Connettiti a NewsCinema!

Non categorizzato

Star Wars, 10 crimini commessi contro la saga originale

Pubblicato

:

Geroge Lucas non ha resistito alla tentazione di cambiare alcune cose della saga originale. Nel 1983 si concludeva la trilogia di Star Wars, entrando di diritto tra i film più belli della storia del cinema. Ma i progetti di Lucas non finivano lì, infatti egli aveva numerose idee per il futuro cinematografico della saga. Purtroppo i lavori successivi non godono dello stesso apprezzamento dei precedenti. Infatti è stata utilizzata una computer-grafica pessima, ha modificato gli effetti sonori, i dialoghi sono stati aggiunti in fase di post-produzione e diversi altri discutibili cambiamenti. Può sembrare un discorso da puristi, ma è come se George Lucas avesse fatto un dipinto, un capolavoro, e un giorno decidesse di “migliorarlo” schizzando della vernice a caso su di esso.

Eccovi quindi le 10 modifiche peggiori che George Lucas ha fatto alla trilogia di Star Wars:

10. Le urla di Luke ne L’Impero Colpisce Ancora

Anche se non è una cattiva idea quella di fare urlare Luke nel film L’Impero Copisce Ancora (sottolinea che la sua formazione non è completa, e non possiede la sicurezza di un vero Jedi), una cattiva idea è invece quella di far urlare allo stesso modo l’Imperatore nel sequel Il Ritorno dello Jedi, quando viene gettato nel vuoto dal suo discepolo Darth Vader. Non c’è bisogno di un esperto per capire che Luke Skywalker è un ragazzo poco più che ventenne, mentre l’Imperatore un uomo di circa 85 anni e Signore dei Sith, il cui corpo è stato devastato dal lato oscuro; quindi le urla non dovrebbero risuonare allo stesso modo.

9. Modificare l’ingresso di Mos Eisley

Le aggiunte in generale della computer-grafica non si legano con il resto del film e richiamano solo l’attenzione lontano dall’azione principale. È come un irritante bambino di 5 anni che dice: Guardami! Guardami! Per non parlare del dinosauro che attraversa la scena oscurandola, un vero e proprio colpo al cuore. Perché questo? Non aggiunge nulla e non è funzionale…

8. Stormstrooper extra nella Morte Nera

L’unica lamentela riguardo questa scena è che forse si spinge un po’ oltre. Infatti nella versione originale vediamo Han Solo che corre all’interno di un corridoio alle prese con alcuni stormstrooper arrivando all’interno di una stanza con diversi nemici, mentre in quella rimasterizzata nella stanza ci sono centinaia di stormstrooper. Risultato? Mentre Han se la dà a gambe sono davvero pochissimi i colpi di blaster che tentano di colpirlo, non commisurati al numero di stormstrooper presenti nella stanza. La scena originale che comprendeva solo qualche stormstrooper funzionava bene, anche perché un paio di questi sono sufficienti per terrorizzare qualcuno. Ma in presenza di diverse centinaia di loro la questione si complica molto. E comunque è difficile che Han si sia girato solo una volta mentre correva per sparare ai nemici, se avesse avuto reale consapevolezza di quanti fossero erano in realtà.

7. Alterare le musiche di John Williams nella battaglia di Yavin

Ciò non è proprio evidente, ma comunque trattasi di un sacrilegio. Non si alterano le musiche di John Williams, neanche di un solo bit. Questo è particolarmente scioccante, come quando la musica è volutamente soffocata dal rombo dei motori.

6. La scena di Jabba the Hutt in Star Wars IV

Questa scena doveva essere inclusa nel montaggio originale del film. È stata girata con l’attore irlandese Declan Mulhollan nella parte di Jabba. Grazie alla tecnologia Stop-Motion è stata utilizzata l’immagine di un alieno nella scena. Ma Lucas considerò l’effetto non soddisfacente, quindi tagliò tutto. Nel 1997 la scena è stata reintegrata con la versione definitiva di Jabba grazie alla computer-grafica. Questa non è una brutta scena in sé, ma sposta troppo l’attenzione su Han e i suoi problemi personali. La situazione finanziaria dello stesso è già ben chiara dalla scena con Greedo, quindi la scena di Jabba è eccessiva. Inoltre se guardate attentamente vedrete lo stesso Greedo nella scena, nonostante in quella precedente fosse stato ucciso da Han.

5. Modifica la sequenza del palazzo di Jabba e dei pezzi musicali

Risultano fastidiosi il canto del mostro e la versione digitale di Sy Snootles. I ballerini vanno bene. Soprattutto perché sono reali e si fondono perfettamente con la scena. La versione digitale di Sy Snootles e il mostro cantante tuttavia non si integrano perfettamente. Viene meno la grinta che si voleva dare alla scena, in parte creata dagli altri alieni che in realtà sono interpretati da attori reali. Nonostante ciò è impressionante vedere Femi Taylor ( la ballerina Twi’lek) aver girato la scena 13 anni dopo il film Il Ritorno dello Jedi e non notare alcuna sostanzale differenza. Inoltre la scena extra del mostro Rancor dentro al fosso è davvero superflua. È inquietante e minaccioso sentirlo da fuori con le sue urla che fanno rabbrividire, mentre le scene extra nel fosso non sono condivisibili, quindi non percepiamo la paura di Luke quando entra nella buca, come se già fossimo stati lì e ciò che vediamo non sia qualcosa di completamente nuovo.

4. Inserire i Gungan ne Il Ritorno dello Jedi

George Lucas non era contento di avere i Gungan negli episodi I,II e III, doveva inquinare anche il sesto episodio con i mostri dalle orecchie giganti. Gli Ewok non eran poi così male. Sono fastidiosi ma anche carini come orsacchiotti di peluches, e sono anche utili per sconfiggere l’impero. I Gungan sono inutili, e vedendoli ne Il Ritorno dello Jedi viene da rabbrividire. Niente contribuisce a dare brillantezza alla scena dell’esplosione della seconda Morte Nera più di un Gungan che urla “Siamo liberi” Il discorso può sembrare eccessivo se si pensa che appaiono solo per poche sequenze. Ma il danno è proprio che appaiono, a prescindere dalla durata.

3. Greedo spara per primo

L’alterazione più grave che si potesse mai commettere. La ragione per cui i veri devoti di Star Wars sono indignatissimi per questa scena, non solo perché modifica l’originale, ma anche perché rovina l’essenza di Han Solo. La scena originale mostra cosa può fare un pistolero abile e astuto come Han; approfittare della distrazione di Greedo per mandarlo al tappeto. Ma, facendo sparare Greedo per primo si perde tutta l’essenza. Lucas si è giustificato dicendo che la modifica avrebbe reso meno spregiudicato Han Solo, trasformandolo in quell’eroe che diventa alla fine. Il punto è mettere in mostra un personaggio amorale per trasformarlo in un vero eroe

2. Rifare la scena dell’Imperatore ne L’impero Colpisce Ancora

Anche se venne sostituita l’immagine dell’imperatore Palpatine, poichè nel 1980 ad impersonarlo era una donna incappucciata con chili di trucco e due occhi gialli con la voce dell’attore neozelandese Clive Revill, nella versione del 2004 l’Imperatore era interpretato da Ian McDiarmind. Oggetto di un cambiamento inaccettabile furono i dialoghi creati dagli sceneggiatori Leigh Brackett e Lawrance Kasdan. Cosa aveva in testa Lucas mettendo mano a quello che viene considerato il film più bello della saga? Non c’era nulla di sbagliato con la scena originale, sembra essere modificata per il solo gusto di cambiare. E la cosa ancor più vergognosa è che questa è stata l’ultima opera di Brackett prima di morire. Anche mentre era malato di cancro e in fin di vita, riuscì a partorire una sceneggiatura davvero stellare. Peccato che 20 anni dopo Geroge Lucas abbia avuto la brillante idea di modificarla.

1. Hayden Christensen al posto di Sebastian Shaw

Non poteva che essere questo al primo posto della classifica. La scelta di sostituire l’anziano Sebastian Shaw con una versione più invecchiata di Hayden Christensen…ha fatto veramente molto discutere. Forse perché Shaw insieme a Kenobi e a Yoda formano un trio di venerabili Jedi anziani? Anche perché Christensen non riesce a dare lo stesso effetto di Shaw alla scena, entrando in essa quasi con aria di sufficienza. Lucas non ha voluto neanche fare girare la scena a Christensen, ma ha preso un vecchio video e ha sostituito la testa di Shaw con la sua. Viene meno anche il concetto di redenzione di Anakin, dando importanza solo al jedi giovane e non al processo di cambiamento che investe direttamente la forma più anziana di Anakin Skywalker.

Fonte: Denongeek.com

1 Commento

1 Commento

  1. Riccardo

    18 Dicembre 2016 at 00:05

    Occhio che Leigh Brackett era una donna – celebre scrittrice di space opera – e di suo nella sceneggiatura finale de L’Impero Colpisce Ancora ci sono solo alcune linee guida della trama. Lo script è interamente opera di Lawrence Kasdan e il credito alla Brackett fu mantenuto da Lucas solo come omaggio postumo a una scrittrice da lui molto ammirata.

    D’accordo in generale sugli altri punti.

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Viola Davis | 5 film da (ri)vedere con l’attrice in occasione dei suoi 55 anni

Pubblicato

:

viola davis newscinema compressed

Sorriso smagliante, occhi profondi e grande attrice drammatica, per lo più, tranne qualche piccola parentesi. L’affascinante Viola Davis oggi compie 55 anni, con la speranza che anche i prossimi siano rastrellati di successi, vogliamo ricordare insieme a voi 5 film che meritano di essere visti almeno una volta. Ci saranno storie toccanti, romantiche e piene di violenza, ma qualsiasi sia il titolo prescelto, state pur certi che avrete modo di ammirare una grande Davis, in tutto il suo splendore artistico.

The Help

Uno dei film più belli usciti nella prima decade degli anni ‘2000 è The Help diretto da Tate Taylor. La bravissima Viola Davis rende questa storia politicamente scorretta per gli anni ’60, tra una governante di colore e una scrittrice bianca. Alla ragazza appena viene presa a scrivere in un giornale locale, le viene affidata una rubrica sulla cucina e l’essere casalinga. Per tale ragione, decide di coinvolgere anche Aibileen Clark,la storia governante della famiglia che ha cresciuto 17 bambini e uno suo. Quando le due amiche segrete, si trovano a condividere un ricordo doloroso della Clark, dimostrano che le regole in vigore in quegli anni sono solo una marea di stupidaggini da togliere il prima possibile.

Leggi anche: Viola Davis diventa attivista per i diritti umani

Suicide Squad

Basato sull’omonimo team di supercattivi dei fumetti DC Comics, la Suicide Squad è la squadra che l’agente del Governo Amanda Waller (Viola Davis), decide di mettere in piedi per utilizzarli come risorse sacrificabili in una missione molto delicata. Rinchiusi per anni in carcere, per loro sarà un’occasione da non perdere, di stare all’aria aperta, seppur circondati da pericoli. A garantire la fedeltà di ogni membro, una micro capsula in grado di ucciderli scoppiando al loro interno, se pensavo di voler scappare e ribellarsi al loro dovere.

Il personaggio della Waller è centrale per tutto l’andamento del film e anche alla fine. Quando l’agente e Batman si trovano a colloquiare, stringendo l’accordo di proteggere la donna da qualsiasi minaccia, è bastata una parola per far cambiare tutti i piani, annunciando l’arrivo della Justice League per rimettere in paro la situazione.

Leggi anche: Barriere, la recensione del film di Denzel Washington

Barriere

Durante gli anni ’50 del ‘900, l’astro nascente del mondo del baseball si trova non solo a dover abbandonare questo sogno, ma anche il liceo afroamericano, per l’inizio delle segregazioni e vittime razziali. Con questa nuova condizione di vita si è trovato a doversi reinventare, optando per il lavoro di netturbino. Sposato con Rose, hanno due bimbi: Lyons avuto dal primo matrimonio mentre Cory è frutto del loro amore. Nonostante la famiglia sia sempre rimasta unita con lavori molto umili, mentre il padre sta montando uno steccato di legno, si avvicina un procuratore sportivo, determinato a portare la promessa del baseball nella squadra dei professionisti. Se da un lato c’è una seconda chance per il resto della vita, altrettanto determinata negativamente, la risposta del geneto

Era il 2016 quando ha iniziato a ricevere ampi consensi da parte della critica e del pubblico per la sua magistrale interpretazione di Rose Lee Maxson in Barriere con Denzel Washington. Grazie a questa performance è riuscita ad aggiudicarsi il Golden Globe, lo Screen Actors Guild Award, il BAFTA e il Premio Oscar come miglior attrice non protagonista.

Widows – Eredità Criminale

Uno dei film più recenti interpretati da Viola Davis è proprio Widows – Eredità Criminale diretto da Steve McQueen. Grande interpretazioni nei panni di una donna determinata a non soccomber, riuscendo a ottenere anche le candidature ai BAFTA e ai Satellite Awards. La Davis durante la Festa del Cinema di Roma 2019 è stata celebrata dai tanti fan italiani con il Premio alla Carriera, riscuotendo un plebiscito di commenti positivi.

Veronica Rawlins è felicemente sposata con il marito Harry e conducono una vita appagante e ancora piena di passione. A causa di un colpo, ai danni del gangstar Jamal Manning, il povero Harry viene colpito e ucciso sul colpo. Il motivo di questo atto vile, l’entrata in politica di Manning.

Intento di Jamal è di avere il distretto di Chicago e avere sempre di più il controllo del territorio. La fine lascerà di sasso tutti quanti, nessuno esclusivo. Ma soprattutto, elemento fondamentale la determinazione di Veronica di non sottostare al gangstar, ma bensì di onorare la memoria del marito con un ultimo colpo.

Giustizia privata

Un film molto tosto per la brutale uccisione della famiglia di Clyde Shelton e il sistema di corruzione che non garantisce la giustizia ai propri cittadini. Il silenzio, i sotterfugi non fanno altro che rendere il protagonista sempre più determinato a onorare la memoria dei suoi cari, alla sua maniera. In questo film che vede Gerard Butler nei panni di un uomo che ha perso tutto davanti ai suoi occhi, il personaggio di Viola Davis è il Sindaco. Se non lo avete mai visto correte ai ripari e prendetelo come un consiglio. Se non altro perché è davvero un bel film con un cast spettacolare e una trama che vi lascerà senza fiato (e arrabbiati).

Continua a leggere

News

Charlize Theron | la vulcanica attrice sudafricana compie 45 anni

Pubblicato

:

charlizetheron newscinema

“Impara ad amare te stessa, perché sei la persona con la quale dovrai trascorrere tutta la vita”. Questo aforisma, la bellissima Charlize Theron ha deciso di renderlo il motto della sua vita.
Single, bellissima e con un look sempre impeccabile e diverso, l’attrice Premio Oscar, oggi compie 45 anni. Senza dimostrarli, aggiungo io. Scopriamo qualcosa in più su questa diva di Hollywood che è rimasta sempre umile e dal cuore buono nonostante il successo.

Le origini dell’attrice trasformista Charlize Theron

Lo sappiamo che l’età di una signora non andrebbe mai detta per galanteria, ma quando rivelarla può avere la valenza di un complimento è il caso di farlo.

Charlize Theron nata a Benoni (Sud Africa) il 7 agosto 1975, l’ attrice, produttrice cinematografica, ma prima ancora modella di grande successo, oggi compie 45 primavere con grande stile. Dopo aver trascorso un’adolescenza turbolenta a causa del padre, uomo violento e ucciso dalla mamma a seguito di un’aggressione avvenuta davanti ai suoi occhi a soli 15 anni, la bella Charlize si è poi dedicata al mondo dello spettacolo iniziando con la moda. Famosa in tutto il mondo, la pubblicità del Martini (il vestito impigliato alla sedia che si sfila a ogni suo passo) le ha aperto le porte del cinema.

Nella sua carriera ha preso parte a film molto importanti di Hollywood, ma prima ancora la Theron risulta essere una delle attrici più attive in campo umanitario. Di fatti, è membro dell’organizzazione per i diritti delle donne e degli animali, oltre a essere da sempre sostenitrice dei diritti per gli omosessuali e annesso matrimonio tra persone dello stesso sesso.

La frase che ha aperto questo articolo, è un’anticipazione del pensiero che alberga nella mente dell’attrice trasformista da qualche anno. Dopo aver adottato il primo figlio Jackson Theron nel 2012, solo tre anni dopo, ha deciso di adottare anche una bimba afro-americana, August Theron. Tutti si sono domandati, come mai una bellezza del genere non abbia un uomo accanto che la possa amare e aiutare a crescere i bambini? La risposta è stata resa nota dalla diretta interessata la quale, senza mezzi termini ha detto: “Al momento sto bene così. Ho una relazione con me stessa. Non ho mai voluto sposarmi, non è mai stata una cosa importante per me. Non mi sono mai sentita sola, nella mia vita ora non c’è spazio per altro ora”.

Leggi anche: Bombshell – La voce dello scandalo | La recensione del film con Charlize Theron

theron3 newscinema

Leggi anche: Tully, Charlize Theron in una delicata riflessione su un’esistenza femminile allo sbaraglio, ma non troppo

Attrice con la ‘A’ maiuscola

Una bellezza come quella della Theron unita al talento che è sotto gli occhi di tutti, la rende quasi una Dea. Non a caso è tra le donne più belle e apprezzate di tutti i tempi, per la sua estrema femminilità ed eleganza. I suoi look ormai fanno parte di lei e hanno contribuito a renderla un’icona di moda e di stile, soprattutto durante le manifestazioni cinematografiche. Per lei nessun look è sbagliato sia che si presenti con il capello corto, lungo, scuro, biondo o addirittura rasato come nel film Mad Max nel quale interpreta Furiosa.

Come se non bastasse, lei è una di quelle poche (ahimè) attrici che non ha paura a stravolgere la sua persona a favore del cinema. Un esempio eclatante il bellissimo film drammatico Monster diretto da Patty Jenkins con il quale vinse il Premio Oscar nel 2004. Imbruttita secondo la sceneggiatura di Robert Ebert e ingrassata 15 chili, è riuscita a portare sul grande schermo la storia vera e drammatica della serial killer Aileen Wuornos.

Continua a leggere

Non categorizzato

Festa del Cinema di Roma 2020 | Cosa sarà film di chiusura

Pubblicato

:

cosa sarà di francesco bruni © paolo ciriello

Cosa sarà di Francesco Bruni sarà il film di chiusura della quindicesima edizione della Festa del Cinema di Roma che si svolgerà dal 15 al 25 ottobre 2020 all’Auditorium Parco della Musica. Lo ha annunciato il Direttore Artistico Antonio Monda, d’intesa con Laura Delli Colli, Presidente della Fondazione Cinema per Roma, e Francesca Via, Direttore Generale. Quest’anno la manifestazione fa parte di Romarama, il programma di eventi culturali promosso da Roma Capitale.

Il cineasta romano, pluripremiato sceneggiatore di film quali OvosodoLa prima cosa bellaIl capitale umano di Paolo Virzì, con cui realizza da anni un felice sodalizio artistico, e di serie televisive come “Il commissario Montalbano”, torna alla regia dopo i successi di Scialla! (Stai sereno)Noi 4 e Tutto quello che vuoiCosa sarà vede protagonista Kim Rossi Stuart nei panni di Bruno Salvati: la vita di Bruno è in una fase di stallo, i suoi film non hanno mai avuto successo e il suo produttore fatica a mettere in piedi il prossimo progetto. Sua moglie Anna, dalla quale si è recentemente separato, sembra già avere qualcun altro accanto.

 E per i figli Adele e Tito, Bruno non riesce a essere il padre presente e affidabile che vorrebbe. Un giorno Bruno scopre di avere una forma di leucemia. Si affida immediatamente a un’ematologa competente e tenace, che lo accompagna in quello che sarà un vero e proprio percorso a ostacoli verso la guarigione. Il primo obiettivo è trovare un donatore di cellule staminali compatibile: dopo alcuni tentativi falliti, Bruno comincia ad avere seriamente paura, Cosa sarà di lui? Suo padre Umberto, rivelandogli un segreto del suo passato, accende in tutti una nuova speranza.

Bruno e la sua famiglia intraprendono un inatteso percorso di rinascita, che cambierà i loro rapporti e insegnerà a Bruno ad alzare gli occhi da sé stesso e a guardare gli altri. Il film, prodotto da Palomar e Vision Distribution, arriverà nelle sale il 29 ottobre. “Francesco Bruni riesce a raccontare con intelligenza e profondità un dramma che lo ha colpito personalmente – ha spiegato Antonio Monda – Riesce anche a divertire, nella migliore tradizione umanista della commedia all’italiana, senza aver paura dei sentimenti”.

La Festa del Cinema di Roma, grazie alla collaborazione con SIAE, dedicherà il red carpet della quindicesima edizione al genio di Ennio Morricone, scomparso lo scorso 6 luglio: le musiche del maestro accompagneranno talent, ospiti e pubblico lungo il tappeto rosso dell’Auditorium Parco della Musica. Morricone ha partecipato alla Festa del Cinema fin dai suoi esordi, con la direzione di due indimenticabili concerti nel corso della prima e della seconda edizione; all’inaugurazione della mostra dedicata a Sergio Leone nel 2009; come protagonista di uno straordinario incontro tenutosi l’anno successivo; come presidente di giuria nel 2011 e in numerose altre occasioni.

“Un inedito red carpet sonoro per un omaggio speciale a Ennio Morricone, grande Maestro molto amato non solo per le colonne sonore evergreen che ci ha regalato in mezzo secolo di straordinarie sonorità ma anche per le note e i ritmi entrati nella nostra vita perfino con tanta musica leggera – ha detto Laura Delli Colli – Con le sue colonne sonore, in un ‘tempio’ della musica come l’Auditorium Parco della Musica che gli è stato appena intitolato ricorderemo così, con grande affetto, il Premio Oscar® amato da Leone, Tornatore e Tarantino ma anche il Morricone più inedito e ‘pop’, autore o arrangiatore di canzoni che da Se telefonando a Sapore di saleIl mondo e perfino Abbronzatissima, sono diventate per tutti noi leit motiv di una memoria quotidiana che continuerà a siglare la nostra vita”. 

“Ennio Morricone è stato un genio della musica e del cinema e sono onorato di celebrarlo nella sua città – ha aggiunto Monda – Per tutti i dieci giorni della Festa sul red carpet risuoneranno esclusivamente le sue musiche leggendarie”.

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X