Connettiti a NewsCinema!

Non categorizzato

La Torre Nera, recensione del fantasy nato dalla mente di Stephen King

Pubblicato

:

Trasposizione e continuazione canonica. Oscilla da ambo i lati il progetto che vede approdare al cinema La Torre Nera, famosa saga fantasy partorita dalla mente di Stephen King e composta, ad oggi, da ben 8 romanzi, nessuno dei quali però – per stessa ammissione del regista danese Nikolaj Arcel – preso in considerazione per la realizzazione di questo primo capitolo d’esordio.

Una scelta prevista agli antipodi, a quanto pare, autorizzata da King in persona e avente lo scopo di andare a proseguire virtualmente la storyline del franchise, attingendo magari a tutto tondo dai libri a disposizione per quanto riguarda l’utilizzo di determinate informazioni e accadimenti.

Una torre nera indistruttibile ma vulnerabile

Ci troviamo infatti in un universo molto simile al nostro, ma diverso. Un universo il cui equilibrio dipende, appunto, da una Torre Nera posta al centro che impedisce alle tenebre di invadere e di impossessarsi dei vari mondi che lo vanno a comporre. Una Torre apparentemente solida e indistruttibile, ma vulnerabile, sembra, di fronte al potere racchiuso all’interno della mente di un bambino. Bambino che tuttavia – come era Neo per Matrix – non può essere inteso come soggetto generico, altrimenti l’Uomo in Nero di Matthew McConaughey – Signore Del Male per eccellenza – avrebbe già smesso di mandare i suoi brutti e numerosissimi scagnozzi in giro per il Mondo-Cardine (ovvero il nostro) a rapire quanti più profili-potenzialmente-idonei possibili, verificandone ogni volta l’effettivo potenziale. È una minaccia sempre più frequente la sua, contrastata con poca lucidità ormai dal pistolero Roland di Idris Elba, accecato di vendetta e in crisi rispetto al suo ruolo di eroe e di ambasciatore del bene.

Idris Elba in La Torre Nera

C’è solo una persona allora che ha il dono di andare a spostare gli equilibri, di potersi considerare ago della bilancia tra il mantenimento della pace e l’inizio del caos, e le ipotesi vertono tutte in favore del piccolo Jake Chambers, considerato da madre e patrigno assai problematico per via degli incubi e degli allarmanti disegni che non smette produrre, eppure unico terrestre in grado di percepire l’imminente minaccia e soprattutto di muoversi attraverso i segreti portali.

Stephen King soprannaturale

Spiegone necessario questo per inquadrare, grossomodo, il tipo di King con il quale ci troviamo in contatto, più orientato quindi verso il soprannaturale, il western e l’action e molto meno verso quell’horror che forse rappresenta un po’ il suo marchio di fabbrica maggiormente affidabile (perlomeno al cinema). Sta di fatto che non è lui comunque il problema di La Torre Nera quanto una sceneggiatura e un immaginario che, nonostante abbia assolutamente i mezzi necessari per mettere in piedi uno spettacolo d’intrattenimento robusto e soddisfacente, dà l’impressione perenne di volersi limitare e contenere, fornendo poco spazio sia ai personaggi straordinari che ha a disposizione e sia ad un protagonista la cui visceralità non avrebbe faticato affatto ad accaparrarsi il centro dell’attenzione.

Matthew McConaughey nel film La Torre Nera

Un film ambiguo e modesto

E’ come se fosse tutto costantemente ritagliato nella pellicola di Arcel, tutto detto rapidamente, descritto in quattro e quattr’otto, neanche se il tempo fosse lì a remargli contro e la priorità quella di compattare al massimo qualcosa che altrimenti il pubblico non riuscirebbe mai ad intendere o a mandare giù.

Il risultato è inevitabilmente quello di un prodotto asciutto e digeribile, ma anche dal sapore ambiguo e modesto; un prodotto che non ha la verve per scatenare approvazioni, così come nemmeno il carattere di solleticare un secondo assaggio. Il che è probabilmente la sconfitta più grande da considerare, se pensiamo alla scommessa che vedeva legata al successo di questo capitolo la pre-produzione dei romanzi originali e già editi della saga. Romanzi che a questo punto, i più fedeli, rischiano di dover recuperare o di rivivere accontentandosi della sola esperienza su carta stampata.

(Per gentile concessione del nostro collega di Inglorious Cinephiles)

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Charlize Theron | la vulcanica attrice sudafricana compie 45 anni

Pubblicato

:

charlizetheron newscinema

“Impara ad amare te stessa, perché sei la persona con la quale dovrai trascorrere tutta la vita”. Questo aforisma, la bellissima Charlize Theron ha deciso di renderlo il motto della sua vita.
Single, bellissima e con un look sempre impeccabile e diverso, l’attrice Premio Oscar, oggi compie 45 anni. Senza dimostrarli, aggiungo io. Scopriamo qualcosa in più su questa diva di Hollywood che è rimasta sempre umile e dal cuore buono nonostante il successo.

Le origini dell’attrice trasformista Charlize Theron

Lo sappiamo che l’età di una signora non andrebbe mai detta per galanteria, ma quando rivelarla può avere la valenza di un complimento è il caso di farlo.

Charlize Theron nata a Benoni (Sud Africa) il 7 agosto 1975, l’ attrice, produttrice cinematografica, ma prima ancora modella di grande successo, oggi compie 45 primavere con grande stile. Dopo aver trascorso un’adolescenza turbolenta a causa del padre, uomo violento e ucciso dalla mamma a seguito di un’aggressione avvenuta davanti ai suoi occhi a soli 15 anni, la bella Charlize si è poi dedicata al mondo dello spettacolo iniziando con la moda. Famosa in tutto il mondo, la pubblicità del Martini (il vestito impigliato alla sedia che si sfila a ogni suo passo) le ha aperto le porte del cinema.

Nella sua carriera ha preso parte a film molto importanti di Hollywood, ma prima ancora la Theron risulta essere una delle attrici più attive in campo umanitario. Di fatti, è membro dell’organizzazione per i diritti delle donne e degli animali, oltre a essere da sempre sostenitrice dei diritti per gli omosessuali e annesso matrimonio tra persone dello stesso sesso.

La frase che ha aperto questo articolo, è un’anticipazione del pensiero che alberga nella mente dell’attrice trasformista da qualche anno. Dopo aver adottato il primo figlio Jackson Theron nel 2012, solo tre anni dopo, ha deciso di adottare anche una bimba afro-americana, August Theron. Tutti si sono domandati, come mai una bellezza del genere non abbia un uomo accanto che la possa amare e aiutare a crescere i bambini? La risposta è stata resa nota dalla diretta interessata la quale, senza mezzi termini ha detto: “Al momento sto bene così. Ho una relazione con me stessa. Non ho mai voluto sposarmi, non è mai stata una cosa importante per me. Non mi sono mai sentita sola, nella mia vita ora non c’è spazio per altro ora”.

Leggi anche: Bombshell – La voce dello scandalo | La recensione del film con Charlize Theron

theron3 newscinema

Leggi anche: Tully, Charlize Theron in una delicata riflessione su un’esistenza femminile allo sbaraglio, ma non troppo

Attrice con la ‘A’ maiuscola

Una bellezza come quella della Theron unita al talento che è sotto gli occhi di tutti, la rende quasi una Dea. Non a caso è tra le donne più belle e apprezzate di tutti i tempi, per la sua estrema femminilità ed eleganza. I suoi look ormai fanno parte di lei e hanno contribuito a renderla un’icona di moda e di stile, soprattutto durante le manifestazioni cinematografiche. Per lei nessun look è sbagliato sia che si presenti con il capello corto, lungo, scuro, biondo o addirittura rasato come nel film Mad Max nel quale interpreta Furiosa.

Come se non bastasse, lei è una di quelle poche (ahimè) attrici che non ha paura a stravolgere la sua persona a favore del cinema. Un esempio eclatante il bellissimo film drammatico Monster diretto da Patty Jenkins con il quale vinse il Premio Oscar nel 2004. Imbruttita secondo la sceneggiatura di Robert Ebert e ingrassata 15 chili, è riuscita a portare sul grande schermo la storia vera e drammatica della serial killer Aileen Wuornos.

Continua a leggere

Non categorizzato

Festa del Cinema di Roma 2020 | Cosa sarà film di chiusura

Pubblicato

:

cosa sarà di francesco bruni © paolo ciriello

Cosa sarà di Francesco Bruni sarà il film di chiusura della quindicesima edizione della Festa del Cinema di Roma che si svolgerà dal 15 al 25 ottobre 2020 all’Auditorium Parco della Musica. Lo ha annunciato il Direttore Artistico Antonio Monda, d’intesa con Laura Delli Colli, Presidente della Fondazione Cinema per Roma, e Francesca Via, Direttore Generale. Quest’anno la manifestazione fa parte di Romarama, il programma di eventi culturali promosso da Roma Capitale.

Il cineasta romano, pluripremiato sceneggiatore di film quali OvosodoLa prima cosa bellaIl capitale umano di Paolo Virzì, con cui realizza da anni un felice sodalizio artistico, e di serie televisive come “Il commissario Montalbano”, torna alla regia dopo i successi di Scialla! (Stai sereno)Noi 4 e Tutto quello che vuoiCosa sarà vede protagonista Kim Rossi Stuart nei panni di Bruno Salvati: la vita di Bruno è in una fase di stallo, i suoi film non hanno mai avuto successo e il suo produttore fatica a mettere in piedi il prossimo progetto. Sua moglie Anna, dalla quale si è recentemente separato, sembra già avere qualcun altro accanto.

 E per i figli Adele e Tito, Bruno non riesce a essere il padre presente e affidabile che vorrebbe. Un giorno Bruno scopre di avere una forma di leucemia. Si affida immediatamente a un’ematologa competente e tenace, che lo accompagna in quello che sarà un vero e proprio percorso a ostacoli verso la guarigione. Il primo obiettivo è trovare un donatore di cellule staminali compatibile: dopo alcuni tentativi falliti, Bruno comincia ad avere seriamente paura, Cosa sarà di lui? Suo padre Umberto, rivelandogli un segreto del suo passato, accende in tutti una nuova speranza.

Bruno e la sua famiglia intraprendono un inatteso percorso di rinascita, che cambierà i loro rapporti e insegnerà a Bruno ad alzare gli occhi da sé stesso e a guardare gli altri. Il film, prodotto da Palomar e Vision Distribution, arriverà nelle sale il 29 ottobre. “Francesco Bruni riesce a raccontare con intelligenza e profondità un dramma che lo ha colpito personalmente – ha spiegato Antonio Monda – Riesce anche a divertire, nella migliore tradizione umanista della commedia all’italiana, senza aver paura dei sentimenti”.

La Festa del Cinema di Roma, grazie alla collaborazione con SIAE, dedicherà il red carpet della quindicesima edizione al genio di Ennio Morricone, scomparso lo scorso 6 luglio: le musiche del maestro accompagneranno talent, ospiti e pubblico lungo il tappeto rosso dell’Auditorium Parco della Musica. Morricone ha partecipato alla Festa del Cinema fin dai suoi esordi, con la direzione di due indimenticabili concerti nel corso della prima e della seconda edizione; all’inaugurazione della mostra dedicata a Sergio Leone nel 2009; come protagonista di uno straordinario incontro tenutosi l’anno successivo; come presidente di giuria nel 2011 e in numerose altre occasioni.

“Un inedito red carpet sonoro per un omaggio speciale a Ennio Morricone, grande Maestro molto amato non solo per le colonne sonore evergreen che ci ha regalato in mezzo secolo di straordinarie sonorità ma anche per le note e i ritmi entrati nella nostra vita perfino con tanta musica leggera – ha detto Laura Delli Colli – Con le sue colonne sonore, in un ‘tempio’ della musica come l’Auditorium Parco della Musica che gli è stato appena intitolato ricorderemo così, con grande affetto, il Premio Oscar® amato da Leone, Tornatore e Tarantino ma anche il Morricone più inedito e ‘pop’, autore o arrangiatore di canzoni che da Se telefonando a Sapore di saleIl mondo e perfino Abbronzatissima, sono diventate per tutti noi leit motiv di una memoria quotidiana che continuerà a siglare la nostra vita”. 

“Ennio Morricone è stato un genio della musica e del cinema e sono onorato di celebrarlo nella sua città – ha aggiunto Monda – Per tutti i dieci giorni della Festa sul red carpet risuoneranno esclusivamente le sue musiche leggendarie”.

Continua a leggere

Non categorizzato

The Boys 2 | Il nuovo trailer svela alcune curiosità suoi nuovi episodi

Pubblicato

:

the boys 2 e1596555384977

Il nuovo trailer di The Boys 2 fornisce nuovi filmati di terroristi superpotenti e Stormfront di Aya Cash. La serie farà il suo ritorno a Settembre.

The Boys | I fatti della seconda stagione

In The Boys 2 i protagonisti sono in fuga dalla legge e cercano disperatamente di raggrupparsi e combattere Vought. Nascondendosi, Hughie (Jack Quaid), Mother’s Milk (Laz Alonso), Frenchie (Tomer Capon) e Kimiko (Karen Fukuhara) provano ad adattarsi a una nuova normalità, con Butcher (Karl Urban) che non si trova da nessuna parte.

Nel frattempo, Starlight (Erin Moriarty) deve adattarsi al suo posto nei Sette mentre Homelander (Antony Starr) punta a prendere il controllo completamente. Il suo potere è minacciato dall’aggiunta di Stormfront (Aya Cash), una nuova Supe esperta di social media, che ha un’agenda tutta sua. Inoltre, la minaccia Supervillain è al centro della scena mentre Vought cerca di capitalizzare la paranoia della nazione.

The Boys | i supereroi alternativi

The Boys è una presa irriverente su ciò che accade quando i supereroi, famosi come le celebrità, influenti come i politici e riveriti come gli dei, abusano dei loro superpoteri piuttosto che usarli per il bene.

È l’impotente contro il super potente mentre The Boys intraprende una ricerca eroica per svelare la verità sul supergruppo noto come “I Sette”. Lo spettacolo conserva la maggior parte dei fumetti che oltrepassa la violenza e la sessualità mentre esplora il lato oscuro della celebrità e della fama dei supereroi.

La serie è stata creata da Evan Goldberg e Seth Rogen, che sono responsabili di un’altra serie sovversiva ispirata ai fmetti, Predicatore di AMC, e del creatore di Supernatural Eric Kripke.

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X