Connettiti a NewsCinema!

News

Taxi Driver, il monologo di Robert De Niro

Pubblicato

:

robertdenirotaxidriver-e1397321532464

Qualsiasi appassionato di cinema non può non ricordare il film del 1976 intitolato “Taxi Driver”, diretto dal grande Martin Scorsese e interpretato da una giovanissima Jodie Foster e un indimenticabile Robert De Niro. Questo film, rimasto nella storia del cinema come un’inossidabile cult racconta il profondo cambiamento di un uomo che, scontento della sua vita ordinaria e monotona, decide di dare una svolta e creare un nuovo se stesso, coraggioso, violento e mosso da ideali nel periodo storico in cui  del post Vietnam in America.

Travis Bickle (Robert De Niro) è infatti un veterano del Vietnam in congedo, che per vivere fa il tassista, anche perchè non riesce a dormire e deve riempire ore e ore di sguardi sul muro vuoto della sua squallida camera in affitto. Sfiduciato nella politica e nella società del suo paese che vede avvolti in un’oscura e veloce decadenza, si innamora di una ragazza e cerca di conquistarla in tutti i modi, ma lei lo respinge, mandando in fumo l’ultima sua speranza di una vita normale. Da quel momento infatti Travis viene investito da un vortice di solitudine e ossessione e lascia libero sfogo alle sue pulsioni di violenza e caos, sullo sfondo di una New York quasi sempre notturna, intrisa di atmosfere jazz, e un’aria uggiosa e fumosa. Scorsese rende perfettamente il senso profondo di solitudine di un uomo a cui la guerra del Vietnam ha portato via tutto, lavoro, amici, amore e ha lasciato nella sua mente delle ferite difficile da rimarginare soprattutto in una grande città in cui le relazioni di disperdono ed è difficile fidarsi di qualcuno.

Newscinema.it vi regala una scena indimenticabile di “Taxi Driver” in cui De Niro fa un monologo, rimasto davvero nella storia del cinema, costantemente imitato invano da qualche attore emergente in qualche provino.

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

The Elephant Man | Il capolavoro di Lynch torna al cinema

Pubblicato

:

elephant man newscinema

Era il 1980 quando colui che sarebbe diventato presto uno dei più grandi cineasti della settima arte, David Lynch, mostrava il suo capolavoro: The Elephant Man.

Torna al cinema il capolavoro di David Lynch | Le sale

Il 21 settembre 2020, a distanza di quarant’anni dalla sua uscita, torna in sala in versione restaurata in 4K. Ma sono solo alcune le ragioni e i cinema che lo proietteranno, dando così la possibilità a tutti gli estimatori di dare una rispolverata all’opera.

Leggi anche: David Lynch alla Festa del Cinema di Roma 2017: “La depressione uccide la creatività”

Nel frattempo che il film arrivi anche in home video in una nuova versione rimasterizzata e arricchita di contenuti speciali, distribuita da Eagle Pictures e a Criterion Collection ecco l’elenco delle sale che hanno intanto deciso di programmare The Elephant Man (in via di aggiornamento):

EMILIA ROMAGNA
Ferrara (Sala Boldini)
Forli-Cesena (Saffi)
Parma (Edison)
Piacenza (Nuovo Jolly)

FRIULI VENEZIA GIULIA
Pordenone (Cinemazero)

LIGURIA
Genova (Circuito Sivori)

LOMBARDIA
Bergamo (Auditorium)
Mantova (Mignon)
Milano (Anteo Palazzo del Cinema / Beltrade)

MARCHE
Ancona (Azzurro)
Ascoli Piceno (Margherita)
Fermo (Sala degli Artisti / Multiplex Super 8)
Macerata (Multiplex 2000)

SICILIA
Catania (Arena Argentina)
Messina (Iris)

UMBRIA
Perugia (PostModernissimo)

VENETO
Padova (Multiastra)
Venezia (IMG Cinemas Candiani)
Vicenza (Odeon)

The Elephant Man | Ispirazione e curiosità

Ricordiamo che la pellicola prende spunto dai libri The Elephant Man and Other Reminiscences di sir Frederick Treves e The Elephant Man: A Study in Human Dignity di Ashley Montagu. All’epoca della sua uscita, ottenne un grande successo, portando alla ribalta anche i nomi di Anthony Hopkins e John Hurt (quest’ultimo nei panni del protagonista, John Merrick).

elephant man int newscinema
Una scena di The Elephant Man

La storia vera del cosiddetto “uomo elefante”, appellativo datogli a causa delle deformazioni legate alla Sindrome di Proteo, dagli spettacoli di strada all’incontro con un medico umano, ricevette ben otto candidature alla 53esima edizione degli Oscar, ma non ne vinse neanche uno.

Leggi anche: David Lynch: The Art Life, intervista al regista: “David è al top per il ritorno di Twin Peaks”

Una piccola curiosità: inizialmente il progetto era stato proposto a Terrence Malick, che lo rifiutò, facendo così la fortuna di David Lynch.

Continua a leggere

Cinema

Jake Gyllenhaal e i ricordi sulla lavorazione di Donnie Darko

Pubblicato

:

donnie darko evi newscinema

Jake Gyllenhaal è stato uno degli ultimi ospiti del podcast Team Deakins, condotto da Roger Deakins – di cui è molto amico – e dalla moglie James Ellis, e proprio in tale occasione ha svelato qualche ricordo circa la lavorazione di Donnie Darko.

Jake Gyllenhaal si svela al Team Deakins

L’attore si è infatti soffermato nel raccontare alcuni aneddoti riguardanti i progetti a cui ha preso parte, tra cui anche una misteriosa collaborazione niente meno che con Denis Villeneuve (regista di opere quali Blade Runner 2049, Arrival e l’attesissimo Dune).

Leggi anche: Jake Gyllenhaal | l’attore è pronto ad interpretare Dan Mallory in una serie tv

Sostenuto anche dal rapporto che ha con Deakins, Gyllenhaal si è sentito libero di ripercorrere alcune della tappe fondamentali della sua carriera, che lo hanno condotto a diventare una delle star di Hollywood. Per esempio Cielo d’ottobre viene indicato come uno dei suoi momenti cardine, dal momento che si è trattato di un film lontano dai classici stereotipi e ancora oggi analizzato e considerato per la qualità della fattura e i temi trattati.

All’epoca Jake prediligeva la parte della scrittura alla recitazione in sè e per sè, volendo seguire le orme materne – ricordiamo che la sorella di Jake è Maggie Gyllenhaal, altra presenza nota nel mondo del cinema, mentre il padre Stephen è un regista affermato e la madre Naomi Foner una sceneggiatrice di successo.

Donnie Darko | La svolta e l’ingresso nel firmamento hollywoodiano

Lo stare sul set sembra gli mettesse addosso una pressione difficile da gestire, in parte risolta solo di recente con un cambio di agente, poco prima dell’inizio delle riprese di Prisoners. All’epoca di Donnie Darko infatti venne lanciato nell’Olimpo di Hollywood senza essere realmente preparato. La pellicola, inizialmente bistrattata, divenne presto un cult.

donnie darko newscinema
Jake Gyllenhaal in Donnie Darko

“In quel tempo ero decisamente smarrito. E come succede spesso tante grandi cose bussano alla tua porta in un modo che sembra tanto destino. C’era un altro attore che doveva interpretare la parte di Donnie fino a due mesi prima dell’avvio delle riprese. Io sono entrato nel cast solo due mesi prima dell’inizio. Mi ricordo di avere letto la sceneggiatura mentre soffrivo per i miei problemi, per la mia ansia e la mia tristezza. Avevo fatto due anni di college e non sentivo che quello era il posto per me.”

Leggi anche: 10 cose che (forse) non sapete su Jake Gyllenhaal

“Ero tornato a Los Angeles, dove ero cresciuto, i miei si erano trsferiti dopo la mia partenza. Avevano preso una casa più piccola a Hollywood. Anche mia sorella era tornata a casa e non c’era abbastanza posto […] Ricordo di avere letto la sceneggiatura e di aver pensato “io mi sento proprio così!”. Non mi sentivo schizofrenico, ma completamente perso nella mia vita cercando di capire come essere un adulto”.

Donnie Darko si è così rivelato una fortuna per Gyllenhaal, che ha trovato un modo di esprimersi e delle persone che lo hanno saputo indirizzare, ascoltare, supportare. Tra il senso di libertà e quello di intimità provati sul set è riuscito a dare sfogo ai suoi demoni personali e a rintracciare la sua strada da seguire.

Continua a leggere

Cinema

Eddie Redmayne dà importanti news su Animali fantastici 3

Pubblicato

:

eddie redmayne evi newscinema

Eddie Redmayne ha confermato che le riprese del terzo capitolo di Animali fantastici sono riprese e dà qualche informazione sulle nuove procedure da seguire sul set post Covid.

Animali fantastici 3 | Si torna sul set ma con i protocolli di sicurezza

I fan della saga e di Newt Scamander possono finalmente trarre un respiro di sollievo, dopo la lunga attesa e la preoccupazione dovuta all’emergenza sanitaria che ha bloccato qualsiasi tipo di produzione nel mondo.

Leggi anche: Gli Animali Fantastici: Dove Trovarli, Eddie Redmayne: “Ho fatto 800 domande alla Rowling”

Come tantissimi altri progetti infatti, anche Animali fantastici 3 è stato costretto a prendersi una pausa la scorsa primavera. Sebbene si credesse che in estate i lavori sarebbero ricominciati, una data certa non è mai stata ufficializzata. Ecco allora che l’intervento di Redmayne, a garantire che ogni cosa sta tornando al posto giusto, arriva come una manna dal cielo.

Durante una recente intervista per il suo prossimo lavoro, The trial of the Chicago 7, l’attore britannico ha detto a Sean Connell di CinemaBlend che il cast e la troupe di Animali fantastici 3 sono tornati a lavoro.

Eddie Redmayne parla di Animali fantastici 3

eddie redmayne newscinema
Eddie Redmayne nei panni di Newt Scamander

“Interessante perchè abbiamo cominciato a girare ora. Ci siamo da due settimane e, di nuovo, è un processo del tutto nuovo– spiega Redmayne – “Frequenti test, mascherine. E mi domando se, realmente, le mascherine avranno un effetto sulla creatività, in qualche modo. Forse è un po’ ingenuo, ma sto solo pensando, come esseri umani, abbiamo bisogno di interazioni per fare scintille uno con l’altro. Ciò che è sicuro è che è un differente processo, ma fa sentire come se ognuno stesse lavorando al massimo”.

Leggi anche: Animali Fantastici: 10 gadget e dove trovarli in offerta su Amazon

Non sono stati rilasciati ulteriori dettagli sui protocolli di sicurezza, sebbene sia evidente che sul set tutti indossino la mascherina. La cosa sarebbe quasi una novità, considerando il modo in cui Hollywood sta affrontando la pandemia. Pensiamo per esempio alla chiusura forzata dei lavori di The Batman, dopo aver scoperto la positività al virus di Robert Pattinson.

Animali fantastici 3 dovrebbe arrivare in sala il 12 novembre 2021.

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X