Connettiti a NewsCinema!

News

E’ nata una star?, la recensione

Pubblicato

:

E-nata-una-star-ok

Non fa niente”. Quante volte vi sarete sentiti dire dai vostri genitori questa frase, dopo aver commesso un errore o aver fatto uno sbaglio? Senza dubbio le categorie dei padri e delle madri sono quelle più felicemente capaci di dimenticare e perdonare. Sicuramente rientrano in questa tipologia anche Lucia e Fausto, insegnante lei, impiegato del catasto lui. A guardarla da fuori una famiglia normale, fino a che, a portare scompiglio nell’equilibrio tipico della quotidianità, arriverà qualcosa di inaspettato. Nella fattispecie basterà una busta nella casella della posta per far cambiare il corso delle cose. Già. Ma cosa contiene quella busta? A scoprirlo sarà proprio Lucia, la divertentissima Luciana Littizzetto, che potrà ammirare le “doti” nascoste del figlio Marco, alias Pietro Castellitto. Né LuciaFausto, un Rocco Papaleo in forma strepitosa, riusciranno a metabolizzare la notizia di avere un figlio talentuoso nei film porno piuttosto che al pianoforte. Ma, si sa, il tempo aggiusta sempre le cose e così i due genitori riusciranno a perdonare il proprio figlio, cuoco con scarsi esiti e pornostar di indiscutibile talento. D’altra parte c’è di peggio.

Tratto dall’omonimo racconto di Nick Hornby e in uscita nelle sale venerdì 23 marzo, E’ nata una star, diretto da Lucio Pellegrini, è un film acuto e intelligente: diverte, allude, ma non cade mai nel volgare, e l’argomento si presterebbe facilmente a scivolare nel grottesco. Non solo intrattiene ma riesce anche a risvegliare la coscienza in una riflessione che sposta l’attenzione sul problema della comunicazione tra genitori e figli, su come si possa essere distanti e “silenziosi” pur abitando sotto lo stesso tetto. “Il video scottante in realtà è solo uno spunto per cercare di raccontare quanto sia difficile conoscersi all’interno di una famiglia: il vero tema del film credo sia lo stupore di persone che si rendono conto di non comunicare affatto con chi è cresciuto accanto a loro in casa. Mi piaceva l’idea di affrontare in scena la scoperta di aver convissuto a lungo accanto ad una sorta di alieno che non conosci”, ha dichiarato Luciana Littizzetto. Due facce della stessa medaglia: la maniera disinvolta e disimpacciata di vedere le cose del figlio Marco e l’ansia e le paure dei genitori Lucia e Fausto. D’altra parte il film hard non è altro che un espediente narrativo per posare l’attenzione sul conflitto familiare, visto attraverso l’occhio divertito della macchina da presa, puntando l’attenzione su come dietro quel che possa sembrare un dramma in realtà si celi una partenza da cui ricominciare. Magari prendendo le cose per il verso giusto.

Pellegrini ha dalla sua un cast che ha fatto della comicità un’arma indiscutibile per la riuscita del film. Luciana Littizzetto porta se stessa sullo schermo, la sua ironia, il suo modo dissacratorio di vedere le cose, ma anche l’enorme familiarità del suo personaggio, con i suoi tormenti interiori, con la forza che solo una madre e una donna è capace di avere. Rocco Papaleo, dopo il grande successo ottenuto sul palco dell’Ariston al fianco di Morandi al Festival di Sanremo, propone una nuova brillante performance nelle vesti di attore, regalandoci uno dei momenti più divertenti del film con il balletto insieme alla pornostar Lorena (Alice Torriani) sulle note di Sono come tu mi vuoi di Mina. Rivelazione del film Pietro Castellitto che, dopo le esperienze familiari, ha deciso di lanciarsi in questo nuovo progetto: “Lucio Pellegrini mi ha raccontato che si trattava di una libera trasposizione del libro di Nick Hornby, che ho comprato senza leggere, ma poi ho letto il copione e sono stato da subito convinto e contento di mettermi alla prova con la mia prima esperienza in piena autonomia”.

Un film convincente nella sua linearità. Perfetto, senza una sbavatura o un reale rischio di diventare noioso o poco realistico. Divertire e far pensare sono missioni difficili. Ma al cast, al regista e a tutta la squadra l’impresa è riuscita. Ridere e riflettere possono andare di pari passo. Come in E’ nata una star?

 TRAILER

 

Laureata in Storia e Conservazione del Patrimonio Artistico, mi dedico alle mie due grandi passioni: l’arte e la scrittura. L’ambizione? Scrivere di arte. E’ quello che provo a fare da qualche anno, raccontando sul web il criptico eppure essenziale mondo artistico. A 23 anni i sogni vanno alimentati dalle speranze!

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Zac Efron | l’attore sarà protagonista di un nuovo film Disney

Pubblicato

:

zac efron newscinema.it

Sarà Zac Efron il protagonista del remake del film Tre scapoli e un bebè, commedia di culto del 1987, a sua volta remake del film francese Tre uomini e una culla scritto e diretto da Coline Serreau nel 1985.

Zac Efron di nuovo protagonista per Disney

Il film approderà direttamente in streaming sulla piattaforma Disney+ e sarà prodotto da Gordon Gray, che di recente ha lavorato all’ottimo Tornare a vincere, con Ben Affleck. Alla sceneggiatura del nuovo film troviamo Will Reichel, mentre è ancora in corso la ricerca del regista.

Tre scapoli e un bebè

Tre scapoli e un bebè, commedia Disney del 1987 con Tom Selleck, Steve Guttenberg e Ted Danson, fu la versione a stelle e strisce del lungometraggio francese Trois hommes et un couffin del 1985, diretto da Coline Serreau. Un successo d’Oltralpe capace di fare il bis anche in America grazie alla regia di Leonard Nimoy: fu infatti il primo live-action Disney a superare la soglia dei 100 milioni di dollari in patria. Il boom al box office convinse la produzione a investire sul sequel Tre scapoli e una bimba.

La serie Netflix di Efron

Il progetto per Zac Efron, diventato famoso con la serie di High School Musical, segna un grande ritorno nel mondo Disney. Al momento l’attore è protagonista di Con i piedi per terra, una serie itinerante Netflix in cui la star e l’esperto Darin Olien girano il mondo in cerca di stili di vita sostenibili e salutari. Di recente lo abbiamo visto al cinema in The Greatest Showman, Ted Bundy – Fascino criminale e Beach Bum – Una vita in fumo.

Continua a leggere

Cinema

Jared Leto in trattative per un nuovo sci-fi targato Disney

Pubblicato

:

jared leto newscinema

Dopo mesi di rumours circa un possibile terzo film legato al celebre franchise sci-fi, che avrebbe visto la presenza di uno dei protagonisti di Suicide Squad, in particolare Jared Leto, ecco infine la conferma.

Jared Leto e Garth Davis in trattative con la Disney

Dedline ha infatti messo per iscritto che la Disney sta preparando un nuovo film dell’universo di Tron, in collaborazione con Garth Davis (regista di Lion) e con Jared Leto, in trattative rispettamente per la cabina di regia e per il ruolo principale.

Leggi anche: I mille volti di Jared Leto al cinema

I dettagli sulla possibile trama sono ancora tutti un mistero e le fonti riportano che, mentre lo Studio sta attivamente tentando di risollevare il progetto e la curiosità circa esso, si sta ancora attendendo il via libera per cominciare a lavorarci.

Tron | La storia del franchise

Di certo si sta ancora riflettendo sulla strada da percorrere e sul ruolo da dare a Jared Leto, dopo i precedenti due film. Nel 1982 Jeff Bridges interpretava Kevin Flynn, un programmatore di computer che si ritrova trasportato all’interno del mondo software di un mainframe di un computer. Qui il protagonista dovrà interagire con i suoi stessi programmi nello sforzo di fuggire, con l’aiuto del programma titolare di sicurezza, che aveva le fattezze di Bruce Boxleitner.

tron newscinema
Una scena di Tron: Legacy

Quasi trent’anni dopo la pellicola che è ormai considerata un cult, la Disney ha riportato in vita il mondo virtuale con il sequel Tron: Legacy, diretto da Joseph Kosinski e con Garrett Hedlund nel ruolo del figlio di quel Flynn sopra citato. Il giovane finisce anche lui dentro al mondo virtuale mentre è alla ricerca del padre perduto anni prima, Ad accompagnarlo nella sua avventura l’algoritmo Quorra, interpretato da Olivia Wilde.

Leggi anche: Morbius, il primo trailer ufficiale del nuovo film Marvel con Jared Leto

La pellicola è stata un successo al botteghino nel 2010, guadagnando più di 400 milioni di dollari a fronte di un budget di 170 milioni. Eppure fioccarono critiche negative, che, unite al flop di Tomorrowland con George Clooney, costrinsero la Disney a mettere in pausa il terzo capitolo del franchise di cui ora si torna a parlare.

Continua a leggere

Cinema

Liam Neeson racconta un simpatico aneddoto sui suoi nipoti

Pubblicato

:

liam neeson evi newscinema

Nel 2008 Liam Neeson è stato il protagonista, memorabile, di Io vi troverò (in originale Taken), diretto da Pierre Morel, con un budget di 25 milioni di dollari. Il film incassò la bellezza di quasi 230 milioni di dollari al box office in tutto il mondo.

liam neeson evi newscinema 1
Liam Neeson in una scena di Io vi troverò

Ecco cosa Liam Neeson pensa di Taken…

Ora Neeson torna a parlare di uno dei progetti che lo hanno maggiormente definito ai microfoni di EW. Di recente impegnato nella promozione del suo nuovo lavoro, Made in Italy, girato completamente in Italia, al fianco del figlio, per la regia di James D’Arcy, l’attore ha tirato fuori un aneddoto riguardante Io vi troverò.

Leggi anche: The Tax Collector | il film con Shia LaBeouf conquista il boxoffice

Ma non prima di aver chiarito le basse aspettative riguardo al progetto all’epoca: “L’ho già detto in passato, e senza offesa per Robert Kamen, il nostro splendido sceneggiatore e mio amico, ma pensai: ‘Ah, questo uscirà direttamente in home video’. Era un piccolo thriller europeo, magari sarebbe andato bene in Francia per un paio di settimane e poi sarebbe uscito in home video. Alla fine in Francia andò benissimo e poi uscì in home video in Corea del Sud e andò molto bene”.

…e delle persone che scaricano illegalmente i film

Dopo essersi soffermato su simili riflessioni, Liam Neeson ha speso qualche parola su un simpatico aneddoto che lo riguarda da vicino. “Poi mi chiamarono i miei nipoti in Irlanda dicendo: ‘Ehi, zio Liam, abbiamo visto il tuo nuovo film’ E io: ‘quale?’ e loro: ”Io vi troverò‘. Io chiedi: ‘Che intendete? come avete fatto?’ Loro mi dissero: ‘Be, abbiamo scaricato la versione coreana’.”

Leggi anche: I pro e i contro dell’uso del telefono sulla scena, al cinema e in tv

E io: ‘Ma non si fa! Che dite?’. Pensai: ‘I miei nipoti infrangono la legge‘ e la cosa mi infastidì molto. Ma poi la Fox lo acquistò e realizzò un ottimo trailer promuovendolo durante vari eventi sportivi, alla fine lo resero un grandissimo successo”.

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X