Connettiti a NewsCinema!

Fuoriscena

L’Ignoto, la nuova illustrazione ispirata a 2001 Odissea nello Spazio

Pubblicato

:

Schermata-2013-06-09-alle-12.15.07

Alle origini dell’uomo un misterioso monolite compare sulla Terra. La sua presenza attiva l’intelligenza dei primati che comprendono l’uso delle ossa degli animali uccisi quali prolungamenti delle loro braccia. 2001. Sulla Luna, in prossimità del cratere Tyco, viene trovato un monolite la cui esistenza viene tenuta sotto il massimo segreto. Questo strano oggetto improvvisamente lancia un segnale indirizzato verso il pianeta Giove. Diciotto mesi dopo l’astronave Discovery si dirige verso il pianeta.

L'IgnotoWEB1

2001, Odissea nello Spazio, il film più discusso e ammirato della storia del cinema, diretto dal maestro Stanley Kubrick nel  1968, ha ispirato gli artisti Giovanni Manna e Laura Manaresi per la nuova illustrazione della rubrica FuoriScena. “Ognuno è libero di speculare a suo gusto sul significato filosofico del film, io ho tentato di rappresentare un’esperienza visiva, che aggiri la comprensione per penetrare con il suo contenuto emotivo direttamente nell’inconscio” dichiarava il regista anni fa. Questa suggestiva illustrazione vuole fare altrettanto, riproponendo una nuova visione di questo film di fama internazionale che ha cambiato l’idea classica della fantascienza, portando sullo schermo una favola apocalittica sul destino dell’umanità e lo sviluppo della tecnologia. In un ambiente spaziale ovattato, sconfinato e sommerso nelle note dell’avvolgente colonna sonora del Danubio BluKubrick mette in scena una storia ispirata al romanzo La Sentinella di Arthur C. Clarke, ponendo al centro di tutto il rapporto tra civiltà e tecnologia, senza l’uso di effetti speciali mozzafiato o scene action sullo stile di Star Wars, ma concentrandosi sull’emotività e le sensazioni che il mistero e l’ignoto del futuro portano nell’essere umano che si affaccia ad una nuova Era. Nell’illustrazione un primate e un astronauta si trovano uno di fronte all’altro, e in mezzo a loro il misterioso monolite che non li separa, bensì li unisce nella contemplazione. Entrambi studiano e cercano di interagire con questo oggetto apparentemente inanimato e inutile, ma che rappresenta invece l’ignoto e la sete di conoscenza che attiva silenziosamente il loro intelletto. L’ignoto che avvolge lo spazio, la vita ma anche l’anima di ogni essere vivente, in qualsiasi Era si ritrovi a vivere la propria esistenza. La civiltà si raggiunge attraverso la conoscenza e la conoscenza porta allo sviluppo di una popolazione e della tecnologia, ma il primate e l’astronauta hanno la stessa lunga strada davanti a loro, una “siderale distanza” che li attende entrambi, poichè la strada della conoscenza è lunga, soprattutto quella della conoscenza di noi stessi.

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fuoriscena

FuoriScena, nuova illustrazione ispirata a Master & Commander

Pubblicato

:

Schermata-2014-02-09-alle-16.25.09

Nel 2003 Peter Weir, regista di Truman Show e de L’Attimo Fuggente, dirige il premio Oscar Russel Crowe nel film Master & Commander – Sfida ai confini del Mare, un kolossal indimenticabile che procede tra furiose tempeste, effetti speciali mozzafiato e il suggestivo paesaggio delle Coste del Brasile, l’Oceano e le isole Galapagos.

FSMaster

Mentre una grande battaglia cerca di cambiare le sorti della guerra di Napoleone alla conquista dell’Inghilterra, il vascello Surprise della Royal Navy, guidato dal Capitano Jack “Lucky” Aubrey, insegue la nave francese Acheron, lungo le acque impetuose ed estese ,nel 1805. Questo film, tratto dalla saga letteraria marinaresca dello scrittore Patrick O’Brian, è stato di ispirazione per gli artisti Giovanni Manna e Laura Manaresi che hanno realizzato la nuova illustrazione della rubrica FuoriScena, catturando sulla tavola due momenti che racchiudono l’intero cuore del film: il conflitto e l’armonia, due aspetti contrastanti eppure così vicini della vita e dell’uomo. Il conflitto della battaglia, dello scontro, della competizione tra i diversi paesi e tra uomini in guerra, il conflitto delle onde e delle acque agitate solcate dai loro vascelli, si alternano con l’armonia, dei paesaggi affascinanti che le flotte visitano nel corso della loro missione, o dell’arte e della musica che li unisce e dona loro brevi pause di serenità, tessendo un’amicizia sincera e rispettosa, tutta al maschile. In particolare nella prima parte dell’illustrazione notiamo una reinterpretazione emozionante e delicata della scena in cui Russell Crowe e Paul Bettany iniziano a suonare insieme la melodia che chiude il film in una chiave poetica ed intensa, mentre nella parte inferiore sono ritratti i vascelli simili a fantasmi, avvolti nella nebbia mentre seguono le rotte prefissate in cerca della fine del conflitto e l’inizio di un’armonia tra i rispettivi paesi.

CLIP DEL FILM

Continua a leggere

Fuoriscena

Senza Limiti, l’illustrazione de I Pirati dei Caraibi

Pubblicato

:

Schermata-2013-12-16-alle-17.13.14

Qualcuno una volta ha detto “Le leggende durano per sempre” e nel cinema di avventura questo sembra essere il pensiero centrale intorno al quale costruire un film. Seguendo la scia dei film di avventura degli anni ’80 come Indiana Jones, I Goonies, Ritorno al Futuro e La Storia Infinita, la Disney ha dato vita nel 2003 alla saga I Pirati dei Caraibi, una storia divisa in quattro capitoli e un quinto in lavorazione che dovrebbe arrivare nelle sale nel 2014. I Pirati dei Caraibi racconta le avventure del Capitan Jack Sparrow, un pirata stravagante e irresistibile, interpretato da Johnny Depp che con la sua amata Perla Nera, solca i mari e incontra tanti personaggi diversi, appartenenti sia al mondo terreno sia al mondo soprannaturale.

Senza limitiWEB

Giovanni Manna e Laura Manaresi si sono ispirati a I Pirati dei Caraibi per questa illustrazione suggestiva ed evocativa, che sembra tendere ad una dimensione sconfinata e aperta a tutto quello che il Capitan Sparrow e la sua ciurma possono incontrare nel loro cammino. Come sottolinea la didascalia che accompagna la tavola, i sogni possono portarci oltre e in fondo i pirati, come gli esploratori e i grandi conquistatori della storia, non possono essere considerati altro che inguaribili sognatori, mossi in parte dal desiderio di trovare rare ricchezze e in parte da una sete di conoscenza che li porta spesso ai confini del mondo conosciuto.

CLIP DEL FILM 

 

Continua a leggere

Arte

Casablanca illustrato per FuoriScena

Pubblicato

:

Schermata-2013-10-21-alle-15.25.58

Impossibile non indovinare il film che ha ispirato Giovanni Manna e Laura Manaresi per questa nuova illustrazione di FuoriScena. Partendo dai contorni dei due volti protagonisti, fino all’imponente aereo che risale al periodo della Seconda Guerra Mondiale, i vari dettagli ci riportano al cult immortale Casablanca, diretto da Michael Curtiz e interpretato da Humphrey Bogart e Ingrid Bergman.

600C

E’ il 1941 e Rick Blaine è il ricco proprietario di un night club di Casablanca. Mentre la guerra fa il suo corso e il paese attraversa un periodo difficile, egli incontra la sua ex fidanzata Lisa con il marito Victor Laszio, leader della resistenza al nazismo della Cecoslovacchia, che in qualità di perseguitato politico si è rifugiato da quelle parti e chiede aiuto. Rick non esita a rendersi utile, soprattutto per il sentimento che ancora lo lega alla giovane donna, ormai impegnata con un altro uomo, ma sarà difficile per lui dirle addio ancora una volta? Al centro del film è infatti il dolore della rinuncia, quella sofferenza che si prova nel lasciar andare qualcosa a cui si tiene particolarmente e che si è consapevoli di non poter avere. Rick e Lisa sono due amanti perduti che devono dirsi addio e, sulle note della famosa canzone As time goes by, parte insostituibile della suggestiva colonna sonora di Max Sterner, si allontanano nella nebbia nella scena finale, la più memorabile di tutto il film. Nell’illustrazione tornano le ombre e la foschia che dominano la maggior parte delle scene, a delimitare i due volti dei protagonisti. Lisa, di profilo, con il volto semi-nascosto sotto l’elegante cappello e Rick, con uno sguardo rassegnato e romantico che trasmette la tristezza e il dolore per la distanza emotiva che lo divide dalla sua amata, così vicina, ma così irraggiungibile. Sotto di loro l’aereo, il terzo protagonista che li allontana e li porta via, nella nebbia dei loro sentimenti e del loro futuro, incerto.

CLIP FINALE

Fonte: Movieclips.com

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

filmhorror 300x250

Recensioni

Pubblicità

Facebook

Film in uscita

Luglio, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Agosto

Nessun Film

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X