Connettiti a NewsCinema!

Festival

Giffoni 44°: Richard Gere, il rapporto con Hollywood e la spiritualità

Pubblicato

:

gere2

Sono molto contento di essere in Italia, ho molti amici qui e poi è la mia prima volta al Giffoni, un festival grandioso che costruisce relazioni tra ragazzi di tutto il mondo“, così ha esordito la super star mondiale Richard Gere in occasione della 44° edizione del Giffoni Film Festival. Un Festival che dopo aver portato nella cornice di Giffoni Valle Piana Matt Bomer, Lea Michele e Dylan O’Brien è riuscito a invitare anche Richard Gere, protagonista da quasi quaranta anni di indimenticabili commedie romantiche del calibro di Pretty Woman, Se scappi ti sposo e Shall We Dance. Giunto in costiera amalfitana accompagnato dal figlio quattordicenne Homer Richard Gere ha parlato del suo rapporto con Hollywood e la spiritualità regalando importanti perle di saggezza ai tanti ragazzi accorsi per vederlo e strappare un autografo. Potete trovare qui sotto alcune dichiarazioni rilasciate da Richard Gere durante la conferenza stampa del Giffoni.

gereChe rapporto ha con Hollywood?

Molti quando pensano ad Hollywood immaginano subito un terribile mostro vorace, ma è solo un posto dove girano film. Ognuno deve venire a patti con i propri demoni personali, ma questo è al di la del lavorare nel cinema.

Perché ha deciso di interpretare un homeless nel suo ultimo film?

Il film di cui parliamo aprirà il Festival di Toronto e forse sarà presentato anche al Festival di Roma. Lo script originale è stato scritto 24 anni fa e questo ci permette di capire come le cose per gli homeless non siano cambiate più di tanto. Ho preso contatti con una associazione che si occupa dei diritti di queste persone e posso dire che New York è l’unica città in cui per legge vi è l’obbligo di offrire un posto per dormire agli homeless.

Quali sono i suoi valori?

I miei valori non riguardano tanto una questione psicologica o religiosa. Credo che tutti viviamo sullo stesso pianeta e tutti abbiamo il diritto e il dovere di rispettarlo. Il Dalai Lama dice, rispetta un insetto e chiediti quale può essere la sua vita, le sue necessità, se ha una famiglia, perché se riesci a rispettare un insetto, che ovviamente è ai nostri occhi un essere sgradevole, allora puoi rispettare tutti.

Quale è il suo stato d’animo di fronte ai tanti fatti sanguinolenti che avvengono nel mondo?

Un mio insegnante giapponese diceva di non prendere mai nessuna decisione prima di aver rallentato la respirazione a sette respiri al minuto. L’essere umano tende a reagire in modo impulsivo attraverso azioni che non passano profondamente per la coscienza. Dobbiamo invece cercare di aspettare per trovare una razionalità e ricercare una dimensione più profonda e spirituale. Sono ottimista, se ci comportiamo con gentilezza gran parte dei problemi tenderanno a sparire.

Nella sua carriera ci sono pochi ruoli da villain. Il suo stile di vita condiziona le sue scelte lavorative?

Ovviamente c’è sempre una connessione tra scelte personali e scelte lavorative. Fare l’attore è fantastico ma è sempre un lavoro. Non ho mai fatto film senza una motivazione ben precisa. Cerco sempre di scegliere i ruoli con grande consapevolezza.

Cosa pensa di House of Cards e che differenze trova tra il cinema e la tv?

Ho iniziato a fare film negli anni ’70 e quello che posso dire è che per girare i film i tempi sono strettissimi e i budget ridotti. Siamo in una fase di trasformazione nell’industria cinematografica, ad esempio quanto ho iniziato a lavorare House of Cards sarebbe stato un film di alta produzione, mentre oggi è una serie indipendente della tv via cavo che non è semplice tv, ma un prodotto di alta qualità. Il cinema ha sicuramente budget minori, mentre le grandi case di produzione televisive hanno budget molto alti e possono produrre show senza problemi, perché non hanno il problema di dover raccogliere i fondi. In ogni caso ben venga, l’importante è continuare.

Segnato da un amore incondizionato per la settima arte, cresciuto a pane e cinema e sopravvissuto ai Festival Internazionali di Venezia, Berlino e Cannes. Sono sufficienti poche parole per classificare il mio lavoro, diviso tra l’attenta redazione di approfondimenti su cinema, tv e musica e interviste a grandi personalità come Robert Downey Jr., Hugh Laurie, Tom Hiddleston e tanti altri.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Venezia 77 | Vinicio Capossela ci parla di “The New Gospel”, di Enzo Del Re e della lotta di classe

Pubblicato

:

Capossela Venezia 77

Vinicio Capossela è non solo la voce narrante ma anche il compositore di alcune delle musiche che compongono il nuovo film di Milo Rau, Das Neue Evangelium (The New Gospel), presentato alla Mostra del Cinema di Venezia nell’ambito delle Giornate degli Autori. Il regista e saggista svizzero si chiede che cosa avrebbe predicato Gesù nel XXI secolo e chi sarebbero stati i suoi discepoli? A queste domande Rau risponde mettendo in scena una “rivolta della dignità” guidata dall’attivista politico Yvan Sagnet, seguendo il modello pasoliniano de Il Vangelo Secondo Matteo.

The New Gospel | intervista a Vinicio Capossela

Capossela, che ha incontrato Milo Rau proprio a Matera nell’anno della Capitale della Cultura, la città in cui il cantautore ha ambientato il videoclip de “Il Povero Cristo” diretto da Daniele Ciprì, ha scelto la musica del cantautore pugliese Enzo Del Re come contrappunto alle immagini del film, riprendendo il riff della canzone-manifesto “Lavorare con lentezza” e la splendida “L’Organizzazione Nuova”, tratta da “Maùl”, il “white album” del cantautore molese. Nella nostra intervista Vinicio Capossela ci parla dei motivi che lo hanno indotto a scegliere la musica di Enzo Del Re per il film di Milo Rau, ma anche di lotta di classe e del Cristo di Nikos Kazantzakis.

Continua a leggere

Cinema

Venezia 77 | Mainstream | La recensione del film di Gia Coppola

Pubblicato

:

mainstream 2 1

Gia Coppola approda alla 77ª Mostra del Cinema di Venezia nella sezione Orizzonti con un film scritto e diretto da lei, intitolato Mainstream. La pellicola vanta nomi hollywoodiani noti come Andrew Garfield, Maya Hawke e Nat Wolff.

Mainstream | La sinossi del film

Un ragazzo che vive per strada trovando lavori occasionali, incontra per caso una ragazza che fa la barista e viene all’istante catturata dal suo carisma. Ne scaturisce una sequela di eventi che porterà i due a diventare parte integrante del mondo social, lui star del web lei la mente dietro all’obiettivo. Pian piano peró le cose sfuggiranno un pochino di mano e bisognerá fare i conti con l’influenza che questo personaggio tanto osannato, ha sulla nuova generazione.

Mainstream | La recensione del film


Mainstream risulta un ottimo equilibrio tra critica sociale ed intrattenimento. Gia Coppola (nipote di Francis Ford Coppola), scrive e dirige un film molto maturo e attuale che svecchia un po’ le tematiche e soprattutto la modalitá registica della zia Sofia. Maya Hawke conferma la sua sempre più professionale bravura, mentre Andrew Garfield sprigiona una potenza incredibile, 2-3 dei suoi monologhi catturano l’attenzione tenendoti incollato allo schermo e l’interpretazione in toto è impregnata di un carisma e una espressivitá degne di nota.

mainstream recensione


A livello di regia e montaggio vengono messe in scena trovate interessanti, talvolta un pochino allucinate ma originali ed intuitive. La scrittura invece è un pochino smarrita nella prima metá per poi consolidarsi nella seconda, rafforzando il contesto e concentrandosi sulle critiche. Il punto di forza più alto dell’intero film, sono appunto queste riflessioni che vengono mosse contro i social, la pericolosità che possono acquisire e l’enorme credito attribuito a questi influencer, che vengono venerati talvolta senza fondamento.


Ormai la società odierna è spesso assoggettata in maniera troppo semplicistica, copiando stili di vita e finendo per essere soggiogata al volere di icone che si credono supereroi. Il concetto viene reso bene in una scena in cui il protagonista provoca una sensazione di vera umiliazione, tramite una situazione crudele e devo ammettere che per come ci viene proposto, risulta tanto delirante quanto funzionale.
Concludo dicendo che il film per me merita di sicuro la visione, ha vari momenti di stallo o migliorabili ma nel complesso porta lo spettatore a ragionare e mettersi in discussione. Ci tengo a finire citando una frase che mostra un’ideale puro, detto quando ancora si crede nelle proprie motivazioni, magari prima di essere corrotti da altro. “Voglio fare cose, per cui la gente provi altre cose”.

Continua a leggere

Cinema

The Book of Vision | L’apertura della Settimana della Critica è targata Malick

Pubblicato

:

book 2

Scelto per aprire la 35esima Settimana Internazionale della Critica, durante la 77esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, The Book of Vision sfoggia un nome di grande richiamo tra le sue fila. Terrence Malick è infatti tra i produttori esecutivi della pellicola, firmata da Carlo S. Hintermann, al suo debutto nel lungometraggio.

La guida, o meglio la supervisione, dell’apprezzato cineasta è ben evidente anche solo osservando il trailer del film. Ma andiamo per ordine.

The Book of Vision | L’influenza malickiana

Eva (Lotte Verbeek, Outlander) è un chirurgo che decide di interrompere la carriera per dedicarsi allo studio della storia della medicina. È così che si imbatte in un antico manoscritto, curato da un dottore della Prussia del Settecento, tale Johan Anmuth (Charles Dance, Game of Thrones). Improvvisamente la donna viene proiettata in quell’epoca e sente un legame indissolubile con coloro che conobbero il luminare.

Leggi anche: TENET | La “enoisnecer” NO SPOILER del film che fa ripartire il cinema

The Book of Vision è un’opera delicata, complessa, piena di sfaccettature. A un primo sguardo potrebbe non arrivare la mole di suggestioni e di argomenti che la compongono.

the book of vision trailer newscinema
The Book of Vision, una scena del film

Visivamente di impatto, grazie anche a questa atmosfera che rimanda alla mente lo stile malickiano, venato di una poesia impossibile da descrivere a parole, il film prende per mano lo spettatore e lo immerge via via sempre più dentro il suo universo.

La componente naturalistica, esaltata nella sua bellezza dal tappeto musicale, dà il suo enorme contributo, andando a imprimersi nella mente di chi osserva e portandolo a vivere in un limbo tra sogno, realtà, allucinazione. Proprio come capita ai personaggi, ci si trova incapaci di separare e spesso di dare un senso a ciò che ci si trova davanti.

La vita e la morte separate da un velo ma mai disgiunte

Il rosso è il colore predominante – negli abiti, nel colore dei capelli della protagonista, nel sangue, nell’arredamento: simbolo dell’energia vitale, mentale e fisica, diviene la linfa da cui tutto dipende, infondendo al tempo stesso una grande potenza alle immagini e al loro significato.

book of vision newscinema
The Book of Vision, una scena del film

La vita e la morte si (con)fondono, in un ciclo senza fine. Così la pellicola termina dopo aver compiuto il suo giro e tornando sull’inquadratura dell’apertura. Un velo separa la vita terrena dall’aldilà, e basta un semplice gesto per poter toccare chi è andato dall’altra parte ma non è morto.

La riflessione sollevata da The Book of Vision è in qualche modo debitrice a Malick e a tutta una serie di autori che si sono mossi nella stessa direzione. Certo il discorso sarebbe ampio e complesso, dal momento che in campo vengono messi numerosi elementi – l’esistenza dell’anima, le superstizioni, l’immortalità – ma la storia è interessante per altri motivi.

L’importanza dell’ascolto e della storia

In primis perché pone alla nostra attenzione un discorso non così trattato né banale, quale quello del rapporto medico-paziente. Se in passato il secondo veniva ascoltato davvero da colui a cui si rivolgeva per essere curato, nel corpo e nello spirito, questa usanza viene tutto a un tratto abbandonata.

Leggi anche: Chemical Hearts | la recensione del teen movie con Lili Reinhart

Il corpo umano è adesso un oggetto, un campo di gioco, le persone sono solo occasioni per nuove scoperte e sperimentazioni. Si perde l’interesse verso le storie e si porta avanti quello per gli organi. È questo che conduce Eva a capire quando e cosa è cambiato nel corso dei secoli, e perché.

Portatrice di una sorta di giustizia altra, la donna si sente chiamata in causa in prima persona, nel tentativo di riconnettere il passato con il futuro.

La maternità ha chiaramente un ruolo di primo piano nella vicenda, intrecciandosi fortemente con i personaggi femminili mostrati. A tal proposito una lode va alla Verbeek e a Isolda Dychauk (nel ruolo di Maria), splendide rappresentanti di una femminilità ormai quasi persa.

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X