Connettiti a NewsCinema!

Musica

Le 10 colonne sonore più belle dei film usciti nel 2017

Pubblicato

:

Sin dalle sue origini la musica ha svolto sempre un ruolo fondamentale nella storia del cinema. Un accompagnamento caratteristico o pause silenziose riescono a creare una maggiore suspense e attirano l’ attenzione dello spettatore. Il momento in cui solitamente viene inserita quella che secondo la regia è la canzone perfetta, riesce anche a creare un incredibile momento magico. Ogni anno vediamo grandi esempi di questo genere nei migliori film dell’anno, e il 2017 non fa eccezione.

Ad un passo dalla fine dell’anno è stato fatto un bilancio di quali sono state le musiche più belle del grande schermo nel corso di questi dodici mesi. Ci sono state molte collaborazioni musicali davvero interessanti, ma noi abbiamo scelto soltanto le 10 colonne sonore migliori del 2017.

Bellbottoms – Baby Driver

Dal momento in cui si è iniziato a pensare di stilare questo elenco ho deciso di scegliere solo una canzone per ogni film. Nel corso degli anni diverse musiche di una stessa pellicola meritavano di far parte di questa lista, e questo tipo di problema si è riproposto con il film Baby Driver di Edgar Wright. Tutto il montaggio è geniale, soprattutto per l’utilizzo della musica all’interno del film e per il modo in cui questa è stata sincronizzata con le sequenze, creando dei bellissimi momenti musicali. Per scegliere solo un brano di questo film abbiamo deciso di optare per la straordinaria apertura con la canzone Bellbottoms della band The Jon Spencer Blues Explosion’s . Il pubblico è completamente assorbito dalla storia quando il Baby Driver interpretato da Ansel Elgort inizia a guidare, lasciandosi influenzare dalla musica del suo iPod, scatenando meravigliosi sequenze che travolgono il pubblico.

Remember Me – Coco

La Pixar ha una lunga eredità e capacità di toccare le corde del cuore e il lato più emotivo delle persone. E anche in questa occasione la tradizione è stata mantenuta con il film Coco di Lee Unkrich. Ciò che rende questo nuovo film particolarmente speciale è il fatto che la musica viene utilizzata continuamente. Alla fine del film Miguel (Anthony Gonzalez) è disperato e, per salvare l’anima di Héctor (Gael Garcia Bernal), l’ unico modo è farlo ricordare alla sua bisnonna Coco, attraverso la canzone che suo padre gli cantava da piccola: Remember Me (basato sulla musica e testi da Kristen Anderson-Lopez & Robert Lopez).

You’ll Never Know, Just How Much, I Love You – The Shape Of Water

La sensibilità classica di Guillermo del Toro nel  film The Shape Of Water è quella che viene definita una notevole esperienza cinematografica – e, in diversi momenti, c’è questa meravigliosa musica che accompagna la straordinaria danza subacquea sulle note di You’ll Never Know, Just How Much di Alice Faye.  Si tratta di un momento fantastico in un racconto fantasy. La canzone scelta da Guillermo Del Toro è originale del 1944.

Father and Son – Guardians Of The Galaxy Vol. 2

Alcuni film moderni definiti blockbuster hanno dei richiami musicali davvero accattivanti. E una colonna sonora che rispecchia questo è quella del film Guardiani della Galassia vol.2 di Jamers Gunn. Lo scrittore e regista ha realizzato una fantastica playlist di brani per dare maggiore vivacità alle scene, scelta già provata e promossa dopo il suo primo film con Marvel Studios del 2014, e per non deludere le aspettative ha fatto lo stesso anche con il secondo film di Guardiani della Galassia. Tra i diversi momenti accompagnati dalla musica, il momento più emozionante è con la canzone di Cat Stevens dal titolo Father and Son. È veramente emozionante ascoltare i suoni cupi di Stevens con la chitarra acustica, mentre si svolge la scena del funerale all’ interno del film.

Redbone – Get Out

Gran parte di ciò che rende Jordan Peele nel film Get Out fenomenale al suo esordio alla regia è l’attenzione al dettaglio in ogni singolo istante del film. Non solo aggiunge pathos ad ogni sequenza mentre lo si guarda, ma vede anche alcuni elementi ripetersi, che magari non sono stati catturati la prima volta, ma ancor di più dimostra che lo scrittore e regista ha delle competenze notevoli come narratore. Il fantastico lavoro di Peele lo ha reso vincente anche per la scelta perfetta delle musiche firmate dal compositore Michael Abels, il quale è riuscito regolarmente ad aumentare la tensione e il dramma nello spettatore. Il primo testo riprodotto, Stay woke è un immediato segnale al pubblico che il protagonista è immerso nella storia con i suoi occhi aperti, seppur non pienamente preparato a ciò che gli si presenterà davanti.

Crash in me – Lady Bird

Crash in me di Dave Matthews è una di quelle canzoni considerate la quintessenza degli anni ’90 – e sebbene sia invecchiata stranamente – ora è una traccia che ispira disprezzo ogni volta che si accende la radio. I suoi testi sono seriamente miscelati, lottando con uno strano equilibrio tra il romantico e spaventosamente raccapricciante, ma l’ accompagnamento alla voce e il riff acustico hanno una qualità ipnotizzante. Certamente si aggiunge una nostalgia piegata a Lady Bird di Greta Gerwig, presentato più volte come una canzone goduta dal personaggio principale Saoirse Ronan, ma è ugualmente e tematicamente pertinente. Questa canzone viene utilizzata perfettamente nei momenti di sfida e di grande tristezza per il protagonista.

Love My Way – Call Me By Your Name

Come Lady Bird, Luca Guadagnino in Call Me By Your Name è un bellissimo salto nel tempo, con la creazione di una storia di giovani amore e di un dolore straziante attraverso gli occhi del giovane Elio (Timothee Chalamet). Durante l’estate del 1983 in Italia, l’adolescente resta affascinato dallo spirito libero e bellissimo Oliver (Armie Hammer), che resta con la sua famiglia per facilitare il lavoro del padre. Dopo alcune brevi scontri all’inizio, Elio e Oliver iniziano a diventare sempre più complici ed è durante la visione di quest’ultimo durante un classico balletto, degli anni ’80 con la ballata Love My Way dei The Psychedelic Furs in un nightclub, che i sentimenti iniziano a fiorire superando il rapporto d’amicizia.

Who’s The (Bat)Man – The LEGO Batman Movie

Batman è stato uno dei personaggi più significativi della cultura pop sul grande schermo in epoca moderna, ma quello che interessa ora è la versione divertente di Chris McKay con The LEGO Batman Movie. Viene celebrata l’incredibile eredità del supereroe, anche con la creazione di scherzi, ai quali  a sue spese conquistando la maggioranza del pubblico. Tutto questo è vero riguardo il film, in particolare la sequenza di apertura con Who’s (Bat)Man di Patrick Stump. Non è esattamente un tormentone come Everything is Awesome come è stato dal primo LEGO film, ma si adatta perfettamente ad ogni fantastico scontro con praticamente ogni villain che il supereroe incappucciato ha dovuto combattere nel corso degli ultimi 78 anni.

Hangin’ Tough – IT

La musica può essere un potente strumento di qualità cinematografica quando viene messa in mani esperte. Con solo un paio di note o testi, un regista è in grado di raccontare una storia in un momento. Ora, è vero che la presenza New Kids On The Block è stato uno scherzo per l’ IT di Andres Muschietti, ma la breve clip di Hangin’ Tough merita di essere vista.” Tutti e due i secondi del brano che vengono riprodotti,  quando Beverly Marsh (Sophia Lillis) scopre il poster dei NKOTB è appeso nella camera da letto del “New Kid” Ben (Jeremy Ray Taylor), ma è perfettamente cementato in un momento perfetto tra i due caratteri destinati per l’amore. Grazie al successo, il loro rapporto sarà probabilmente per sempre associato con la band.

Take Me Home, Country Roads – Logan Lucky

Non meno di sei principali versioni della musica di John Denver sono state utilizzate nel 2017, e mentre si scopre che non è una semplice coincidenza, un esempio si erge sopra il resto. Dopo 11 anni da Little Miss Sunshine usato durante un fantastico momento musicale oltre al “Super Freak” di Rick James e ora Steven Soderbergh ha utilizzato una simile canzone per rendere più sincero l’uso di Take Me Home, Country Roads di John Denver in Logan Lucky.  Lo sfortunato ed inaffidabile Jimmy Logan (Channing Tatum) è presente durante la performance della figlia ad uno spettacolo, e questo è un momento chiave per il protagonista del film data la melodia cantata con amore sul palco dalla giovane Farrah Mackenzie.

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Beastie Boys Story, al via il documentario dedicato alla band anni ’80

Pubblicato

:

beastie boys pronto il libro sulla loro storia compressed

Grande annuncio per tutti fan della band Beastie Boys, la band ha annunciato tramite il profilo Twitter il progetto di un documentario dedicato alla loro carriera. Nonostante il trio abbia dovuto dire addio ad uno dei componenti della band, Adam “MCA” Yauch, nel 2012 a causa di un cancro al quale non è riuscito a sopravvivere, gli altri due cantanti faranno in modo di “riportare in vita” la sua memoria.

Chi erano i Beastie Boys?

I Beastie Boys sono stati un gruppo musicale rap americano nato nel 1981 nella Grande Mela, New York. La band era costituita da  Adam “Ad-Rock” Horovitz, Michael “Mike D” Diamond e Adam “MCA” Yauch. Il nome era nato dall’idea del componente John Berry, il quale aveva creato l’acronimo Beastie per lanciare un messaggio specifico. “Boys Entering Anarchistic States Towards Inner Excellence”, tradotto in italiano: “Ragazzi che entrano in Stati anarchici per ottenere la perfezione interiore”.

La sinossi del documentario

Il documentario dedicato alla band intitolato Beastie Boys Story al momento ha ufficializzato il progetto con questa sinossi:
“Ecco cos’è il film: Mike Diamond e Adam Horovitz dei Beastie Boys raccontano una storia intima e personale della loro band e dei loro 40 anni di amicizia insieme. Dagli anni ’80 della scena punk di New York City, a “Fight For Your Right (to Party)” e diventando i primi artisti hip-hop a fare un disco n. 1 ( concesso in licenza a Ill ), attraverso la loro evoluzione, che li ha portati al Sabotage , Intergalattico e oltre. Creato con il loro vecchio amico, il loro ex nonno e collaboratore, il regista Spike Jonze, il film mescola perfettamente uno spettacolo teatrale dal vivo e un documentario per creare un nuovo formato, un documentario dal vivo ”.

Chi si occuperà della produzione di Beastie Boys Story?

La storia della boy band degli anni ’80 verrà prodotta e diretta dal regista Spike Jonze e presenterà attraverso le dichiarazioni degli unici due superstiti ai Bestie Boys, Adam “Ad-Rock” Horovitz e  Mike “Mike D” Diamond, la loro carriera ai più giovani e a chi è cresciuto con le loro canzoni. 

Beastie Boys Story arriverà in alcuni cinema IMAX il 3 aprile prima di arrivare su Apple TV + il 24 aprile.

 

Continua a leggere

Cinema

Timothée Chalamet sarà Bob Dylan, ecco tutti i dettagli

Pubblicato

:

tim bob

Un nuovo film dedicato alla storia di un’icona della storia della musica sta venendo alla luce. Dopo il successo di Bohemian Rhapsody incentrato su Freddie Mercury (Rami Malek) e Rocketman con Taron Egerton nei panni di Elton John, questa volta sarà il mito di Bob Dylan ad essere raccontato sul grande schermo. A vestire i panni del cantante sarà l’attore statunitense Timothée Chalamet (Chiamami col tuo nome), il quale sta prendendo lezioni di chitarra acustica ed elettrica per poter apparire disinvolto durante le riprese. 

Il biopic dedicato al cantautore americano si intitolerà Going Electric in onore di una storica esibizione avvenuta nella sua città natale di Duluth al Newport Folk Festival nel 1965. Sarà proprio durante questo concerto che l’artista effettuerà il passaggio dal genere folk alla musica elettronica. Naturalmente questa scelta generò diverse polemiche e malumori da parte dei suoi fan, i quali si divisero tra chi lo accusava di aver tradito il mondo del folk e chi lo sosteneva, comprendendo la sua necessità di espandere il suo modo di fare musica. 

Leggi anche: 5 biopic musicali da rivedere dopo il successo di Bohemian Rhapsody e Rocketman

A dirigere Going Electric ci penserà il regista James Mangold, già noto per aver diretto nel 2004 il film Walk the Line dedicato all’ascesa del cantante Johnny Cash interpretato da Joaquin Phoenix. Oltre al nome di Mangold nella sceneggiatura, come riporta il sito Deadline, apparirà anche quello di Bob Dylan il quale sta partecipando da mesi in maniera molto attiva alla fase di scrittura del film. Inoltre, i diritti musicali di Dylan faranno parte del pacchetto anche se per ora non è chiaro se Chalamet si esibirà anche in veste di cantante.

Prima di questo progetto dedicato a Dylan, nel 2007 venne realizzato il film Io non sono qui di Todd Haynes interpretato da ben sei attori quali: Christian Bale, Cate Blanchett, Marcus Carl Franklin, Richard Gere, Heath Ledger e Ben Whishaw. Mentre lo scorso anno ci pensò il grande regista Martin Scorsese a raccontare la sua storia con il documentario Rolling Thunder Revue incentrato sulla tournée del 1975 di Bob Dylan. 

Continua a leggere

Cinema

Pinocchio, i costumi del film di Matteo Garrone in mostra

Pubblicato

:

pinocchio recensione fiaba freak decadente matteo garrone v12 46569

In occasione del Natale 2019, il Museo del Tessuto di Prato inaugura una mostra dedicata al pluripremiato costumista cinematografico Massimo Cantini Parrini. La mostra presenta in anteprima assoluta il suo ultimo straordinario lavoro: oltre 30 costumi realizzati per il film “Pinocchio” di Matteo Garrone, in uscita nelle sale il prossimo 19 dicembre e distribuito da 01 Distribution.

Dei costumi in mostra, 25 sono stati realizzati dalla Sartoria Tirelli, 5  dalla Sartoria Costumi d’Arte Peruzzi, 2 da Cospazio 26, mentre le parrucche da Rocchetti e Rocchetti. Massimo Cantini Parrini è nato e si è formato a Firenze: dall’Istituto Statale d’Arte di Porta Romana, al Polimoda, fino alla Laurea in Cultura e Stilismo della moda presso l’Università di Firenze. Nel corso degli studi accademici vince il concorso al Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma, diventando allievo nel corso di costume del premio Oscar Piero Tosi. Il suo esordio nel cinema è come assistente costumista accanto a Gabriella Pescucci, anche lei premio Oscar, che lo chiama a collaborare per oltre dieci anni per grandi produzioni cinematografiche internazionali, teatro lirico e varie manifestazioni.

3 pinocchio5035

Costume di Pinocchio, disegno a cura di Massimo Cantini Parrini per il film Pinocchio di Matteo Garrone.

Massimo Cantini Parrini affianca alla sua professione di costumista una straordinaria passione per gli abiti d’epoca, che colleziona fin dall’età di tredici anni. Ad oggi la sua raccolta vanta più di 4.000 pezzi, che spaziano dal 1630 al 1990, tutti originali e di creatori e stilisti iconici, dai quali spesso trae spunto ed ispirazione per realizzare i suoi costumi. Massimo Cantini Parrini è l’unico costumista italiano ad aver vinto dalla prima nomination tre David di Donatello consecutivi (2016-2018), oltre ad altri numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali spiccano Nastri d’Argento, Ciak d’oro e premiazioni in importanti festival cinematografici. L’ultimo riconoscimento da lui ricevuto è l’EFA (European Film Award).
In curriculum ha più di 50 produzioni da costumista, molte delle quali per registi di fama internazionale. Emerge significativamente il sodalizio stabilito con Matteo Garrone, che – prima di Pinocchio – lo ha chiamato per realizzare i costumi dei film Il racconto dei Racconti (2015), Dogman (2018).

Il percorso della mostra sarà articolato in due sezioni: la prima dedicata al costumista, alle sue fonti d’ispirazione ed al suo lavoro creativo attraverso video, campionature di tessuti, capi d’abbigliamento storici del XVIII e XIX secolo provenienti dalla sua straordinaria collezione personale, utilizzati come fonti di ispirazione diretta per la creazione degli abiti del film. La seconda prevede invece l’esposizione di oltre trenta costumi dei principali personaggi del film, accompagnati da immagini tratte dal film stesso e da alcuni, simbolici oggetti di scena.

Museo del Tessuto –  Via Puccetti, 3 Prato. Tel. 0574/611503
www.museodeltessuto.it / facebook.com/museodeltessuto / twitter.com/museodeltessuto

E mail: info@museodeltessuto.it

Ingresso: Intero singolo: euro 10.00; ridotti euro 8.00; scuole: euro 4.00

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X