Connettiti a NewsCinema!

Non categorizzato

Chi è J.J. Abrams?

Pubblicato

:

J.J. Abrams all’anagrafe Jeffrey Jacob Abram, è tra i registi più apprezzati del panorama cinematografico internazionale. Leggendo la sua ricchissima filmografia, che comprende anche diverse serie tv di successo come Lost, sembra incredibile che tutte queste opere appartengano ad uomo di quasi 50 anni. Faccia simpatica, occhiali con la montatura nera, occhi azzurri e capelli sbarazzini neri, ecco l’identikit di J.J. Abrams.

s

Vincitore di Emmy Awards e Golden Globe, il celebre regista negli ultimi anni è stato impegnato nella direzione di serie tv di successo come Alias con Jennifer Garner, Felicity con la bellissima Keri Russell e Scott Foley, la misteriosa serie Fringe con l’ex stella di Dawson’s Creek Joshua Jackson e poi Lost, insieme a Jeffrey Lieber e Damon Lindelof. Il buon Abrams nel corso della sua carriera non si è limitato a ricoprire solo il ruolo di regista, ma anche quello di produttore come è avvenuto per Person of Interest, serie tv ideata da Jonathan Nolan. La carriera cinematografica di J.J. Abrams inizia principalmente come produttore di varie opere come Armageddon – Giudizio finale del 1998 con Bruce Willis e Ben Affleck, insieme al co- produttore Jerry Bruckheimer. Dopo il successo avvenuto con Felicity, il regista ha deciso di istituire una casa di produzione, la Bad Robot fondata nello stesso anno. All’inizio del 2000 fino al 2006, definito da molti come il trampolino di lancio di Jennifer Garner, Alias domina il palinsesto della ABC da lui creata e prodotta.

s3

Ma J.J. Abrams è molto di più. A parte i lavori per la televisione, le più grandi soddisfazioni  arrivano con il cinema, attraverso film che saltano da un genere ad un altro, mettendo a segno, un successo dopo l’altro sia per la trama dei film e sia al boxoffice. Abrams, sceneggiatore delle sue opere in alcuni casi, ha portato sul grande schermo vari tipi di supereroi. A partire dallo straordinario personaggio con Superman: Flyby, fino ad un super uomo come Ethan Hunt, interpretato da Tom Cruise in Mission: Impossible III. Aggiudicandosi ottime  recensioni da parte della critica, aggiungendo anche il blockbuster Star Trek nel 2009. Proprio grazie a questo successo, nel 2013 c’è stato il sequel con Into Darkness – Star Trek. In tutta questa carrellata di titoli, ultimo, ma non per importanza è il nuovo capitolo della saga ideata da George Lucas, di Star Wars: Il Risveglio della Forza, uscito il 18 dicembre 2015 in tutte le sale cinematografiche. Incassi da record e annesse polemiche, stanno accompagnando le proiezioni di questo settimo capitolo. Amato ancor di più dai fan di tutto il mondo, per aver richiamato “alle armi”, le vecchie glorie che hanno reso grande la saga di Guerre Stellari, circa 30 anni fa, come Harrison Ford e Carrie Fisher, adesso non resta che vedere quale sarà il prossimo progetto del geniale J.J. Abrams.

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non categorizzato

Raised by Wolves | Il trailer della serie di Ridley Scott

Pubblicato

:

raised by wolves serie 2020 scott hbo

Ridley Scott non dirige qualcosa per la tv dal 1969. Ma ora ha trovato il progetto giusto per farlo ed ecco il primo trailer di Raised by Wolves. Il primo sguardo alla complessa e intensa serie di fantascienza targata HBO Max che debutta il 3 settembre lo potete dare qui sotto.

Raised by Wolves | La sinossi

Creata da Aaron Guzikowski, il dramma fantascientifico segue due androidi, madre e padre (Amanda Collin e Abubakar Salim), che devono crescere i bambini umani su un misterioso nuovo pianeta e fare i conti con alcune complicazioni. Raised by Wolves è interpretata anche da Travis Fimmel, Winta McGrath, Niamh Algar, Matias Varela, Felix Jamieson, Ethan Hazzard, Jordan Loughran, Aasiya Shah e Ivy Wong. Scott e Guzikowski sono produttori esecutivi insieme a David W. Zucker (The Good Wife), Jordan Sheehan (The Terror), Adam Kolbrenner (Free Guy) e Robyn Meisinger (Love in the Time of Corona).

Quando è stato annunciato per la prima volta, Sarah Aubrey, responsabile dei contenuti originali di HBO Max, ha affermato che “i mondi mozzafiato, i personaggi avvincenti e le trame intricate che Ridley, Aaron e il team hanno creato per questo progetto sono ipnotizzanti”. Ora che abbiamo visto il primo trailer possiamo capire cosa intende.

Leggi anche: Ridley Scott si aspetta altri tre prequel di Alien

Raised by Wolves | I punti di forza

Trauma e conflitto sembrano essere diffusi nell’esistenza di Madre, Padre e dei loro nuovi figli, e hanno un sacco di trucchi per proteggere chi hanno bisogno di proteggere. Questo trailer evidenzia sicuramente l’azione, la carneficina e l’intensità della serie, mentre allude anche alla grinta familiare al suo centro.

Continua a leggere

Non categorizzato

The Boys 2 | Il nuovo trailer svela alcune curiosità suoi nuovi episodi

Pubblicato

:

the boys 2 e1596555384977

Il nuovo trailer di The Boys 2 fornisce nuovi filmati di terroristi superpotenti e Stormfront di Aya Cash. La serie farà il suo ritorno a Settembre.

The Boys | I fatti della seconda stagione

In The Boys 2 i protagonisti sono in fuga dalla legge e cercano disperatamente di raggrupparsi e combattere Vought. Nascondendosi, Hughie (Jack Quaid), Mother’s Milk (Laz Alonso), Frenchie (Tomer Capon) e Kimiko (Karen Fukuhara) provano ad adattarsi a una nuova normalità, con Butcher (Karl Urban) che non si trova da nessuna parte.

Nel frattempo, Starlight (Erin Moriarty) deve adattarsi al suo posto nei Sette mentre Homelander (Antony Starr) punta a prendere il controllo completamente. Il suo potere è minacciato dall’aggiunta di Stormfront (Aya Cash), una nuova Supe esperta di social media, che ha un’agenda tutta sua. Inoltre, la minaccia Supervillain è al centro della scena mentre Vought cerca di capitalizzare la paranoia della nazione.

The Boys | i supereroi alternativi

The Boys è una presa irriverente su ciò che accade quando i supereroi, famosi come le celebrità, influenti come i politici e riveriti come gli dei, abusano dei loro superpoteri piuttosto che usarli per il bene.

È l’impotente contro il super potente mentre The Boys intraprende una ricerca eroica per svelare la verità sul supergruppo noto come “I Sette”. Lo spettacolo conserva la maggior parte dei fumetti che oltrepassa la violenza e la sessualità mentre esplora il lato oscuro della celebrità e della fama dei supereroi.

La serie è stata creata da Evan Goldberg e Seth Rogen, che sono responsabili di un’altra serie sovversiva ispirata ai fmetti, Predicatore di AMC, e del creatore di Supernatural Eric Kripke.

Continua a leggere

Non categorizzato

Cinema e gioco: i film dedicati al poker che hanno fatto scuola

Pubblicato

:

le regole del gioco 660x330

Il binomio cinema e gioco è da sempre considerato ben collaudato. Basti vedere la lunga lista di pellicole dell’epoca d’oro di Hollywood per constatare come un certo tipo di cinema abbia sempre avuto un canale privilegiato nel contesto del gioco, delle bische e dei tornei di poker. Proprio il gioco di abilità del poker è stato protagonista, durante gli ultimi 30 anni di pellicole memorabili che sono entrate nel cuore degli appassionati di gioco e cinefili più incalliti e che sono una colonna nel catalogo dei film di Netflix.

Rounders – Il giocatore, storia di un piccolo grande cult

Resiste al tempo un cult assoluto come Rounders – Il giocatore, ambientato nel circuito del poker clandestino e con un cast all stars dove spicca il terzetto composto da Matt Damon, Edward Norton e John Malkovich. Il film diretto da uno specialista del thriller come John Dahl, è considerato tra gli appassionati di poker come una delle pellicole più coinvolgenti, veritiere e appassionate sul gioco. Passato quasi in sordina nelle sale, dove raggranellò qualcosa come 25 milioni di dollari, a fronte di un budget di oltre 10 milioni, divenne un cult grazie al mercato dell’home video, che in quegli anni poteva ancora determinare il successo di un film e il recupero anche in termini di introiti e di guadagni per i produttori coinvolti. Rounders è così amato dal pubblico che già da qualche tempo circolano rumors mai confermati su un possibile remake, sequel o addirittura prequel, dove il pubblico spera di rivedere il cast originale alle prese con altre sfide avvincenti sul circuito del poker. 

Le regole del gioco: cast all-stars per un film didattico sul gioco del poker

Sempre a tema poker troviamo poi una pellicola di metà anni 2000 come Lucky You. Distribuito in Italia con il titolo più ammiccante di Le regole del gioco, questo film è stato realizzato da un cast tecnico di primo livello. Troviamo infatti in cabina di regia il compianto Curtis Hanson, già premio Oscar, mentre nel cast spiccano un brillante e carismatico Eric Bana, la sempre affascinante Drew Barrymore e altre star del calibro di Robert Duvall che nel film interpreta il ruolo del padre del protagonista, anch’egli giocatore professionista e un insolito Robert Downey Jr. Curtis Hanson non è l’unico premio Oscar che ha lavorato a questo film, visto che nella colonna sonora troviamo canzoni di Bruce Springsteen e un inedito scritto apposta per la pellicola dal Premio Nobel Bob Dylan, mentre lo script è stato realizzato dallo stesso Hanson in coppia con Eric Roth. Roth è lo sceneggiatore di Forest Gump, ma anche di film come Alì, Munich, Insider e A Star is born.

 Come se non bastasse, questo film è stato realizzato con l’intento di dare credibilità ai film sul gioco e del poker in particolare. In diverse scene, oltre a un insolito intreccio sentimentale, sentiamo citare dai protagonisti modi di dire, frasi idiomatiche e storielle sul mondo del Texas Hold’Em. A rendere l’operazione davvero credibile ci pensa poi la leggenda del poker alla texana, Doyle Brunson, che compare per pochi secondi durante la parte dedicata alle WSOP, le World Series of Poker, che sono un appuntamento annuale da non per perdere specialmente per gli appassionati di Texas Hold’Em la versione di poker più giocata nel circuito del poker online.  Un film che documenta e fotografa in modo credibile e senza veli, la vita di un giocatore di poker professionista. Molto apprezzato dagli appassionati di poker, per via del fatto che non troviamo sempre punti altissimi, dettagli che spesso nelle pellicole hollywoodiane difetta sovente. 

Mississippi Grind e Win it all: le ultime uscite Netflix a tema gioco 

Tra i film più recenti dedicati al gioco del poker e non solo spiccano invece due titoli, entrambi presenti sul catalogo di Netflix: Mississippi Grind e Win it all, film che per certi versi possono essere accostati, nonostante le differenze e il registro agrodolce della pellicola che vede Ryan Reynolds, protagonista assoluto. Win it all è considerato un buon film di intrattenimento piuttosto breve, che durante i suoi 89 minuti non annoia e diverte per il suo intreccio a tema gambling.  

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X