Connettiti a NewsCinema!

Backstage e Curiosità

La caccia a Robert Redford a Venezia!

Pubblicato

:

402283_399636340089752_794111665_n

Il Festival di Venezia non è solo film, conferenze stampa, interviste, red carpet, recensioni e serate mondane, ma anche un’inarrestabile caccia alla star e noi di NewsCinema quest’anno ci siamo davvero impegnati per placcare l’oramai ultra settantenne Robert Redford. Non per un capriccio di qualche nostro redattore o per una passione sconfinata per il regista di The Company You Keep presentato al Festival,  ma per una vera e propria missione da compiere. Robert Redford era atteso al Lido il 6 Settembre e per noi l’avventura è cominciata la notte del 5, quando ci siamo seduti a tavolino e davanti ad una birra e un piatto di spaghetti abbiamo elaborato un piano infallibile per portare a termine la nostra missione: ottenere un autografo e lasciargli in regalo una cartellina nera contenente un omaggio artistico alla sua carriera. Detto così può sembrare una passeggiata o un delirio di un inguaribile fan, ma in realtà è stato molto di più.

NewsCinema, in occasione del Festival di Venezia, ha avviato una nuova rubrica dal titolo FuoriScena,  in collaborazione con la scrittrice Laura Manaresi per la sceneggiatura, e l’artista Giovanni Manna che rievoca con tocco leggero ed elegante i grandi film della storia del cinema e quelli più attuali, dando vita a scene nuove realizzate con la tecnica dell’acquarello, in cui i protagonisti di sempre vivono situazioni e atmosfere parallele, poetiche o ironiche. Un’idea originale per vedere il cinema con occhi diversi e proporre un tipo di arte figurativa che, guidata dalla giusta mano, permette di comunicare, di stabilire un contatto, un’emozione e stimolare creatività e fantasia. La rubrica è partita da poco e, tra i primi due film illustrati abbiamo proposto l’indimenticabile Star Wars e L’Uomo che sussurrava ai cavalli. Quest’ultimo per un omaggio a Robert Redford, in occasione dei suoi 50 anni di carriera festeggiati lo scorso mese. Quindi come potevamo far finta di niente, sapendo che per un paio di giorni l’attore si trovava non solo nella stessa città ma nella stessa stanza con noi?

Ebbene sì, perchè alle 14.30 del 6 settembre al Festival di Venezia, ha avuto luogo la conferenza stampa del film The Company You Keep e Robert Redford insieme con Shia LeBeouf era seduto a pochi metri da noi. Carlo, il nostro redattore, teneva in mano l’illustrazione da far autografare e io, armata di fotocamera per immortalare l’evento, tenevo la cartellina nera da regalargli. La sala era gremita e la moderatrice non ha fatto in tempo a dire “Grazie a tutti, il nostro tempo a disposizione è finito” che la folla si è fiondata letteralmente verso le star che, placcate dai bodyguards, si sono dileguate in pochi secondi nel nulla. Era sfumata un’occasione, ma non ci siamo dati per vinti!

Alle 15 ha avuto luogo un incontro semi-blindato tra Piera De Tassis, Direttrice della rivista Ciak e i due attori presso la terrazza Disaronno del Movie Village. Il sole era alto e la temperatura era quella di un giorno di agosto intorno alle 15 del pomeriggio, ma noi eravamo armati di pazienza e dovevamo riuscire nel nostro intento, sia per l’impegno dell’artista Manna nel realizzare quelle illustrazioni, sia per la nostra fiducia in un progetto nuovo e originale quale la nostra rubrica FuoriScena. Aspettiamo fiduciosi e dopo circa mezz’ora di attesa sotto il sole, varchiamo la soglia proibita! Lo spazio era raccolto e le possibilità di poter entrare in contatto con Robert sembravano più tangibili. Ma quando l’incontro è terminato, anche in questa occasione i bodyguards hanno accerchiato la star e l’hanno scortata attentamente verso l’uscita…a quel punto ci siamo resi conto che poteva essere la nostra ultima occasione, così Carlo, dai suoi due metri di altezza, ha cominciato a sventolare l’opera gridando “Robert Robert, an italian artist for you!!! An italian artist for you!!!” E finalmente abbiamo catturato l’interesse della star che, sistemandosi i Rayban ha detto alla sua guardia del corpo: ” Take it!“…Carlo ha lasciato l’illustrazione nelle mani del bodyguard che l’ha consegnata direttamente a Redford e noi, sudati, stanchi, increduli e con appena quattro ore di sonno dal giorno prima, siamo stati invasi dall’euforia di essere riusciti a realizzare il nostro obiettivo di tutta quella giornata in corsa e surreale.

Una promessa è una promessa! Anche se non siamo riusciti ad avere l’autografo, abbiamo poi spiegato la nostra intenzione all’ufficio stampa ufficiale di Redford che ha ritirato la famosa cartellina nera e ci ha promesso la copia autografata direttamente dagli Stati Uniti per arricchire la nostra rubrica. Vi faremo sapere cosa accadrà, ma intanto seguite FuoriScena e fateci sapere cosa ne pensate!!! Grazie da parte de Gli Invicibili di NewsCinema :)

  (Disegno di Giovanni Manna)

Enhanced by Zemanta

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Backstage e Curiosità

Avatar | i nuovi mech subacquei utilizzati nel sequel di James Cameron

Pubblicato

:

avatar2 meteoweek compressed 1

Dalle ultime news che nel corso degli ultimi mesi – o meglio, anni – si sono rincorse sul nuovo film della saga di Avatar, l’acqua è destinata a svolgere un ruolo molto importante. Nei sequel diretti dal regista James Cameron, come testimonia anche il profilo Twitter, saranno presenti alcuni nuovi mech subacquei. Una novità tecnologica non di poco conto, che ha raccolto il plauso dei fan del regista e dei suoi film.

Quando usciranno i prossimi film?

Da quando è uscito il primo film, diventato pietra miliare della cinematografia di fantascienza, incertezze e ritardi hanno tenuto banco e spazientito anche i fan. Come se non bastasse, il blocco del set causato dalla pandemia per il coronavirus, ha fatto rallentare ancora di più le lavorazioni. Se pensate che dopo mesi, sono verso i primi di giugno, il cast e i tecnici hanno potuto battere un nuovo ciak in Nuova Zelanda.

Secondo il calendario stilato da James Cameron con gli studio, i prossimi film dovrebbero seguire queste date, salvo ulteriori ritardi.
Avatar 2 è stato rinviato di un anno intero dal 18 dicembre 2020 al 17 dicembre 2021.
Avatar 3 è passato dal 17 dicembre 2021 al 22 dicembre 2023. 
Avatar 4 dovrebbe uscire il 19 dicembre 2025.
Avatar 5, che concluderà tutta la storia, è previsto per il 17 dicembre 2027.

È giusto precisare però, che gli ultimi due sequel, saranno realizzati solo se gli altri due film precedenti segneranno dei numeri da capogiro al boxoffice.

Leggi anche: Avatar | Nuove foto dal set dei sequel di James Cameron

Leggi anche: Alla scoperta di Pandora – Il mondo di Avatar con un nuovo video

Il cast di Avatar 2

Il cast della serie Avatar comprende Kate Winslet, Edie Falco, Michelle Yeoh, Vin Diesel, Jemaine Clement e Oona Chaplin insieme a una lista di giovani attori.
Nel nuovo film troveremo di nuovo Sam Worthington, Zoe Saldana, Joel David Moore, Dileep Rao, Stephen Lang, Matt Gerald e Sigourney Weaver.

Continua a leggere

Backstage e Curiosità

Toy Story 3 | il regista Lee Unkrich svela come potrebbero morire i giocattoli

Pubblicato

:

toy story 3 newscinema compressed 1

I migliori film tendono a sollevare alcuni dei dibattiti più controversi , come ad esempio: Deckard di Harrison Ford è un replicante di Blade Runner? Non è stato che i grandi film possono suscitare anche delle domande strane come è accaduto per un lungometraggio della Pixar molto amato da grandi e piccini. Il quesito, semplice e allo stesso tempo complesso è stato: I giocattoli della serie Toy Story possono morire ? A tal proposito, il regista di Toy Story 3 Lee Unkrich è entrato in questo piccolo dibattito nato su Twitter per chiarire questo dubbio esistenziale.

Il tweet del regista di Toy Story 3

A far nascere questo dubbio amletico è stato il tweet di un ragazzo, postato due giorni fa, nel quale scrisse: “la mia ragazza e io stiamo litigando perché penso che i giocattoli di Toy Story siano immortali e lei pensa che possano morire”. In effetti, queste sono le classiche domande che solo le persone con estrema curiosità e fantasia possono porsi. Ma di fronte a un quesito del genere, serve il parere di un esperto in materia. Per tale ragione, il regista del film Toy Story 3 ha deciso di retwittare il messaggio, scrivendo: “Vivono finché esistono. Ma se dovessero essere completamente distrutti? Ad esempio, in un inceneritore? Game over.”

Leggi anche:  Toy Story 4, Woody e Buzz sono tornati nel nuovo trailer italiano

Leggi anche: Toy Story 4 recensione: ancora una volta verso l’infinito e oltre

Quella tragedia sfiorata nel film Toy Story….

Dopotutto, i giocattoli di Toy Story non sono immortali, sebbene secondo il post di Lee Unkrich su Twitter, sembra che ci voglia molto per ucciderli.
La maggior parte dei fan della saga d’animazione senz’altro ricorderà la temuta scena dell’inceneritore di Toy Story 3. Una scena fortemente emotiva, che ha richiesto oltre un anno per poterla animare adeguatamente. Woody, Buzz, Jessie e il resto della banda si trovano ad affondare nel loro ardente destino, credendo di essere giunti ormai alla fine. A quel tempo, sembrava che la Pixar avrebbe davvero deciso di uccidere i giocattoli, ponendo fine alla trilogia per sempre.

Questo, ovviamente, non sarebbe mai successo, secondo voi potrebbe essere possibile una cosa del genere in un film per bambini? Fortunatamente, Woody e gli altri ne uscirono illesi e senza causare traumi infantili.

Consigli di Cine-Shopping

Continua a leggere

Backstage e Curiosità

Avatar | Nuove foto dal set dei sequel di James Cameron

Pubblicato

:

Avatar

Il produttore Jon Landau ha pubblicato su Facebook nuove foto dietro le quinte dei sequel di Avatar di James Cameron. Nelle foto si vede Cameron mentre dirige alcuni attori non identificati durante una scena subacquea, e poi ci sono alcune generiche degli studios creati appositamente per i due nuovi film.

Un paio di immagini fisse dietro le quinte di Jim che dà agli attori la direzione prima di immergersi sott’acqua per catturare una scena dei sequel Avatar” ha detto Landau nel suo post. “Cosa è la roba bianca sulla superficie dell’acqua? Sono piccole palline bianche che sono necessarie per evitare che le luci in alto contaminino il sistema di acquisizione delle prestazioni in basso… pur consentendo a chiunque di sotto di emergere in sicurezza attraverso di esse in caso di necessità”.

Avatar | Il cast dei sequel

Il cast della serie Avatar comprende Kate Winslet, Edie Falco, Michelle Yeoh, Vin Diesel, Jemaine Clement e Oona Chaplin insieme a una lista di giovani attori. I membri del cast di ritorno includono Sam Worthington, Zoe Saldana, Joel David Moore, Dileep Rao, Stephen Lang, Matt Gerald e Sigourney Weaver.

Cameron ha recentemente spiegato che il colonnello di Stephen Lang Miles Quaritch tornerà per tutti e quattro i sequel e sarà il cattivo principale di tutta la storia. Le riprese sono iniziate ufficialmente su Avatar 2 e Avatar 3 il 25 settembre 2017. Dopo aver sconvolto il programma, Avatar 2 è stato rinviato di un anno intero dal 18 dicembre 2020 al 17 dicembre 2021. Avatar 3 è stato respinto due anni dal 17 dicembre 2021 al 22 dicembre 2023. Avatar 4 uscirà due anni dopo, il 19 dicembre 2025 (originariamente il 20 dicembre 2024) e Avatar 5 scenderà il 17 dicembre 2027 (originariamente il 19 dicembre 2025). Anche se Avatar 4 e Avatar 5 usciranno solo con l’avvertenza del regista James Cameron, Avatar 2 e 3 hanno successo al botteghino.

Consigli di shopping a tema:

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X