Connettiti a NewsCinema!

Festival di Venezia

Intervista ai Manetti Brothers

Pubblicato

:

MG_6085

In occasione del loro nuovo film, L’arrivo di Wang, presentato alla 68esima Mostra del Cinema di Venezia, nella sezione Controcampo Italiano, abbiamo incontrato i due registi romani Marco ed Antonio Manetti, che ci hanno raccontato della loro creatura in tutti i suoi aspetti, dagli effetti speciali alla vena di critica pessimistica che il film vuole mettere in scena, insieme a qualche scoop e qualche anticipazione su progetti futuri.

 

 

1) Nell’ambito di un cinema italiano che non ha mai dato importanza alla fantascienza, al contrario, l’ha sempre considerata un filone di serie B, come vi è venuta l’idea di un film di genere, come questo? È stato un azzardo in un contesto come quello italiano.

Marco Manetti: è una storia che c’è venuta in mente… e l’abbiamo girata.

Antonio Manetti: Non ci facciamo grossi timori, siamo abituati. Noi sappiamo che l’industria ed il pubblico italiano, il più delle volte cose di questo genere non le accetta troppo volentieri, ma se il pubblico accettasse in massa una tipologia di questo tipo, anche l’industria inizierebbe ad aprirsi più facilmente al genere. C’è la paura che quando un prodotto così viene fatto all’estero sia buono mentre in Italia risulterebbe scadente, ovviamente sugli effetti speciali si va più sul sicuro, però noi non ci siamo mai fatti problemi, come diceva Marco e quando c’è venuta in mente questa storia di fantascienza non abbiamo pensato a questo, abbiamo cercato i soldi per produrcela. Abbiamo dovuto alla fine crearci un nostro finanziamento perché altrimenti nessuna produzione avrebbe capito la sceneggiatura.


2) Come avete fatto a coinvolgere nel vostro progetto anche Rai Cinema, solitamente restia all’apporre il proprio nome su lungometraggi indipendenti e di genere, come il vostro?

Marco Manetti: guarda, in realtà noi siamo poco al corrente di questa cosa, nel senso, al di là del fatto che noi con Rai Cinema abbiamo già collaborato, in questo caso non è stato prodotto da loro ma solo apposto il nome e parzialmente finanziato dopo. Quello che posso dirti, che è la cosa più importante, quella che caratterizza noi, è che è anche un invito agli altri che come dicevi fanno un cinema indipendente, in Italia ci sono due strade possibili: o fare il cinema che si fa in Italia o passare la vita a protestare ingrugniti oppure portare avanti la propria idea, come da sempre facciamo noi ed arrivare al risultato come quello del parziale sostegno di Rai Cinema che dopo aver visto il film finito, ha acquistato parte dei diritti mentre nel solo vedere la sceneggiatura ci disse no, questi film in Italia non vengono a dovere. Quindi non hanno collaborato al film, in nessun modo, non l’avrebbero mai fatto, infatti ho pensato spesso che questa scritta ad inizio film, devi lo spettatore, che pensa «caspita, Rai Cinema!»…

Antonio Manetti: eh no, è un film completamente indipendente, senza nessun soldo di Rai Cinema, nessun sostegno statale, sono tre piccoli investitori indipendenti, che ci hanno dato dei soldi e noi ce lo siamo prodotto poi Rai Cinema ha solamente acquistato una parte di diritti televisivi.

 

Marco Manetti: è un vero film indipendente. quella scritta lì vuol dire solo questo. Ci hanno messo dei soldi solo alla fine e questo dimostra che lo scetticismo c’è ma che le cose conviene comunque farle. Io sono più d’accordo con te, penso che il pubblico non abbia alcuna diffidenza ma negli ultimi trent’anni non mi ricordo di aver visto un bel film di genere e finchè non lo vedo come faccio a dire che il pubblico sia scettico?

Antonio Manetti: io penso, come pensano i distributori che proprio per quello il pubblico si sia disabituato ai film di genere in Italia e quando escono siano comunque titubanti nell’andarli a vedere. Ti faccio due esempi più main stream, come “Sotto il Vestito Niente” e Pupi Avati che ha rifatto un horror e come sono andati? Male. Quindi anche ad alti livelli con dietro grosse distribuzioni, non è detto che vadano bene. Però sappiamo che incassano anche film brutti di altri generi, quindi non vuol dire che la bellezza sia sinonimo di incasso.

 

Marco Manetti: io penso che l’indipendenza sia un segno distintivo e che possa essere sia negativo che positivo, perché la scelta di fare un film indipendente ha anche dei pregi ma se tu poi ti rivolgi ai beni culturali per avere un finanziamento statale, è lì che decade il pregio dell’essere indipendente, perché stai scrivendo una sceneggiatura allineata, unico modo per ottenere un finanziamento statale.

 

3) L’animazione non è mai stata un fiore all’occhiello per l’Italia, avete incontrato problemi con la realizzazione degli effetti speciali, che per altro, nulla hanno da invidiare a quelli di produzioni straniere, notevolmente più costose? C’è quindi un interland anche nel nostro paese di addetti al settore validi quanto quelli che lavorano all’estero?

 

Marco Manetti: esistono degli effettisti speciali italiani molto bravi ma non un interland, nel senso, noi ci siamo trovati a lavorare con la Palantir Digital che sono due soci, specialmente Simone Silvestri che è il coordinatore degli effetti speciali del film, che come tecnico è bravissimo, ma per il 2D, è un composer, ma noi abbiamo cercato degli effettisti 3D italiani, che esistono, tanti ed anche bravi ma non lavorano più in Italia, perché non c’è lavoro, ad eccetto della Rainbow che produce le Wings. Allora insieme alla Palantir Digital abbiamo creato una squadra eterogenea con tecnici arrivati da tutto il mondo, primo fra tutti Maurizio Memoli, quello che ha inventato il nostro alieno, che era impegnato alla Weta, ed ha fatto Avatar, finito quello ha deciso di tornare prendendosi un anno di stacco per scommettere sull’Italia ed è entrato in società con noi. Ed a parte lui che era un po’ la piccola star del cast tecnico abbiamo trovato tanti altri bravi ragazzi in giro per il mondo, che si sono uniti a noi venendo a creare questa grande squadra di italiani che non hanno mai lavorato in Italia.

 

Antonio Manetti: sì io credo che il lavoro della Palantir Digital sia stato fondamentale e perfetto anche se penso, e non per vantarmi, che senza di noi, senza il ruolo di noi due registi non sarebbe venuto fuori un film del genere. Spesso noi abbiamo cercato di mantenere la veridicità delle scene con l’intento di evitare l’effettone troppo forzato che avrebbe portato ad un risultato posticcio, finto, come spesso succede anche in America.

 

Marco Manetti: gli effettisti speciali hanno un amore per il finto, forse perché gli piace che siano evidente il lavoro che hanno svolto ma in questo noi siamo stati bravi a non farli esagerare e dopo un tira e molla lunghissimo abbiamo cercato di tirare fuori il risultato più verosimile, credibilmente vero.

 

Antonio Manetti: creare Wang è stato un lavoro difficilissimo, si parla ancora oggi di casi come quello di Gollum che oggettivamente è meglio riuscito ma ad esempio, è vero che Gollum è meglio di Wang ma Wang è migliore rispetto a Joda.

 

 

4) Ecco proprio a proposito di Wang, com’è stato creato? È stato fatto interamente a computer o con uso di costumi?

 

 

Marco Manetti: è tutto in digitale! In realtà il 3D è facile da spiegare, è come il processo di creazione di un burattino, digitale, ma è un burattino vero e proprio. Arriva prima il modellatore che attraverso un reticolato digitale, dà una struttura, scolpisce e modella in 3D il corpo del soggetto. Finito questo lavoro subentra il rigger, che si applica sulle migliaia di giunture dando mobilità e plasticità alla figura. Dopodichè arriva il texturer che applica il guanto se così possiamo definirlo, al personaggio, in questo caso la pelle dell’alieno. È uno dei ruoli più sottovalutati ma è quello che rende maggiore veridicità al prodotto. Infine arriva forse la parte più importante, quella che io considero la vera star del nostro film, e nel nostro caso era un ragazzino, Davide Maugeri, che non aveva fatto nulla in precedenza ed è l’animatore, quello che prende le parti di questo burattino e gli dà le movenze, il vero e proprio attore, che aiutato da altri due tecnici che contestualizzano Wang, ultima il lavoro delle creazione del protagonista.

Antonio Manetti: noi abbiamo dovuto chiudere in fretta il film per poterlo presentare a Venezia quest’anno, sennò staremmo ancora lavorando agli effetti speciali, ma forse è stato un bene.

 

 

5) Vi siete ispirati a qualche film di genere in particolare per l’Arrivo di Wang? In una scena sembrerebbe chiara una citazione da La Guerra dei Mondi di Spielberg.

 

Marco Manetti: Tra l’altro ti do questo scoop, nella scena che mi stai citando la comparsa ero proprio io! bhè ti posso dire che ora che mi ci fai riflettere, potrebbe essere che sia una citazione inconscia, forse inconsciamente sì!… Probabilmente sì! Ti dico che non volutamente ma l’ispirazione penso proprio venga da lì!

 

Antonio Manetti: forse c’è qualcosa della Guerra dei Mondi anche nel modo di camminare di Wang che non era così all’inizio ma che è stato modificato e rimodellato in corso d’opera.

6) Ok, abbiamo parlato degli effetti speciali e degli aspetti tecnici del film ma passiamo al senso che volete far arrivare. Appare surreale come in fondo possano essere profondamente più diversi due esseri umani piuttosto che la protagonista rispetto a Wang, si può leggere una critica sociale in questo, un senso di pessimismo?

 

Marco Manetti: bravo, è questo il senso del film, quello che noi volevamo far arrivare. Tutto parte dal concetto che ci debbano sempre essere a monte dei dogmi preconcetti che guastino qualsiasi rapporto umano. Ammettiamo che l’agente segreto (Fantastichini) abbia ragione nel vedere in Wang una possibile minaccia ma sbaglia nell’approcciarlo in quella maniera mentre lei, l’interprete (Cuttica), sbaglia nel volerlo credere per forza in buona fede mentre è nel giusto volendo cercare un dialogo con lui. Quindi alla fine si riflette sul fatto che se i due avessero collaborato, convinti su un bene comune, la terra, le sorti del film avrebbero preso tutta un’altra piega.

Antonio Manetti:è quello che si può riscontrare nella vita di tutti i giorni, specialmente in politica, come da un pregiudizio iniziale, scompaia totalmente il dialogo, arrivando a risultati catastrofici.

 

Marco Manetti: io spesso osservo le tribune politiche, noto che se c’è una discussione tra un politico di destra ed uno di sinistra, quando parla quello di destra, l’altro non sta lì ad ascoltarlo ma pur di dargli addosso tira fuori delle atrocità impensabili e viceversa.

 

Antonio Manetti:l’alieno in questo caso serve proprio a rendere evidente e macroscopica l’incomunicabilità tra i due.

 

Marco Manetti: ci è piaciuto molto il commento del critico Boris Sollazzo al nostro film. Lui ha interpretato così: lui è il tipico becero ignorante di destra che però è un po’ più vicino al popolo, capisce di più la gente, lei è la tipica ragazza di sinistra con tanti ideali giusti ma troppo radical chic per capire la gente e fino a qui ci stavo pure io ma la chicca è stata su Wang, che secondo lui è accostabile a Marchionne che l’ha messa in quel posto a tutti e due!

Non c’è niente da fare, il genere è la mamma dei contenuti, attraverso un film di genere tu puoi far passare tutti i messaggi che vuoi e lo spettatore può leggerne altrettanti!


 

7) Ne stiamo parlando da più di mezz’ora e ne sono uscite solo parole più che convincenti ma riusciremo a vederlo in sala il vostro film? Magari sulla spinta della partecipazione alla Mostra di Venezia?

 

Marco Manetti: abbiamo una distribuzione, dopodiché io, in questa conversazione molto sincera, ti dico che purtroppo è inutile sperarci, probabilmente sarà distribuito male ed andrà male. Investire nel cinema italiano è la sfida più grossa.

 

Antonio Manetti:guarda, già la sfida di proporre un film di genere, di farlo arrivare ad avere degli effetti speciali del genere ed addirittura di riuscire a portarlo a Venezia, sono state imprese enormi ma l’ostacolo più grande è proprio quello di riuscire non a farlo uscire in sala ma  a farlo uscire BENE in sala. Questo è quasi impossibile, (Marco: riuscire a far recitare una ragazza romana in un perfetto cinese è stato più facile!), non vuol dire fare incasso eh, ma avere la possibilità di fare incasso. Noi abbiamo scelto una piccola casa di distribuzione che sta nascendo ora e si sta iniziando a muovere in questo momento, perché altre distribuzioni non ci avrebbero creduto. Ora staremo a vedere.

8) Per concludere, cosa ci potete dire riguardo ai vostri progetti futuri? Noi vi siamo venuti a trovare sul set del vostro prossimo film con protagonista Peppe Servillo, come procede la post-produzione?

 

Marco Manetti: sì, quello di cui parli è un vero e proprio film horror, ci abbiamo scommesso per due fatti. Uno è il fatto che è un film che abbiamo scritto e girato mentre eravamo impegnati nella realizzazione degli effetti speciali di Wang, quindi una vera e propria ispirazione cinematografica messa in pratica, Zemeckis quando girò Cast Away, dovette aspettare un anno che Tom Hanks dimagrisse per girare le scene sull’isola ed in quell’anno girò Le Verità Nascoste, voglio dire.. (Antonio: visto che dovevamo aspettare un anno per ultimare la realizzazione di Wang, ci siamo detti, facciamo un altro film, come Zemeckis!) e questo  stato il primo motivo. Il secondo è che l’horror è l’unico genere che una fascia maggiore di mercato riesce ad attirarlo, abbiamo già l’interesse di distributori più grossi che ci hanno già contattato.

 

Antonio Manetti: abbiamo cercato per una volta di fare un film che fosse un po’ più commerciale, non meno nostro ma maggiormente rivolto al grande pubblico.

 

Marco Manetti:noi, col cuore, ci teniamo che si possa fare quello che altri registi non fanno. Noi non siamo né più bravi, né più intelligenti, né più preparati di altri registi di genere ma ti posso dire che siamo i più testardi e le cose che vogliamo fare le facciamo davvero fino in fondo, ecco perché siamo scesi a compromessi per così dire, scegliendo di fare un film di genere horror, perché se potrà aiutare la causa, ben venga, pur mantenendo il nostro stile.

 

Foto di Letizia Rogolino e Matteo Mignani

 

 

 

 

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Venezia 77 | tutte le donne di questa edizione

Pubblicato

:

nicchiarelli newscinema

Saranno 8 le registe in concorso alla 77esima Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia. Anche i più ottimisti ritenevano impossibile raggiungere l’obiettivo “5050by2020”, messo nero su bianco nel protocollo firmato dai festival maggiori (inclusa Venezia), che mirava alla parità di genere per quest’anno, almeno nella sezione principale. Proprio il festival meno schierato sul fronte delle quote, in una annata ovviamente atipica e particolare, sarà forse l’unico ad avvicinarsi così tanto (i film in concorso sono 18) al raggiungimento di questo traguardo.

Le donne in concorso a Venezia 77

Innanzitutto le italiane. Susanna Nicchiarelli presenterà Miss Marx, sua opera quarta (seconda in inglese), nel quale la  britannica Romola Garai ricoprirà il ruolo della figlia minore del celebre filosofo tedesco. Già vincitrice di Orizzonti con Nico, 1988, la regista romana concorrerà con Emma Dante, presente in programma con Le sorelle Macaluso, dopo aver partecipato l’ultima volta in concorso nel 2013 con Via Castellana Bandiera. Come in quel caso si tratta di un’opera teatrale che la drammaturga/filmmaker ha deciso di adattare per il grande schermo. Ma, allargando lo sguardo fuori dalla nostra nazione, ci saranno anche The World to Come di Mona Fastvold, Amants (Lovers) di Nicole Garcia, Never Gonna Snow Again di Malgorzata Szumowska, And Tomorrow The Entire World di Julia Von Heinz, Quo Vadis, Aida? di Jasmila Zbanic ed infine Nomadland di Chloé Zhao, terzo lungometraggio della regista cinese (Songs my Brothers Taught me, The Rider – Il sogno di un cowboy e Eternals, prossimo film Marvel), prodotto ed interpretato dall’attrice premio Oscar Frances McDormand. Il film sarà presentato “in condivisione” con i Festival di Toronto, Telluride e New York. 

Leggi anche -> Venezia 77 | tanti italiani in programma, da Rosi a Susanna Nicchiarelli

La presenza femminile in giuria

Nella giuria di Venezia77, affiancheranno Cate Blanchett, presidente, anche la regista e sceneggiatrice austriaca Veronika Franz, la cineasta inglese Joanna Hogg, l’attrice francese Ludivine Sagnier. Insieme ai loro colleghi dovranno assegnare i Leoni d’Oro (miglior film, migliore regia), le coppe Volpi (per l’interpretazione maschile e femminile) e il premio per la migliore sceneggiatura, Premio Speciale della Giuria, Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergente. A trazione femminile anche la giuria di Orizzonti, sezione del festival presieduta quest’anno dalla regista, sceneggiatrice e attrice francese Claire Denis (al cinema proprio in questi giorni con il nuovo High Life, di cui vi abbiamo parlato QUI). La regista e sceneggiatrice statunitense Celine Tricart è invece la presidente della giuria della sezione Venice Virtual Reality, dedicata esclusivamente ai progetti in realtà virtuale.

emma dante newscinema
Emma Dante

Il film su Nilde Iotti con Paola Cortellesi

Fra gli eventi speciali delle Giornate degli Autori, anche il film Nilde Iotti, il tempo delle donne, diretto dal regista Peter Marcias e prodotto da Mario Mazzarotto per Movimento Film e Ganesh Produzioni e distribuito da I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection. Protagonista d’eccezione è Paola Cortellesi per un lungometraggio in cui le scene di fiction si alternano a immagini di repertorio, testimonianze dirette e ricordi di personaggi illustri. Nilde Iotti era già stata interpretata sul piccolo schermo da Anna Foglietta, scelta quest’anno come madrina di Venezia 77.

Continua a leggere

Cinema

Venezia 77 | tanti italiani in programma, da Rosi a Susanna Nicchiarelli

Pubblicato

:

miss marx newscinema

Saranno numerosi i film italiani che comporranno il programma (atipico e poco “glamour”, a causa dell’assenza delle grandi produzioni nordamericane) della 77esima Mostra internazionale dell’Arte Cinematografica di Venezia. Tra i titoli più attesi c’è sicuramente Notturno, il nuovo documentario di Gianfranco Rosi, già Leone d’oro nel 2013 con Sacro GRA e Orso d’Oro nel 2016 con Fuocoammare

Venezia 77 | il Notturno di Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi, che ha trascorso gli ultimi tre anni sui confini fra Siria, Iraq, Kurdistan e Libano, tornerà a Venezia con l’atteso Notturno (un film che tutti i festival del mondo si contendevano e che sarà anche l’unica opera italiana al Toronto Film Festival). “È un film ambientato in Siria. Ma non vedrete nemmeno una scena di guerra e di morte”. È così che lo ha annunciato in conferenza stampa Alberto Barbera, Direttore della Mostra.

Rosi in questi anni ha raccontato l’emarginazione ai confini di Roma (Sacro GRA) e il dramma dei naufragi a Lampedusa (Fuocoammare), sempre adottando uno sguardo “nuovo” e diverso sugli eventi, allo stesso tempo lirico e indagatore della materia (intesa anche nel suo senso organico) umana. Il nuovo film, attraverso incontri e immagini, metterà in scena la quotidianità messa in discussione dalle guerre civili, dittature feroci, dalle invasioni e dalle ingerenze straniere. La guerra, come specificato da Barbera, non appare direttamente: la comprendiamo attraverso i canti luttuosi delle madri, nei balbettii di bambini feriti per sempre.

Leggi anche -> Venezia 77 | Il programma ufficiale dell’edizione influenzata dalla pandemia

Un festival a trazione italiana

Ma in Concorso a Venezia spiccano anche due opere al femminile (in un’edizione che vede otto film diretti da donne in concorso): Miss Marx di Susanna Nicchiarelli e Le sorelle Macaluso di Emma Dante. Se il primo, sulla figlia di Karl Marx, racconta le contraddizioni e la lotta di un personaggio che si spende in prima persona per l’emancipazione femminile, il secondo tratteggia i legami famigliari di cinque donne appartenenti a generazioni diverse e apparentemente inconciliabili.

Il tema della guerra torna in uno dei documentari italiani fuori concorso, Guerra e pace di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, riflessione per immagini sulla lunga relazione tra cinema e guerra, di filmati dei pionieri del cinema nel 1911, al momento dell’invasione italiana in Libia, fino alla digitalizzazione del conflitto. La grande piaga del nostro presente, il Covid-19, sarà invece al centro di Molecole di Andrea Segre, girato a Venezia e scelto per la pre-apertura del festival. Segre ci parla della pandemia attraverso il racconto dello svuotamento del capoluogo veneto e di questi mesi sospesi.

Le sezioni parallele

Ambientato nel nord-est anche Non odiare di Mauro Mancini, presente alle Giornate degli Autori, che pone il suo sguardo sul mondo delle frange neonaziste attraverso il personaggio di un chirurgo di origine ebraiche interpretato da Alessandro Gassman. Sempre alle Giornate degli Autori, Giorgio Diritti (presto “nuovamente” al cinema con Volevo nascondermi) presenterà un cortometraggio dal titolo Zombie, che avrà come tema l’alienazione parentale. 

Continua a leggere

Cinema

Venezia 77 | Due nuovi film Fuori Concorso, c’è anche Pedro Almodovar

Pubblicato

:

venezia almodovar

La Biennale di Venezia ha il piacere di annunciare due film che si aggiungono, Fuori concorso, al programma della 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica diretta da Alberto Barbera, in programma dal 2 al 12 settembre 2020 al Lido di Venezia.

Si tratta del nuovo film di Pedro Almodóvar, girato e montato a tempo di record subito dopo la fine del confinamento – The Human Voice tratto da Jean Cocteau e interpretato da Tilda Swinton – e di un film hollywoodiano che rafforza la rappresentanza americana alla Mostra, One Night in Miami del premio Oscar Regina King, una recente acquisizione di Amazon.

Dichiara Pedro Almodóvar: “Sono entusiasta di tornare a Venezia in questo anno speciale, con il Covid 19 come involontario ospite. Tutto sarà differente, e non vedo l’ora di scoprirlo di persona. E’ un onore affiancare Tilda in un anno in cui riceverà un premio meritatissimo. Per la verità, The Human Voice è un festival di Tilda, una rassegna dei suoi infiniti e assortiti registri come attrice. E’ stato uno spettacolo dirigerla.”

E’ uno straordinario piacere e un grande onore – dichiara il direttore della Mostra, Alberto Barberaaccogliere nuovamente Pedro Almodóvar a Venezia, un anno dopo avergli assegnato il Leone d’Oro alla Carriera, con il suo nuovo film tratto da La voce umana di Jean Cocteau e interpretato da Tilda Swinton, il Leone d’Oro alla carriera di quest’anno. E’ una circostanza eccezionale, in un anno fuori dell’ordinario: il modo più bello per celebrare insieme il desidero di tornare al cinema in compagnia di uno dei più grandi registi contemporanei”.

Leggi anche: Le misure anti-Covid di Venezia 77

La regista di One Night in Miami, Regina King, dice: “Mi sono data un pizzicotto quando ho saputo di essere stata selezionata per la Mostra di Venezia, un festival così prestigioso. Felice di annunciare un’altra tappa nel viaggio di questo film”.  “Il film di Regina King – afferma Barbera su One Night in Miami – non potrebbe essere più in sintonia con gli avvenimenti degli ultimi mesi e la necessità di combattere ogni forma di razzismo che ancora alligna nelle nostre società. Siamo felici che Venezia possa contribuire a far conoscere un film importante per i suoi contenuti e la conferma del talento di una grande attrice al suo debutto come regista”.

The Human Voice di Pedro Almodóvar

The Human Voice (30’) è un libero adattamento dell’originale pièce teatrale di  Jean Cocteau, su cui Pedro Almodóvar ha sognato per decenni. Racconta la storia di una donna disperata (Tilda Swinton), che aspetta la telefonata dell’amato che l’ha appena abbandonata. Si tratta del primo film in inglese di Pedro Almodóvar. El Deseo ha prodotto The Human Voice, con José Luis Alcaine direttore della fotografia e Alberto Iglesias compositore.

One Night in Miami di Regina King

Ambientato durante la notte del 25 febbraio 1964, One Night in Miami racconta la storia del giovane Cassius Clay, in seguito noto col nome di Muhammad Ali, nel momento in cui diventa il nuovo campione dei pesi massimi al Miami Beach Convention Center. Contro ogni aspettativa, Clay sconfigge Sonny Liston con la sorpresa di tutto il mondo sportivo. Mentre una grande folla si raduna a Miami Beach per festeggiare la vittoria, Clay, che non può restare sull’isola a causa delle leggi di Jim Crow sulla segregazione razziale, trascorre la nottata all’Hampton House Motel in uno storico quartiere nero di Miami. Qui Clay celebra la vittoria assieme a tre dei suoi amici più stretti: l’attivista Malcom X, il cantante Sam Cooke e la star del football americano Jim Brown. La mattina seguente, i quattro sono determinati come non mai a costruire un mondo nuovo per se stessi e per la loro comunità. In One Night in Miami, lo sceneggiatore Kemp Powers esplora cosa è accaduto quella notte, soffermandosi sul rapporto tra i quattro, sulla loro amicizia e sulle battaglie che li accomunavano, aspetti che li avrebbero portati a diventare quelle icone dei diritti civili che sono oggi.

One Night in Miami è diretto da Regina King. Sceneggiatura: Kemp Powers. Produttori: Jess Wu Calder, Keith Calder e Jody Klein. Produttori esecutivi: Regina King, Kemp Powers, Paul Davis e Chris Harding

 

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X