Connettiti a NewsCinema!
matrix 4 notizie matrix 4 notizie

Cinema

Matrix 4, tutto quello che sappiamo della nuova avventura di Neo

Pubblicato

:

Come avrete letto sul web è in arrivo il quarto capitolo di Matrix, l’amatissima saga di fantascienza delle sorelle Wachowski con Keanu Reeves protagonista. Ancora sono molti i segreti e le incognite intorno a questo progetto, ma in attesa di partecipare a una nuova avventura di Neo vediamo insieme quello che sappiamo fino a oggi di questo Matrix 4.

Matrix 4 | La regia

Matrix è una creatura di Lana e Lilly Wachowski. Le sorelle hanno lavorato in coppia per tutta la loro carriera, dal primo lungometraggio Bound fino alla prima stagione della loro serie Netflix, Sense8. Quindi è difficile immaginare un nuovo film di Matrix senza il loro coinvolgimento. Ma per Matrix 4 Lana prenderà il timone da sola e questo film sarà il suo primo film come regista senza Lilly. Sebbene le sorelle abbiano collaborato alla prima stagione di Sense8, Lana ha gestito tutti i compiti di sceneggiatura e regia per la seconda stagione da sola.

Leggi anche: Keanu Reeves, da boscaiolo a star di Hollywood

matrix-film

Matrix 4 | no Neo no party

Abbiamo visto reboot, remake o sequel di lunga data che hanno assistito a dei grandi ritorni. Ma abbiamo anche visto film incentrati su nuovi personaggi, come Men In Black International. Fortunatamente Matrix 4 ha in programma di riportare un numero di pezzi chiave. Primo fra tutti, Keanu Reeves. Non sarebbe un film di Matrix senza Neo – lui è l’Uno, dopotutto. La star è a bordo del progetto per riprendere uno dei suoi ruoli distintivi e probabilmente indossare molti abiti neri e un paio di occhiali da sole scuri. Tuttavia è quasi impossibile immaginare un film di Matrix anche senza Trinity. Carrie-Anne Moss tornerà in Matrix 4 come interesse sentimentale di Neo, partner nel crimine, protettore e tosto fantascientifico in generale.

Leggi anche: I 100 migliori film del 20° secolo

Matrix 4 | The Merovingian

Lambert Wilson non è apparso nel primo film di Matrix, ma il suo personaggio The Merovingian ha avuto un ruolo chiave in entrambi i sequel del film. In una recente intervista l’attore francese ha rivelato di essere in trattative per unirsi al cast di Matrix 4. Il merovingio non è esattamente uno dei personaggi più amati del franchise, quindi riportare indietro Lambert Wilson è piuttosto inaspettato.

Il personaggio sarà un trafficante di informazioni off-grid. Lui e sua moglie Persefone (interpretata da Monica Belluci nei film precedenti) hanno messo in atto un clandestino contrabbando e hanno lavorato con programmi esiliati dal sistema primario. Egli è fondamentalmente un pezzo di mostra ambulante.

Matrix 4 | I nuovi arrivati

Quindi vedremo alcuni volti familiari in Matrix 4, ma incontreremo anche nuovi personaggi. Yahya Abdul-Mateen II è una stella in ascesa e Matrix 4 aggiunge un altro ruolo di alto profilo al suo curriculum. Attualmente impegnato in Watchmen della HBO, egli ha interpretato anche Black Manta in Aquaman e si è presentato in The Greatest Showman e in Noi di Jordan Peele. Lo vedremo presto nel reboot di Candyman, oltre che nel ruolo di Bobby Seale in The Trial of the Chicago 7.

matrix 4 fotografia

Yahya farà di tutto per mettersi in forma per Matrix 4, un film che potrebbe rivelarsi il più grande della sua carriera. Un altro nuovo giocatore è Jessica Henwick. Non è estranea ai film di fumetti, alla produzione su larga scala o all’azione a tempo. Probabilmente è meglio conosciuta per aver interpretato Nymeria Sand in Game of Thrones e Colleen Wing in Iron Fist e The Defenders. Prima di combattere contro le macchine, si scontrerà con un paio di altri mostri in Godzilla vs Kong.

Forse la nuova aggiunta più curiosa è Neil Patrick Harris. Conosciuto soprattutto per la sitcom How I Met Your Mother, l’ex bambino prodigio ha messo in mostra abilità più drammatiche come Gone Girl. Tuttavia potreste ricordarlo anche in Starship Troopers. Jonathan Groff, inoltre, è stato anche aggiunto al cast di Matrix 4 in un ruolo ancora sconosciuto. Groff è noto soprattutto per il suo lavoro vocale nei film Frozen, in cui dà vita a Kristoff. Era anche nel cast di Glee e attualmente appare nell’acclamata serie Mindhunter di Netflix.

Matrix 4 | La sinossi del film

Non dovrebbe sorprendere nessuno che non ci siano ancora molti dettagli sulla trama di Matrix 4. Dal momento che Keanu Reeves e Carrie-Anne Moss sono tornati, molti presumono di vedere Neo e Trinity. Ma questo è tutto ciò che sappiamo. Una voce persistente afferma che ci sarà una versione giovane di Morpheus, il personaggio di Laurence Fishburne della trilogia originale. Ciò potrebbe suggerire che il film sia un prequel o che si svolga in una sequenza temporale alternativa. Oppure presenta solo flashback o ricordi.

98177 ppl

Matrix Revolutions ci lascia con un finale un po’ ambiguo: Neo praticamente muore, almeno in qualche forma. Incontra un combattente di fine combattimento con l’agente Smith in Matrix, quindi il suo corpo viene portato a Machine City. Lì raggiunge nuove fasi di illuminazione, trascende la necessità di una forma fisica…o qualcosa del genere. Neo, come lo conoscevamo, non c’è più. È anche possibile che il Neo che vediamo in Matrix 4 non sia lo stesso Neo che conosciamo. È l’Uno, ma non è il primo.

Parlando con l’architetto Neo scopre che ci sono state cinque versioni precedenti di Matrix. In ognuna c’è stata una versione dell’Uno ed è in realtà la sesta di queste figure del Messia. Come notato alla fine di Matrix Revolutions, Matrix si riavvia nuovamente. È ovvio che se ogni incarnazione precedente ha un Uno, anche la settima volontà. Potrebbe essere il Neo nel nuovo film. Sebbene Keanu Reeves stia tornando al franchise, non si sa quale ruolo avrà. È possibile che non sia il protagonista. Alcuni teorizzano che il giovane Morpheus potrebbe essere il protagonista e Neo potrebbe svolgere un ruolo di mentore.

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Cobra | 5 motivi per rivedere il film con Sylvester Stallone

Pubblicato

:

cobra newscinema

Cobra è un film del 1986, diretto da George Pan Cosmatos – sebbene ci sia la diffusa convinzione che lo stesso Sylvester Stallone, interprete principale e sceneggiatore, abbia messo mano e bocca su tutte le decisioni importanti – liberamente ispirato al romanzo di Paula Gosling, Bersaglio facile. Durante le riprese tra l’attore e Brigitte Nielsen c’erano delle simpatie, che furono molto chiacchierate sul set e fuori…

Cobra | Il contributo di Sly e la performance sul set

La performance del mitico Sly è frutto di un intenso lavoro, non solo dal punto di vista fisico. L’attore avrebbe dovuto infatti interpretare il protagonista di Beverly Hills Cop, ma alla fine il ruolo andò a Eddie Murphy. Fatto sta che Stallone aveva già messo mano alla sceneggiatura, riscrivendo molte sequenze per adattarle a lui e al suo phisique du role, e nel momento in cui il progetto è saltato, quelle modifiche furono apportate in Cobra. Da qui le voci che il regista fosse solo un nome sul cartellone. Si pensi inoltre che durante le riprese non era permesso a nessuno del cast secondario e della troupe di parlare con l’attore.

Leggi anche: Sylvester Stallone, 70 anni da Rocky

Cobra | Più morti che in un videogioco

In tutto, nel corso della narrazione, vengono uccise ben 52 persone. Provate a indovinare quante per mano dello stesso Cobra… Ve lo diciamo noi: 41! Ma provate a immaginare di poter controllare voi le azioni di Cobretti – ciò è stato reso possibile dal videogioco della Ocean Software per i computer Commodore 64, ZX Spectrum e Amstrad CPC – e di combattere contro le “belve della notte”. Avreste fatto di “meglio”?

cobra poster newscinema

Il poster del film

Cobra | Un cult all’epoca bistrattato

Dalle varie tagline con cui è stato pubblicizzato il film nell’ormai lontano 1986 – “Qui la legge si ferma, e comincio io.”, “La società sta allevando un nuovo tipo di criminale. Sta anche allevando un nuovo tipo di poliziotto.”, “Il crimine è una piaga… Lui è la cura.” – sembra di trovarsi davanti a un perfetto mix tra Robocop, Rambo e Callaghan. Non a caso c’è chi ha sollevato il confronto con quest’ultimo, dal quale Cobra ne esce inevitabilmente sconfitto.

Cobra | I tagli necessari a evitare la censura hanno condotto ai Razzie Awards

Non tutti lo sapranno ma Cobra è tra le pellicole che ha subito più tagli nella storia del cinema: dai circa 120 minuti iniziali, si è arrivati infine ad 84 per evitare il visto censura. Ma il risultato di una simile scelta pesò molto sul progetto. Ed è forse uno dei motivi per cui la critica lo stroncò e arrivò a ottenere ben sei candidature ai Razzie Awards, tra cui quella per il peggior film. Oggi è invece considerato un vero e proprio cult.

Leggi anche: Morto per overdose il figlio di Stallone

Cobra | La California al centro della storia di Cobretti

Uno dei motivi di interesse della pellicola è senza dubbio rappresentato dalle suggestive e riconoscibilissime location californiane, che fanno da sfonfo alle vicende. Dal porto di Los Angeles a Venice Beach, da Long Beach a Santa Clarita. Tra inseguimenti – la macchina che si vede è quella reale di Sly, una Ford Custom Mercury del 1950, di cui è stata fatta una copia per le scene più pericolose – sparatorie e attimi di relax, sarà un piacere per chi conosce la zone riconoscerne gli scenari e i punti più celebri.

Continua a leggere

Cinema

The Space Cinema | la riapertura di tutte le sale avverrà in due fasi

Pubblicato

:

the space cinema newscinema

Mentre l’emergenza sanitaria inizia a concedere una sorta di tregua, la riapertura di molte attività commerciali sta ormai diventando un realtà a tutti gli effetti. E la catena The Space Cinema è pronta a seguire l’onda

La seconda catena cinematografica più grande d’Italia è pronta a riaprire tutte le sale

Per quanto riguarda le sale cinematografiche, dopo l’UCI Cinemas, anche la seconda catena più grande d’Italia, è pronta a riaprire i battenti dei suoi cinema. La riapertura totale dovrebbe infatti avvenire entro il 20 agosto – si consideri che tale processo è cominciato il 26 giugno – quando tutte le sale The Space, presenti sul territorio italiano, saranno finalmente pronte a riaccogliere i loro spettatori.

Leggi anche: Come la pandemia del Coronavirus ha influito sul cinema e sui videogames

In questa nuova ed attesa fase sono previsti due momenti ben distinti, programmati per il 14 e il 19 agosto: Beinasco, Milano Odeon, Montebello della Battaglia, Lugagnano di Sona Pradamano, Sestu, Torri di Quartesolo, Trieste, Corciano, Montesilvano, Parma Campus, Napoli, Catanzaro, Belpasso e Salerno sono nella prima tranche; alla seconda appartengono Vimercate, Firenze, Terni, Roma Moderno, Cerro Maggiore, Genova, Guidonia, Lamezia, Limena, Livorno, Nola, Quartucciu, Roma Parco De Medici, Rozzano, Surbo e Torino.

the space newscinema

L’ingresso di un The Space Cinema

The Space Cinema | Quali saranno i primi titoli a tornare sul grande schermo

Tra i primi titoli che torneranno a emozionare sul grande schermo ci sono Onward – Oltre la magia, l’apprezzatissimo film Disney/Pixar, Inception e Interstellar del maestro Christopher Nolan (in attesa di veder finalmente uscire Tenet, che pare arriverà prima da noi che negli Stati Uniti), Shining e Arancia Meccanica di Stanley Kubrick. La scelta degli esercenti appare alquanto evidente, si punta a riportare spettatori in sala con grandi e rinomati titoli, in modo da avere una base solida su cui contare.

Prezzo del biglietto per il ritorno in sala fissato a 4,90 euro.

Continua a leggere

Backstage e Curiosità

Toy Story 3 | il regista Lee Unkrich svela come potrebbero morire i giocattoli

Pubblicato

:

toy story 3 newscinema compressed 1

I migliori film tendono a sollevare alcuni dei dibattiti più controversi , come ad esempio: Deckard di Harrison Ford è un replicante di Blade Runner? Non è stato che i grandi film possono suscitare anche delle domande strane come è accaduto per un lungometraggio della Pixar molto amato da grandi e piccini. Il quesito, semplice e allo stesso tempo complesso è stato: I giocattoli della serie Toy Story possono morire ? A tal proposito, il regista di Toy Story 3 Lee Unkrich è entrato in questo piccolo dibattito nato su Twitter per chiarire questo dubbio esistenziale.

Il tweet del regista di Toy Story 3

A far nascere questo dubbio amletico è stato il tweet di un ragazzo, postato due giorni fa, nel quale scrisse: “la mia ragazza e io stiamo litigando perché penso che i giocattoli di Toy Story siano immortali e lei pensa che possano morire”. In effetti, queste sono le classiche domande che solo le persone con estrema curiosità e fantasia possono porsi. Ma di fronte a un quesito del genere, serve il parere di un esperto in materia. Per tale ragione, il regista del film Toy Story 3 ha deciso di retwittare il messaggio, scrivendo: “Vivono finché esistono. Ma se dovessero essere completamente distrutti? Ad esempio, in un inceneritore? Game over.”

Leggi anche:  Toy Story 4, Woody e Buzz sono tornati nel nuovo trailer italiano

Leggi anche: Toy Story 4 recensione: ancora una volta verso l’infinito e oltre

Quella tragedia sfiorata nel film Toy Story….

Dopotutto, i giocattoli di Toy Story non sono immortali, sebbene secondo il post di Lee Unkrich su Twitter, sembra che ci voglia molto per ucciderli.
La maggior parte dei fan della saga d’animazione senz’altro ricorderà la temuta scena dell’inceneritore di Toy Story 3. Una scena fortemente emotiva, che ha richiesto oltre un anno per poterla animare adeguatamente. Woody, Buzz, Jessie e il resto della banda si trovano ad affondare nel loro ardente destino, credendo di essere giunti ormai alla fine. A quel tempo, sembrava che la Pixar avrebbe davvero deciso di uccidere i giocattoli, ponendo fine alla trilogia per sempre.

Questo, ovviamente, non sarebbe mai successo, secondo voi potrebbe essere possibile una cosa del genere in un film per bambini? Fortunatamente, Woody e gli altri ne uscirono illesi e senza causare traumi infantili.

Consigli di Cine-Shopping

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

filmhorror 300x250

Recensioni

Pubblicità

Facebook

Film in uscita

Agosto, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Settembre

Nessun Film

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X