, secondo le previsioni, vedrà la luce delle sale esattamente un anno dopo nel 2021.

Una serie di ritorni

Michael Myers nell’Halloween 2018

La prima conferma relativa ad Halloween Kills ed Halloween Ends è stata quella di Jamie Lee Curtis, ma anche Judy Greer e Andy Matichak sono pronte a riprendere i loro ruoli nei pani di Karen ed Allyson, così come il Michael Myers originale, Nick Castle, e lo stuntman James Jude Courtney condivideranno di nuovo la maschera del villain. La sceneggiatura sarà ancora una volta frutto dell’impegno del regista David Gordon Green e di Danny McBride, ai quali si affiancherà in quest’occasione Scott Teems, e in fase di produzione vediamo il “solito” Jason Blum con Malek Akkad e Bill Block. Il creatore della saga John Carpenter firmerà nuovamente la colonna sonora.

Dove eravamo rimasti

Halloween ha di fatto cancellato tutte le evoluzioni narrative dei vari sequel, ricollegandosi direttamente alla pellicola originaria degli anni ’70. La fuga di Michael Myers, detenuto per quarantanni in un ospedale psichiatrico, durante un trasferimento in un’altra struttura, preparava il campo al confronto con Laurie, ormai indurita dalla vita e dagli eventi passati e abitante in una cabina nei boschi, ricca di sorprese e trappole in vista del potenziale ritorno di Michael.

Il film si concludeva con Laurie, la figlia Karen e la nipote Allyson, ad osservare la casa in fiamme in cui la leggendaria nemesi avrebbe dovuto morire carbonizzata, ma un grottesco sospiro dopo i titoli di coda faceva ovviamente presagire come questa fosse in realtà sopravvissuta. Su quanto verrà raccontato nei due sequel vi è ancora il riserbo più assoluto e non ci sono informazioni ufficiale: alcune teorie dei fan riguardano il passato di Laurie, altre ancora la presunta identità del nuovo killer e infine c’è chi pensa come Allyson stessa possa cedere alla follia, ma rimangono ad oggi semplici speculazioni alle quali è meglio non dare troppo peso.

Leggi anche: Halloween, la videorecensione del film horror

Qualche indizio

Jamie Lee Curtis è di nuovo Laurie Strode

Lo sceneggiatore Danny McBride ha rivelato a Collider che i nuovi film avranno una “forte, differente linea narrativa“, suggerendo che la storia potrebbe non seguire direttamente quella del precedente film. Nella stessa intervista, il regista David Gordon Green ha poi aggiunto “a questo punto Michael Myers è diventato un tipico mostro del cinema classico, ma la saga avrà una fine“.

In ogni caso dovremmo avere una spiegazione chiara di come il personaggio semplicemente non sia in grado di morire. In un’altra dichiarazione McBride ha continuato “è una storia che ha un inizio, un centro e una fine… il centro è puro caos e l’epilogo è davvero soddisfacente“, lasciando presagire grandi emozioni e sorprese per gli appassionati del franchise. Jamie Lee Curtis, sempre a Collider, ha rivelato che “i sequel esploreranno non solo i traumi della famiglia Strode, ma anche quello degli abitanti di Haddonfield che sono sopravvissuti alla furia di Michael“.

Reazioni che fanno ben sperare

Non è raro che i film di genere effettuino dei test screening in anteprima già in fase di post-produzione, in modo che registi e produttori possano determinare se e cosa possa essere modificato prima dell’uscita nelle sale. Nel gennaio di quest’anno Halloween Kills è stato mostrato a duecento fortunati spettatori e le prime reazioni sono state più che positive, con commenti come “genuinamente impressionante” e “sorprendentemente ricco di emozioni“.

Dark Universe Horror riporta in particolare “Michael Myers è ultraviolento e brutale, i flashback sono incredibilmente ben fatti, il film è come un Halloween sotto acido che vi farà impazzire, citazionista e originale al contempo“. L’utente di Reddit TrickyDude98 ha scritto invece “Ci troviamo davanti ad un sequel impressionante, è la prima volta che un test screening di Halloween funziona alla grande. Il 1978 è tornato nel feeling, nella colonna sonora e nell’attitudine“. Se il buongiorno si vede dal mattino, i fan del franchise possono dormire sonni tranquilli.

Continua a leggere

Approfondimenti horror

The Grudge | l’evoluzione della saga horror che ancora ci terrorizza

Pubblicato

:

the grudge

“Quando una persona muore in preda ad una rabbia feroce nasce una maledizione. La maledizione si concentra in quel luogo di morte. Coloro che ne entreranno in contatto saranno travolti dalla sua furia”

Un urlo strozzato nel silenzio, un corpo contorto dal dolore, una maledizione senza fine. Nel 2000 Takashi Shimizu crea The Grudge, l’iconica saga horror che, per oltre due decadi, immerge il pubblico mondiale nella morsa spietata di Kayako Saeki. 

In occasione dell’uscita nei cinema italiani dell’omonimo remake scritto e diretto da Nicolas Pesce e interpretato da Andrea Riseborough, ripercorriamo l’origine e l’evoluzione della maledizione di The Grudge. 

the grudge

The Grudge: tra corti e film per la tv

I cult horror che sperimentano nuove strade infestano il cinema di genere con infiniti remake che ne ripetono la formula del successo. L’incubo di Kayako Saeki inizia nel 1998 quando il giovane e semisconosciuto Takashi Shimizu realizza i cortometraggi Katasumi e 4444444444 che anticipano le disturbanti atmosfere di The Grudge. 

Lo stile e le inquietudini dei corti conquistano Kiyoshi Kurosawa che spinge Shimizu a realizzare Gakkô no kaidan G, film tv a basso budget che racchiude quattro corti horror tra cui Katasumi e 4444444444. Nel 2000 il franchise evolve in Ju-on: The Grudge, la storia di un insegnante che indaga sulla misteriosa scomparsa di uno studente, e in Ju-On: Rancore 2 che espande la storyline dei pochi sopravvissuti alla sete di vendetta di Kayako.

L’incubo disturbante di Takashi Shimizu conquista il mercato cinematografico giapponese che gli dà la chance di portare la maledizione di Kayako Saeki sul grande schermo.

the grudge

The Grudge: il primo incubo non si scorda mai

Dopo il successo dei cortometraggi e dei film tv, Takashi Shimizu porta la leggenda di Kayako al cinema mantenendo intatte la struttura episodica e la formula della ghost story. 

Ju-on – The Grudge inserisce gli spiriti di Kayako e Toshio in una trama che attinge gli elementi horror dai capitoli precedenti: la protagonista è una giovane donna che entra in una casa infestata da una maledizione. Ma la saga continua: in Ju-on 2 – La maledizione, Kayako cerca di tornare in vita sfruttando la gravidanza di una donna segnata dalla maledizione. Il franchise evolve nella trama, nello stile e negli effetti speciali ma le inquietudini restano le stesse degli incubi originali. 

Nel frattempo il salto qualitativo del franchise conquista Sam Raimi che affida il remake statunitense proprio al suo creatore. 

the grudge

The Grudge: la trilogia americana

Nel 2004 debutta nei cinema mondiali The Grudge, il remake diretto da Takashi Shimizu e interpretato da Sarah Michelle Gellar, Clea DuVall e Bill Pullman. Un reboot che, mantenendo intatti il fascino e l’ambientazione orientali, consacra uno dei rari horror superiori, per incubi e suggestioni, all’originale.

Forte di un budget di dieci milioni di dollari, Shimizu racconta la storia di Karen (Sarah Michelle Gellar), un’assistente sociale che, tra bambini inquietanti e mandibole strappate, diffonde la più terrificante delle maledizioni. Incassando oltre cento milioni di dollari worldwide, il remake di Shimizu apre le porte a The Grudge 2 che, seguendo la scia dei vari Ju-on, introduce nuovi personaggi nel disturbante universo di Kayako. 

La protagonista del sequel è Aubrey (Amber Tamblyn), la sorella di Karen che, tentando (invano) di riportare l’eroina originale a casa, diffonde la maledizione tra Tokyo e Chicago. Tra le urla di dolore di Kayako e le spettrali apparizioni di Toshio, The Grudge 2 non raggiunge i numeri del capitolo precedente relegando il terzo film al direct to video.

Diretto dall’esperto di effetti speciali Toby Wilkins, The Grudge 3 non aggiunge nulla alla saga horror nata dalle suggestioni di The Ring. Non a caso sarà proprio Samara Morgan a sfidare Kayako Saeki in uno degli scontri più improbabili del cinema di genere. 

the grudge

La battaglia dei demoni, il crossover che non ti aspetti

Nella creazione dell’universo horror di The Grudge, Takashi Shimizu si ispira a The Ring, il classico horror di Hideo Nakata.

Seguendo la scia di Freddy vs. Jason, il bizzarro crossover di Nightmare e Venerdì 13 firmato da Ronny Yu, Samara Morgan e Kayako Saeki si scontrano nella Battaglia dei demoni, lo spin-off di The Ring e The Grudge. Fortemente richiesto dai fan, il film di Kôji Shiraishi porta sullo schermo la storia della teenager Yuri Kurahashi che, guardando la vhs di Samara nella casa di Kayako, scatena il più improbabile dei match.

Lontano dalle atmosfere originali, La battaglia dei demoni è un omaggio alle due saghe tanto folle e improbabile quanto irresistibilmente divertente. 

Leggi ancheFreddy vs Jason compie 15 anni: 5 motivi per rivedere lo scult di Ronny Yu

the grudge

The Grudge: il ritorno di Kayako

A sedici anni dal remake con Sarah Michelle Gellar, il 27 febbraio esce nei cinema italiani The Grudge, il reboot che collega la saga giapponese al franchise americano. Ancora una volta non si tratta di un sequel vero e proprio ma di un nuovo capitolo dell’universo di Shimizu.

Dietro la macchina da presa c’è Nicolas Pesce, giovane cineasta che ha debuttato con l’apprezzato The Eyes of My Mother, l’inquietante horror presentato al Sundance Film Festival del 2016. Prodotto ancora una volta da Sam Raimi e interpretato da Andrea Riseborough, John Cho e Lin Shaye, The Grudge racconta la storia di una detective della polizia che indaga su una casa infestata.

Un reboot che, ripetendo la formula horror di Takashi Shimizu, dimostra l’inesauribile terrore di uno dei babau più terrificanti del cinema mondiale. Un incubo che, come la maledizione di Kayako Saeki, non finirà mai…

The Grudge verrà distribuito da Warner Bros. Italia nei cinema italiani il 27 febbraio 2020.

Trailer

Continua a leggere

Approfondimenti horror

Pet Sematary, tutte le differenze più curiose tra il film originale e il nuovo remake

Pubblicato

:

Pet Sematary

Pet Sematary, pellicola diretta da Kevin Kölsch e Dennis Widmyer propone nuovamente agli spettatori una versione cinematografica dell’omonimo libro di Stephen King. La maggior parte di appassionati di horror infatti, sa bene come nell’ormai 1989 è stato già presentato al pubblico un film dedicato all’opera dello scrittore (per acquistare il dvd o blu-ray di Pet Sematary clicca qui)

Conosciuto in italia con il poco convincente nome di Cimitero vivente, la pellicola in questione è stata diretta da Mary Lambert (anche se in origine il regista avrebbe dovuto essere George Romero) con la presenza di attori come Dale Midkiff, Denise Crosby, Miko Hughes e Blaze Berdahl. Qualunque cinefilo, soprattutto se appassionato del genere horror, si è dunque fatto una domanda più che lecita: quali sono le principali differenze tra originale e il nuovo remake di Pet Sematary? In questo articolo cercheremo, senza fare spoiler, di analizzare quali sono le principali differenze che caratterizzano le due opere che, visti i vent’anni di distanza e i diversi registi, inevitabilmente saltano agli occhi degli spettatori.

Il personaggio di Victor Pascow

Nonostante il personaggio di Victor Pascow possa vantare un’introduzione piuttosto inquietante in entrambi i film, la sua figura viene delineata in maniera estremamente diversa. Il personaggio nel film del 1989 era infatti interpretato da Brad Greenquist e appariva molto di frequente nella pellicola, risultando una figura piuttosto leggera se paragonata all’interpretazione di Obssa Ahmed, decisamente meno “amichevole” e molto più agghiacciante. Nel nuovo film infatti Victor sarà un uomo di colore che si esprime con una voce antica e profonda.

Leggi anche: I 10 migliori film tratti dai romanzi di Stephen King

Il personaggio di Zelda

Se esiste un personaggio che nel film originale può aver turbato i sonni degli spettatori, quella è sicuramente Zelda, la sorella di Rachel. Questa figura resta inquietante anche nel remake, anche se presenta alcuni sostanziali cambiamenti. Se nella pellicola originale il personaggio veniva interpretato da Andrew Hubatsek, capace di rendere ancor più inquietante tale personaggio, in Pet Sematary del 2019 questi panni sono vestiti da Alyssa Brooke Levine. Anche riguardo la morte del personaggio vi sono sostanziali differenze: nel film originale Zelda moriva a causa della meningite spinale che la affligge, mentre nel remake la sua triste dipartita è decisamente più violenta.

La figura del Wendigo

Il Wendigo (noto anche come Windigo) era originariamente presente nel romanzo del 1983, pur essendo stato ignorato nel primo film. Questo invece, è stato notevolmente valorizzato nel remake del 2019 che, in maniera esplicita, imputa a questa figura la maledizione del cimitero. Ma cos’è il Wendigo? Si tratta di un personaggio appartenente alla mitologia dei nativi americani che vivevano, a grandi linee, sul confine tra Canada e Stati Uniti lungo la costa orientale. Secondo le leggende, si tratta di una persona che, a causa del cannibalismo, si è trasformata in una sorta di demone. Chiunque si abbandoni a tale orripilante pratica o sia morso da un altro Wendigo, si trasforma in tale creatura per girovagare all’interno dei boschi alla perenne ricerca di cibo.

pet sematary cat

Church

Church è adorabile e terrificante allo stesso tempo: in tal senso entrambe le pellicole si somigliano. Ciò che cambia principalmente è la razza dell’animale. Nel primo film infatti si tratta di un British Shorthair, mentre nel secondo è un Maine Coon. Pur trattandosi di una semplice chicca, gli appassionati di felini apprezzeranno di sicuro questa curiosità.

Leggi anche: 5 motivi per cui i romanzi di Stephen King funzionano al cinema

Un finale diverso

Ebbene sì, anche il finale del film è diverso. La pellicola del 1989, in poche parole, si conclude con la morte di Gage e il ritorno in vita di Rachel (che a sua volta uccide Louis). Non volendo fare spoiler, non possiamo rivelare ulteriori dettagli ma possiamo sbilanciarci affermando che il remake presenta una situazione finale decisamente diversa.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

filmhorror 300x250

Recensioni

Pubblicità

Facebook

Film in uscita

Luglio, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Agosto

Nessun Film

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X