Connettiti a NewsCinema!

Serie tv

Mind The End, intervista all’autore della web serie Piergiorgio Seidita

Pubblicato

:

mind1

Una delle web series più seguite fin dal 2011 è stata Mind The Series, scritta e diretta da Piergiorgio Seidita e prodotta dalla Eternity Production. Questa racconta di una inaspettata reunion tra cinque ex compagni di scuola, che diventa improvvisamente il motore di incredibili eventi e scoperte che spingeranno i ragazzi attraverso un percorso che li renderà, rivelazione dopo rivelazione, testimoni e protagonisti di una verità agghiacciante.

A settembre 2014 sarà mandato in onda l’incredibile finale di stagione Mind The End, con il cast composto da Cristian Ruiz, Pierangelo Menci, Elena Starace, Ilaria Alice Tore, Stefano Chiliberti, Tiziano Mariani ed Emma Marino. Lorenzo cerca la verità sulla morte di sua sorella Debbie. Chiederà aiuto agli ultimi sopravvissuti del vecchio gruppo di amici di lei, impegnato adesso, a distanza di 3anni, a rallentare la Rete Mind, gestita da Dimitri, un uomo con l’obiettivo di cancellare i ricordi delle persone, e ripulire gli errori commessi da esse. NewsCinema.it ha incontrato l’ideatore e regista del progetto, che ci ha svelato qualche curiosità sulla conclusione della storia e alcuni dettagli sulla produzione e realizzazione.

mind31) Come hai avuto l’idea originale per Mind The End?

Beh, sono partito dal soggetto iniziale di “Mind The Series” che fu scritto insieme a Damiano Ciano ed Emma Marino. Volevo fortemente un finale per questa serie, che ha portato a tutti noi una grande fortuna e visibilità, anche per il pubblico che l’ha seguita, e che ci chiedeva un finale. Da queste basi poi ho messo insieme le idee, i messaggi che avevo più a cuore, l’amore, l’amicizia, i rimpianti, i mezzi di comunicazione, troppo spesso abusati e che portano a trascurare le emozioni.

2) Rispetto a Mind the Series cosa è cambiato e perché?

In Mind The End c’è più azione, e i cattivi sono decisamente più spietati. Era una parte che avevo voglia di raccontare, anche per girare scene d’azione, fisicamente e tecnicamente difficili per me, mai fatte prime.

3) Come hai trovato il cast di questo episodio finale?

Due di loro erano del cast precedente. Per quanto riguarda i “nuovi arrivati” alcuni li conoscevo già, perché li avevo visti a teatro o in qualche cortometraggio. Altri, sono stati provinati e me ne sono innamorato.

4) Quali sono state le difficoltà più grandi o i momenti divertenti sul set?

Le grandi difficoltà sul set sono sempre le stesse, ritardi dovuti al tempo, imprevisti da sistemare all’ultimo momento, etc… I momenti più divertenti sono sicuramente gli errori degli attori, i pranzi, e le chiacchierate durante le pause, quando da staff si torna amici per qualche minuto.

mindloc

5) Hai dei modelli americani di serie tv o di regia da cui trai ispirazione? Quali sono le tue serie tv preferite?

Beh per quanto riguarda i registi Buz Luhrmann e Christopher Nolan, in assoluto. Per quanto riguarda le serie, sono vecchissimo in questo… sono rimasto fedele a Dawson’s Creek e Streghe.

6) Cosa pensi delle web series? Possono rappresentare il futuro delle serie tv o sono solo un’altra forma di narrazione ad episodi che raggiunge più facilmente gli spettatori?

Sicuramente molte delle serie web che ho visto potrebbero benissimo avere un futuro in tv. Non hanno nulla da invidiare a quelle che ci propongono in Italia. Per ora il web produce idee nuove, perchè c’è più libertà nel farle in quella piattaforma. Spesso invece, per la tv, bisogna fare dei compromessi nella scrittura o nella produzione. Limiti che causano una forte arretratezza nel gestire il mezzo.

mind7) Che distribuzione vorresti per Mind The End?

MIND nasce nel web e finirà sul web. Ovvio, non escludo la possibilità che un giorno possa girare una seconda stagione, chissà…

8) Quali sono i tuoi progetti futuri?

Crescere. Trovare nuove idee, scriverne e girarne di altre, collaborare con altri artisti che mi insegnino, come sempre, ad essere migliore… il resto, verrà da se.

9) E’ stato difficile mettere insieme la squadra di Mind e quanto tempo ci avete impiegato in tutto per terminare il progetto?

E’ sempre molto difficile creare un gruppo di lavoro, che per un bel po’ di tempo, diventa la tua famiglia. Credo sia sempre la parte più delicata e importante la pre produzione. Se perfezioni quella, quando arrivi sul set, il resto sarà tutto più semplice, o vivibile. Per Mind The End abbiamo girato per ben  due settimane.

TRAILER

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Hunters | rinnovata la serie prodotta da Jordan Peele

Pubblicato

:

hunters newscinema

Hunters, la serie di Amazon prodotta dall’istrionico Jordan Peele (già regista di Scappa – Get Out e Noi), ha ottenuto il rinnovo per una seconda stagione. Lo show, che segue le vicende di un eterogeneo gruppo di cacciatori di nazisti, non ha mancato di sollevare accese polemiche negli scorsi mesi. 

Hunters | confermato il rinnovo

Il progetto televisivo nasce dallo sforzo creativo di David Weil e da quello produttivo da Jordan Peele. Protagonisti della prima stagione sono Al Pacino nel ruolo di Meyer Offerman, co-fondatore di un gruppo di cacciatori di nazisti nella New York del 1977, e il giovane Logan Lerman nella parte di Jonah Heidelbaum, un teenager che decide di entrare nel gruppo dopo l’omicidio di sua nonna. 

Lo scombinato e variegato team ha infatti scoperto che, a distanza di anni dalla fine della guerra, centinaia di ufficiali nazisti di alto rango rimasti impuniti si nascondono tra le persone comuni con la speranza di non essere individuati.

Leggi anche -> Al Pacino | La leggenda del cinema compie 80 anni

Una produzione originale Amazon

Jennifer Salke di Amazon Studios ha dichiarato: “Con Hunters la visione coraggiosa di David Weil e la sua immaginazione senza paura hanno dato forza a una prima stagione elettrizzante, piena di svolte e di azione che ha coinvolto gli utenti di Prime Video in tutto il mondo. Siamo elettrizzati dal fatto che David, Jordan e i Cacciatori torneranno”.

Dichiarazioni a cui il creatore della serie ha aggiunto: “Sono incredibilmente grato nei confronti di Jen e della famiglia di Amazon per il loro continuo, e straordinario, sostegno a Hunters. Oltre al nostro magnifico cast, l’incredibile troupe e i brillanti autori e produttori, non vedo l’ora di condividere il prossimo capitolo della saga con il mondo”.

Il cast

Nel cast della serie figurano anche Jerrika Hinton (Grey’s Anatomy), Tiffany Boone (Little Fires Everywhere), Josh Radnor (How I Met Your Mother), Dylan Baker (The Americans), Kate Mulvany (Secret City), Greg Austin (Mr Selfridge), Louis Ozawa (Bosch), Carol Kane (Unbreakable Kimmy Schmidt) e Saul Rubinek (Warehouse 13).

Continua a leggere

News

Fargo 4 | il teaser trailer della serie con un cast a dir poco selvaggio

Pubblicato

:

fargo 4 newscinema compressed 1

I film dei fratelli Coen sono sempre stati flessibili nel tono e nel genere, quindi non sorprende che la serie televisiva Fargo di FX abbia seguito lo stesso esempio.
La strana continuazione di Noah Hawley  si è spostata nel corso degli anni, dilettandosi in drammi oscuri, commedie eccentriche, grandi tragedie e azioni violente. L’ultima stagione ci riporta indietro nel tempo, precisamente agli anni ’50 e nel bel mezzo di una guerra tra una famiglia criminale italiana e una famiglia criminale nera. Se volete saperne di più, non perdetevi il teaser trailer che promette già molto bene…

La stagione 4 di Fargo doveva originariamente essere presentata in anteprima nell’aprile di quest’anno, rendendolo un valido candidato per gli Emmy. Tuttavia, la pandemia COVID-19 ha interrotto la produzione con solo otto dei 10 episodi previsti finiti. Al momento non è stata fissata una nuova data di uscita (il trailer promette un enigmatico “in arrivo”), ma FX spera di avere la stagione finita e pronta per essere trasmessa prima della fine del 2020.

La sinossi ufficiale di Fargo 4

Per farvi comprendere di più, cosa vi aspetterà nel corso dei 10 episodi della quarta stagione di Fargo, vi mostriamo la sinossi ufficiale che ha accompagnato l’uscita del teaser trailer che potrete trovare a metà pagina.

Ambientata nel 1950 a Kansas City,  due sindacati criminali in lotta per un pezzo del sogno americano hanno trovato una pace inquieta. Loy Cannon, il capo della famiglia criminale afroamericana che commercia i figli con il capo della mafia italiana come controparte di una tregua. Mentre Chris Rock e Jason Schwartzman sono alla guida delle famiglie criminali in competizione, il cast di supporto vede nuovamente la presenza di: Timothy Olyphant, Jack Huston, Ben Whishaw, Jessie Buckley, Salvatore Esposito, Andrew Bird, Jeremie Harris, Gaetano Bruno , Anji White, Francesco Acquaroli, E’myri Crutchfield, Amber Midthunder, Uzo Aduba e James Vincent Meredith.

Leggi anche: Venezia 75, The Ballad of Buster Scruggs: i Coen divertono con il loro primo film antologico

Leggi anche: Un video esplora lo stile di ripresa dei Fratelli Coen in tutta la loro carriera

Le dichiarazioni dello showrunner di Fargo 4

Forse il tono sciocco di questo trailer non dovrebbe sorprendere, dato che lo stesso Hawley ha detto di aver cercato l’ispirazione in Raising Arizona,uno dei film più fumettistici dei Coen. Tuttavia, sembra anche che la commedia introdurrà una pillola amara agli spettatori. Lo showrunner ha spiegato:

“Quest’anno stiamo  esaminando il tipo di origini del crimine capitale americano, che è lo sfruttamento del lavoro gratuito ed economico. È basato sul fatto che, al fine di creare ricchezza, le persone sono state sfruttate con il loro lavoro. Ci è voluto molto tempo per loro prima di potersi far strada nell’America tradizionale. Mentre altre ci stanno ancora provando. Quindi penso che questa storia sia molto legata a questo, ma ovviamente attraverso i personaggi. Penso che ci sia un processo in base al quale chiunque sia in alto sta guadagnando sulle spalle di chi sta sotto di loro. La cosa interessante è questa battaglia tra il gruppo di Chris e il gruppo di Jason”.

Consigli di Cine-Shopping

Continua a leggere

News

The Last of Us | la serie tv approfondirà la trama del videogioco

Pubblicato

:

the last of us newscinema

Craig Mazin, showrunner dell’attesissima serie Hbo tratta dal videogioco The Last of Us, ha rivelato di essere al lavoro con il vice-presidente di Naughty Dog (lo studio di produzione del gioco), Neil Druckmann, per “espandere e migliorare” la trama originale.

The Last of Us | la serie espanderà la trama

Mazin, a cui si deve un recente successo mondiale come quello della serie Chernobyl, ha infatti spiegato in una recente intervista che il suo scopo non è quello stravolgere la licenza, ma di migliorare ed espandere la storia che già milioni di appassionati conoscono grazie al gioco (“uno dei migliori giochi che abbia mai giocato”, spiega lo showrunner). Per questo motivo Mazin è al lavoro col vice-presidente di Naughty Dog, Neil Druckmann, guidato dall’idea di rimanere il più fedele possibile alle atmosfere e alla storia che i videogiocatori hanno amato.

Leggi anche -> Quando il gaming guarda al cinema (e viceversa)

Le dichiarazioni di Craig Mazin

“Penso che i fan siano preoccupati del fatto che, quando una IP viene ceduta in licenza a qualcun altro, queste persone non la capiscano veramente o vogliano stravolgerla. Io sto lavorando con l’uomo che l’ha creata [Neil Druckmann, ndr] e proprio per questo motivo i cambiamenti che faremo saranno pensati per riempire i vuoti ed espandere la storia originale. Non per cancellarla, ma piuttosto per migliorarla”, ha dichiarato Craig Mazin.

Una serie avvolta nel mistero

Sono pochissime, attualmente, le informazioni che si hanno sulla serie. Non è stata annunciata una data di inizio delle riprese, né tantomeno una data di messa in onda. Sappiamo però che il team scelto da HBO per lavorare allo show è composto da professionisti di primo livello. Adesso che il secondo capitolo del gioco è finalmente uscito, inoltre, Druckmann e i suoi potranno dedicare maggior tempo a questo progetto, fornendo un supporto essenziale affinché la serie tv riesca a cogliere tutti i punti di forza di quello che è stato celebrato come uno dei migliori prodotti videoludici degli ultimi anni.

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X