Connettiti a NewsCinema!

News

Oscar 2018, tutti i vincitori

Pubblicato

:

Seguiamo insieme la 90 edizione degli Oscar in diretta dal Dolby Theatre di Los Angeles. Di seguito la lista dei vincitori degli Oscar 2018 in aggiornamento live:

ATTORE PROTAGONISTA

TIMOTHÉE CHALAMET
Call Me by Your Name
DANIEL DAY-LEWIS
Phantom Thread
DANIEL KALUUYA
Get Out
GARY OLDMAN
Darkest Hour
DENZEL WASHINGTON
Roman J. Israel, Esq.

ATTORE NON PROTAGONISTA

WILLEM DAFOE
The Florida Project
WOODY HARRELSON
Three Billboards outside Ebbing, Missouri
RICHARD JENKINS
The Shape of Water
CHRISTOPHER PLUMMER
All the Money in the World
SAM ROCKWELL
Three Billboards outside Ebbing, Missouri

ATTRICE PROTAGONISTA

SALLY HAWKINS
The Shape of Water
FRANCES MCDORMAND
Three Billboards outside Ebbing, Missouri
MARGOT ROBBIE
I, Tonya
SAOIRSE RONAN
Lady Bird
MERYL STREEP
The Post

ATTRICE NON PROTAGONISTA

MARY J. BLIGE
Mudbound
ALLISON JANNEY
I, Tonya
LESLEY MANVILLE
Phantom Thread
LAURIE METCALF
Lady Bird
OCTAVIA SPENCER
The Shape of Water

FILM D’ANIMAZIONE

THE BOSS BABY
Tom McGrath and Ramsey Naito
THE BREADWINNER
Nora Twomey and Anthony Leo
COCO
Lee Unkrich and Darla K. Anderson
FERDINAND
Carlos Saldanha
LOVING VINCENT
Dorota Kobiela, Hugh Welchman and Ivan Mactaggart

FOTOGRAFIA

BLADE RUNNER 2049
Roger A. Deakins
DARKEST HOUR
Bruno Delbonnel
DUNKIRK
Hoyte van Hoytema
MUDBOUND
Rachel Morrison
THE SHAPE OF WATER
Dan Laustsen

COSTUMI

BEAUTY AND THE BEAST
Jacqueline Durran
DARKEST HOUR
Jacqueline Durran
PHANTOM THREAD
Mark Bridges
THE SHAPE OF WATER
Luis Sequeira
VICTORIA & ABDUL
Consolata Boyle

REGIA

DUNKIRK
Christopher Nolan
GET OUT
Jordan Peele
LADY BIRD
Greta Gerwig
PHANTOM THREAD
Paul Thomas Anderson
THE SHAPE OF WATER
Guillermo del Toro

DOCUMENTARIO

ABACUS: SMALL ENOUGH TO JAIL
Steve James, Mark Mitten and Julie Goldman
FACES PLACES
Agnès Varda, JR and Rosalie Varda
ICARUS
Bryan Fogel and Dan Cogan
LAST MEN IN ALEPPO
Feras Fayyad, Kareem Abeed and Søren Steen Jespersen
STRONG ISLAND
Yance Ford and Joslyn Barnes

DOCUMENTARIO (SHORT SUBJECT)

EDITH+EDDIE
Laura Checkoway and Thomas Lee Wright
HEAVEN IS A TRAFFIC JAM ON THE 405
Frank Stiefel
HEROIN(E)
Elaine McMillion Sheldon and Kerrin Sheldon
KNIFE SKILLS
Thomas Lennon
TRAFFIC STOP
Kate Davis and David Heilbroner

MONTAGGIO

BABY DRIVER
Paul Machliss and Jonathan Amos
DUNKIRK
Lee Smith
I, TONYA
Tatiana S. Riegel
THE SHAPE OF WATER
Sidney Wolinsky
THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI
Jon Gregory

FILM STRANIERO

A FANTASTIC WOMAN
Chile
THE INSULT
Lebanon
LOVELESS
Russia
ON BODY AND SOUL
Hungary
THE SQUARE
Sweden

TRUCCO

DARKEST HOUR
Kazuhiro Tsuji, David Malinowski and Lucy Sibbick
VICTORIA & ABDUL
Daniel Phillips and Lou Sheppard
WONDER
Arjen Tuiten

MUSIC (ORIGINAL SCORE)

DUNKIRK
Hans Zimmer
PHANTOM THREAD
Jonny Greenwood
THE SHAPE OF WATER
Alexandre Desplat
STAR WARS: THE LAST JEDI
John Williams
THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI
Carter Burwell

MUSIC (ORIGINAL SONG)

MIGHTY RIVER
from Mudbound; Music and Lyric by Mary J. Blige, Raphael Saadiq and Taura Stinson
MYSTERY OF LOVE
from Call Me by Your Name; Music and Lyric by Sufjan Stevens
REMEMBER ME
from Coco; Music and Lyric by Kristen Anderson-Lopez and Robert Lopez
STAND UP FOR SOMETHING
from Marshall; Music by Diane Warren; Lyric by Lonnie R. Lynn and Diane Warren
THIS IS ME
from The Greatest Showman; Music and Lyric by Benj Pasek and Justin Paul

MIGLIOR FILM

CALL ME BY YOUR NAME
Peter Spears, Luca Guadagnino, Emilie Georges and Marco Morabito, Producers
DARKEST HOUR
Tim Bevan, Eric Fellner, Lisa Bruce, Anthony McCarten and Douglas Urbanski, Producers
DUNKIRK
Emma Thomas and Christopher Nolan, Producers
GET OUT
Sean McKittrick, Jason Blum, Edward H. Hamm Jr. and Jordan Peele, Producers
LADY BIRD
Scott Rudin, Eli Bush and Evelyn O’Neill, Producers
PHANTOM THREAD
JoAnne Sellar, Paul Thomas Anderson, Megan Ellison and Daniel Lupi, Producers
THE POST
Amy Pascal, Steven Spielberg and Kristie Macosko Krieger, Producers
THE SHAPE OF WATER
Guillermo del Toro and J. Miles Dale, Producers
THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI
Graham Broadbent, Pete Czernin and Martin McDonagh, Producers

SCENOGRAFIA

BEAUTY AND THE BEAST
Production Design: Sarah Greenwood; Set Decoration: Katie Spencer
BLADE RUNNER 2049
Production Design: Dennis Gassner; Set Decoration: Alessandra Querzola
DARKEST HOUR
Production Design: Sarah Greenwood; Set Decoration: Katie Spencer
DUNKIRK
Production Design: Nathan Crowley; Set Decoration: Gary Fettis
THE SHAPE OF WATER
Production Design: Paul Denham Austerberry; Set Decoration: Shane Vieau and Jeff Melvin

SHORT FILM (ANIMATED)

DEAR BASKETBALL
Glen Keane and Kobe Bryant
GARDEN PARTY
Victor Caire and Gabriel Grapperon
LOU
Dave Mullins and Dana Murray
NEGATIVE SPACE
Max Porter and Ru Kuwahata
REVOLTING RHYMES
Jakob Schuh and Jan Lachauer

SHORT FILM (LIVE ACTION)

DEKALB ELEMENTARY
Reed Van Dyk
THE ELEVEN O’CLOCK
Derin Seale and Josh Lawson
MY NEPHEW EMMETT
Kevin Wilson, Jr.
THE SILENT CHILD
Chris Overton and Rachel Shenton
WATU WOTE/ALL OF US
Katja Benrath and Tobias Rosen

MONTAGGIO SONORO

BABY DRIVER
Julian Slater
BLADE RUNNER 2049
Mark Mangini and Theo Green
DUNKIRK
Richard King and Alex Gibson
THE SHAPE OF WATER
Nathan Robitaille and Nelson Ferreira
STAR WARS: THE LAST JEDI
Matthew Wood and Ren Klyce

SOUND MIXING

BABY DRIVER
Julian Slater, Tim Cavagin and Mary H. Ellis
BLADE RUNNER 2049
Ron Bartlett, Doug Hemphill and Mac Ruth
DUNKIRK
Mark Weingarten, Gregg Landaker and Gary A. Rizzo
THE SHAPE OF WATER
Christian Cooke, Brad Zoern and Glen Gauthier
STAR WARS: THE LAST JEDI
David Parker, Michael Semanick, Ren Klyce and Stuart Wilson

EFFETTI SPECIALI

BLADE RUNNER 2049
John Nelson, Gerd Nefzer, Paul Lambert and Richard R. Hoover
GUARDIANS OF THE GALAXY VOL. 2
Christopher Townsend, Guy Williams, Jonathan Fawkner and Dan Sudick
KONG: SKULL ISLAND
Stephen Rosenbaum, Jeff White, Scott Benza and Mike Meinardus
STAR WARS: THE LAST JEDI
Ben Morris, Mike Mulholland, Neal Scanlan and Chris Corbould
WAR FOR THE PLANET OF THE APES
Joe Letteri, Daniel Barrett, Dan Lemmon and Joel Whist

SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

CALL ME BY YOUR NAME
Screenplay by James Ivory
THE DISASTER ARTIST
Screenplay by Scott Neustadter & Michael H. Weber
LOGAN
Screenplay by Scott Frank & James Mangold and Michael Green; Story by James Mangold
MOLLY’S GAME
Written for the screen by Aaron Sorkin
MUDBOUND
Screenplay by Virgil Williams and Dee Rees

SCENEGGIATURA

THE BIG SICK
Written by Emily V. Gordon & Kumail Nanjiani
GET OUT
Written by Jordan Peele
LADY BIRD
Written by Greta Gerwig
THE SHAPE OF WATER
Screenplay by Guillermo del Toro & Vanessa Taylor; Story by Guillermo del Toro
THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI
Written by Martin McDonagh

 

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gossip

Naya Rivera è morta a soli 33 anni, ritrovato il corpo

Pubblicato

:

naya rivera 2

Naya Rivera, famosa per il suo ruolo pionieristico nei panni di Santana Lopez nella serie musicale di successo Glee, della Fox è morta a soli 33 anni dopo la scomparsa e alcuni giorni di ricerca.

Il suo corpo è stato identificato al Lago Piru nella Contea di Ventura, in California. L’ufficio dello sceriffo della Contea di Ventura lo ha confermato in una conferenza stampa. Lo sceriffo Bill Ayub ha dichiarato che non vi era alcuna indicazione di suicidio o omicidio.

Rivera è stata identificata per la prima volta come una persona scomparsa coinvolta in un possibile annegamento sul lago Piru l’8 luglio dopo che suo figlio di 4 anni è stato trovato solo nella loro barca noleggiata. L’operazione di ricerca e salvataggio è continuata per altri cinque giorni tra scarsa visibilità dell’acqua e numerosi ostacoli sul fondo del lago.

Lui e Naya hanno nuotato insieme nel lago“, ha detto Ayub su Rivera e suo figlio. “Fu durante quel periodo che suo figlio descrisse di essere stato aiutato a salire sulla barca da Naya. … Ha detto agli investigatori di aver guardato indietro e di averla vista sparire sotto la superficie dell’acqua. ” Più tardi, ha aggiunto, “Crediamo che abbia raccolto abbastanza energia per riportare suo figlio sulla barca, ma non abbastanza per salvarsi.”

Come parte del cast di Glee, ha ricevuto diverse nomination agli Screen Actors Guild Awards, Grammys e Teen Choice Awards. Nata il 12 gennaio 1987, a Valencia, in California, Rivera – di origini portoricane, afroamericane e tedesche – apparve in alcune pubblicità da bambina e fece il suo debutto in serie all’età di quattro anni nella sitcom della CBS “La famiglia reale”. Prima dell’età di 10 anni, era apparsa anche in episodi di “Il nuovo principe di Bel-Air“, “Questioni di Famiglia“, “Sinbad” e “Baywatch“.

Da adolescente ha ottenuto un ruolo semi-ricorrente in “The Bernie Mac Show” della Fox, dove ha interpretato Donna tra il 2002 e il 2006. Il suo breakout, tuttavia, è stato il popolare “Glee” di Ryan Murphy, dove ha interpretato il ruolo di Santana, una cheerleader spietata che fa outing durante la serie. “Adoro tutti i nostri fan che sono al di là del fantastico e hanno visto un piccolo pezzo di se stessi in ognuno dei personaggi. Far parte di qualcosa di speciale ti rende speciale e Glee avrà sempre un posto speciale nel mio cuore ” ha detto.

Più di recente ha recitato nel film drammatico di danza di YouTube “Step Up: High Water“. Al di fuori della recitazione, Rivera ha anche intrapreso la carriera di cantante, firmando con la Columbia Records nel 2011 come artista solista. Nel 2013 ha pubblicato un singolo, Sorry, con il rapper Big Sean.

Nel 2016 Rivera ha pubblicato un libro di memorie intitolato Sorry Not Sorry: Dreams, Mistakes and Growing Up in cui ha discusso della sua esperienza in Glee e ha condiviso la sua storia di aborto con suo marito all’epoca, Ryan Dorsey, da cui in seguito ha divorziato. Rivera è sopravvissuta ai genitori Yolanda Rivera e George Rivera; il fratello minore Mychal, un giocatore della NFL; sorella Nickayla, una modella; e suo figlio Josey Hollis Dorsey, con l’ex marito Dorsey.

Continua a leggere

Cinema

Addio a Kelly Preston, l’attrice moglie di John Travolta muore a 57 anni

Pubblicato

:

kelly preston

Kelly Preston, che è apparsa in film tra cui  Jerry Maguire, Innamorati Cronici, I Gemelli, Dal Tramonto all’Alba è morta dopo una battaglia di due anni contro il cancro al seno. Aveva 57 anni.

John Travolta, suo marito da 29 anni, ha confermato la sua morte sul suo account Instagram. “È con un cuore molto pesante che vi informo che la mia bellissima moglie Kelly ha perso la sua battaglia di due anni con il cancro al seno”, ha scritto Travolta. “Ha combattuto una coraggiosa lotta con l’amore e il sostegno di tanti. La mia famiglia e io saremo per sempre grati ai suoi dottori e infermieri presso il MD Anderson Cancer Center, tutti i centri medici che l’hanno aiutata, così come i suoi molti amici e persone care che sono state al suo fianco. L’amore e la vita di Kelly saranno sempre ricordati. Mi prenderò un po’ di tempo per essere con i miei figli che hanno perso la madre, quindi perdonatemi in anticipo se non ci sentiremo per un po’.  Tutto il mio amore, JT.

Nata Kelly Kamalelehua Smith ad Honolulu, ha cambiato il suo nome in Kelly Preston prima di assicurarsi il suo primo ruolo cinematografico nella commedia romantica del 1985 Mischief, poi è apparsa in un’altra commedia per adolescenti, L’Ammiratore Segreto.

E’ apparsa poi in I Gemelli con Arnold Schwarzenegger e Danny DeVito. In Jerry Maguire ha interpretato la fidanzata di Tom Cruise Avery Bishop, quindi ha recitato al fianco di Kevin Costner in “For Love of the Game”.

Travolta e Preston si sono incontrati sul set del film del 1987 Gli esperti americani. Il duo si sarebbe successivamente sposato a Parigi nel 1991. L’attrice e filantropa è sopravvissuta a suo marito e due figli. Suo figlio Jett è morto nel 2009.

Continua a leggere

Netflix

Stateless | La recensione della serie Netflix con Cate Blanchett

Pubblicato

:

image60

Quattro distinte storie, quattro percorsi personali che si incrociano e intrecciano all’interno di un campo di detenzione per gli immigrati in attesa di richiesta d’asilo su suolo australiano. Una giovane donna di origini tedesche che sta fuggendo da un culto che l’aveva circuita e un rifugiato di origini afgane in cerca di ciò che rimane della sua famiglia, e poi ancora un padre di famiglia che pensava di aver trovato il lavoro perfetto e una burocrate alle prese con la complessa gestione della struttura e degli esseri umani lì reclusi.

Stateless non va per il sottile già nei primi due episodi, qui oggetto di analisi, e riporta alla mente almeno nelle fasi iniziali la struttura ad incastro che tanta fortuna diede a Alejandro González Iñárritu nella realizzazione della sua Trilogia sulla morte. In occasione dell’arrivo in esclusiva su Netflix vi portiamo alla scoperta di un progetto ricco di spunti interessanti e aperto a riflessioni quanto mai contemporanee.

Leggi anche: Netflix, i film originali in arrivo a Luglio 2020

stateless netflix

Stateless – Lo scavo del dramma

Il primo episodio in particolar modo è quello più frastagliato, con i vari tasselli che seguono le relative storyline prima di collimare definitivamente e aprire un quadro generale più esaustivo e organico. Un approccio ad alto ritmo che rischia parzialmente di introdurre troppo velocemente i personaggi e le contigue situazioni che le vedono coinvolti, con un montaggio che alterna senza continuità di sorta i vari cambi di location per esporre nel minor tempo possibile tutte le carte narrative in ballo.

Se l’intento di fondo appare già quindi lodevole, la messa in scena è invece poco omegenea e solo dalla seconda puntata si comincia a intravedere il cuore pulsante del racconto, quando la “prigione” per i richiedenti asilo diventa l’ambientazione principale. E allora ecco il via ad una manciata di flashback che riguardano il controverso personaggio di Sofie, nella ricerca di variera un’impostazione base che altrimenti potrebbe soffrire di stagnazione.

Leggi anche: 5 curiosità su Cate Blanchett

stateless 103 190529 bk 0578r

Stateless – Spunti e potenzialità

Stateless accende i riflettori sul dramma sempre attuale inerente l’immigrazione di massa, che riguarda bene o male gran parte del mondo occidentale, e non è un caso che la vicenda sia ambientata proprio in Australia, uno dei Paesi che impone maggior restrizioni a chi varca i confini nazionali. Una serie fortemente voluta dalla produttrice Cate Blanchett, che si ritaglia anche un amiguo ma efficace ruolo secondario, proprio per porre l’attenzione sull’argomento e aprire gli occhi al grande pubblico su dinamiche spesso sconosciute all’opinione pubblica.

La storia è ispirata a quanto realmente accaduto alla cittadina di origini tedesche Cornelia Rau, detenuta in uno di questi campi per dieci mesi tra il 2004 e il 2005, con le ovvie libertà del caso per rendere il tutto più appetibile allo spettatore. Questi due episodi d’apertura garantiscono una discreta carica tensiva, con momenti toccanti ed altri spiazzanti, e un discreto contorno che mette anche a confronto le differenze sociali tra i vari angoli del pianeta, innescando al contempo elementi pronti a scatenare sviluppi interessanti nel prosieguo del racconto. Se il buongiorno si vede dal mattino, le premesse sono incoraggianti.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

filmhorror 300x250

Recensioni

Pubblicità

Facebook

Film in uscita

Luglio, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Agosto

Nessun Film

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X