Connettiti a NewsCinema!

Festival

The House That Jack Built, Lars Von Trier in un altro disturbante affresco del Male di vivere

Pubblicato

:

Quando inizia la discesa verso gli inferi, quali che siano i motivi, si tratta sempre di un cadere inarrestabile.

Già da bambino Jack aveva una personalità disturbata. Dai falciatori intenti a fare il loro lavoro in sincrono nei campi, fino al movimento sgraziato di un anatroccolo ancora incerto a nuotare, Jack bambino osservava il mondo circostante già con malizia, circospezione e sfida. E sin dall’evento dell’anatroccolo con la zampetta poi sadicamente tagliata il Male interiore di Jack è cresciuto gradualmente, spingendolo a immaginare una sequela di violenti ‘incidenti’ che nell’arco di dodici anni hanno disegnato una lunga scia di sangue. Ricerca di sangue, sadismo e nessuna empatia per il prossimo sono i tratti salienti del disturbo di Jack, uomo inquadrato all’interno di un profilo narcisistico e psicopatico, e che uccide con il solo scopo di sentirsi meglio, di nuovo vivo.

Matt Dillon nel film The House that Jack Built

The House that Jack Built: la discesa negli inferi di Lars Von Trier

Il genio maledetto di Lars von Trier torna a Cannes sette anni dopo Melancholia e presenta Fuori concorso The House That Jack Built (la casa che Jack ha costruito), una sorta di auto confessione innervata di ironia e filosofia che svela retroscena e ogni piccolo dettaglio della macabra carriera omicida del protagonista Jack (uno strepitoso Matt Dillon nella versione adulta). Una discesa agli inferi contrappuntata da qualche scambio di idea, e opinione con il suo interlocutore nonché guida spirituale Verge (Bruno Ganz), e che si risolve in un istinto omicidiario senza esclusione di colpi. Uomini, donne, bambini. Tutti sembrano cadere nelle trame mortali architettate dalla mente malata di Jack e dalla sua capacità di raggirare vittime e polizia a proprio piacimento. Nella prima parte del film il danese Lars von Trier sfrutta tutta la sua sagacia e il suo sguardo più oscuro per ripercorrere con maniacale attenzione al dettaglio le scene degli efferati delitti, spesso compiuti non solo con cattiveria ma anche con la sadica soddisfazione di farla franca sotto gli occhi di tutti, Il filo rosso di sangue segue di fatto cinque incidenti e altrettanti omicidi per condurci poi nell’epilogo infernale della coscienza, oramai inesorabilmente macchiata.

Uma Thurman e Matt Dillon in The House that Jack Built

The House that Jack Built: il film che ha scioccato Cannes 2018

Lars von Trier torna in gran forma sulla Croisette con un’opera destinata – come sempre – a dividere e far parlare di sé, ma che risulta di fatto tanto disturbante quanto a suo modo coerente, nonché marchiata dal tratto di folle genialità caratteristico del regista danese. Eppure, nel suo esser pieno di elementi disturbanti, The House That Jack Built gode di uno stile e di un equilibrio notevoli. La dimensione fortemente descrittiva e narrativa della prima parte dell’opera viene spiegata e cristallizzata in un epilogo ammaliante e visionario dove la lava è sangue e dove il suono stridulo delle voci in sottofondo rievoca i tanti dannati che dal Male si sono fatti soggiogare diventandone parte integrante, proprio come il bambino Jack. Una riflessione allucinata e dissacrante sul Male e su una società inerme o fondamentalmente stupida, dove l’incarnazione del lato più oscuro ha vita facile, non incontra ostacoli, ma spesso e volentieri ha anche il “beneplacito” delle proprie vittime e la noncuranza dei testimoni.

The House that Jack Built TRAILER

In me la passione per il cinema non è stata fulminea, ma è cresciuta nel tempo, diventando però da un certo punto in poi una compagna di viaggio a dir poco irrinunciabile. Harry ti presento Sally e Quattro matrimoni e un funerale sono da sempre i miei due capisaldi in fatto di cinema (lato commedia), anche se poi – crescendo e “maturando” – mi sono avvicinata sempre di più e con più convinzione al cinema d’autore cosiddetto di “nicchia”, tanto che oggi scalpito letteralmente nell’attesa di vedere ai Festival (toglietemi tutto ma non il mio Cannes) un nuovo film francese, russo, rumeno, iraniano, turco… Lo so, non sono proprio gusti adatti ad ogni palato, ma con il tempo (diciamo pure vecchiaia) si impara anche ad amare il fatto di poter essere una voce fuori dal coro...

1 Commento

1 Commento

  1. renza tanini

    16 Maggio 2018 at 15:47

    lo vedrò sicuramente perchè, il fatto che abbia ”scioccato cannes 2018”, è un motivo in più per non perderlo!!

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Venezia 77 | Vinicio Capossela ci parla di “The New Gospel”, di Enzo Del Re e della lotta di classe

Pubblicato

:

Capossela Venezia 77

Vinicio Capossela è non solo la voce narrante ma anche il compositore di alcune delle musiche che compongono il nuovo film di Milo Rau, Das Neue Evangelium (The New Gospel), presentato alla Mostra del Cinema di Venezia nell’ambito delle Giornate degli Autori. Il regista e saggista svizzero si chiede che cosa avrebbe predicato Gesù nel XXI secolo e chi sarebbero stati i suoi discepoli? A queste domande Rau risponde mettendo in scena una “rivolta della dignità” guidata dall’attivista politico Yvan Sagnet, seguendo il modello pasoliniano de Il Vangelo Secondo Matteo.

The New Gospel | intervista a Vinicio Capossela

Capossela, che ha incontrato Milo Rau proprio a Matera nell’anno della Capitale della Cultura, la città in cui il cantautore ha ambientato il videoclip de “Il Povero Cristo” diretto da Daniele Ciprì, ha scelto la musica del cantautore pugliese Enzo Del Re come contrappunto alle immagini del film, riprendendo il riff della canzone-manifesto “Lavorare con lentezza” e la splendida “L’Organizzazione Nuova”, tratta da “Maùl”, il “white album” del cantautore molese. Nella nostra intervista Vinicio Capossela ci parla dei motivi che lo hanno indotto a scegliere la musica di Enzo Del Re per il film di Milo Rau, ma anche di lotta di classe e del Cristo di Nikos Kazantzakis.

Continua a leggere

Cinema

Venezia 77 | Mainstream | La recensione del film di Gia Coppola

Pubblicato

:

mainstream 2 1

Gia Coppola approda alla 77ª Mostra del Cinema di Venezia nella sezione Orizzonti con un film scritto e diretto da lei, intitolato Mainstream. La pellicola vanta nomi hollywoodiani noti come Andrew Garfield, Maya Hawke e Nat Wolff.

Mainstream | La sinossi del film

Un ragazzo che vive per strada trovando lavori occasionali, incontra per caso una ragazza che fa la barista e viene all’istante catturata dal suo carisma. Ne scaturisce una sequela di eventi che porterà i due a diventare parte integrante del mondo social, lui star del web lei la mente dietro all’obiettivo. Pian piano peró le cose sfuggiranno un pochino di mano e bisognerá fare i conti con l’influenza che questo personaggio tanto osannato, ha sulla nuova generazione.

Mainstream | La recensione del film


Mainstream risulta un ottimo equilibrio tra critica sociale ed intrattenimento. Gia Coppola (nipote di Francis Ford Coppola), scrive e dirige un film molto maturo e attuale che svecchia un po’ le tematiche e soprattutto la modalitá registica della zia Sofia. Maya Hawke conferma la sua sempre più professionale bravura, mentre Andrew Garfield sprigiona una potenza incredibile, 2-3 dei suoi monologhi catturano l’attenzione tenendoti incollato allo schermo e l’interpretazione in toto è impregnata di un carisma e una espressivitá degne di nota.

mainstream recensione


A livello di regia e montaggio vengono messe in scena trovate interessanti, talvolta un pochino allucinate ma originali ed intuitive. La scrittura invece è un pochino smarrita nella prima metá per poi consolidarsi nella seconda, rafforzando il contesto e concentrandosi sulle critiche. Il punto di forza più alto dell’intero film, sono appunto queste riflessioni che vengono mosse contro i social, la pericolosità che possono acquisire e l’enorme credito attribuito a questi influencer, che vengono venerati talvolta senza fondamento.


Ormai la società odierna è spesso assoggettata in maniera troppo semplicistica, copiando stili di vita e finendo per essere soggiogata al volere di icone che si credono supereroi. Il concetto viene reso bene in una scena in cui il protagonista provoca una sensazione di vera umiliazione, tramite una situazione crudele e devo ammettere che per come ci viene proposto, risulta tanto delirante quanto funzionale.
Concludo dicendo che il film per me merita di sicuro la visione, ha vari momenti di stallo o migliorabili ma nel complesso porta lo spettatore a ragionare e mettersi in discussione. Ci tengo a finire citando una frase che mostra un’ideale puro, detto quando ancora si crede nelle proprie motivazioni, magari prima di essere corrotti da altro. “Voglio fare cose, per cui la gente provi altre cose”.

Continua a leggere

Cinema

The Book of Vision | L’apertura della Settimana della Critica è targata Malick

Pubblicato

:

book 2

Scelto per aprire la 35esima Settimana Internazionale della Critica, durante la 77esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, The Book of Vision sfoggia un nome di grande richiamo tra le sue fila. Terrence Malick è infatti tra i produttori esecutivi della pellicola, firmata da Carlo S. Hintermann, al suo debutto nel lungometraggio.

La guida, o meglio la supervisione, dell’apprezzato cineasta è ben evidente anche solo osservando il trailer del film. Ma andiamo per ordine.

The Book of Vision | L’influenza malickiana

Eva (Lotte Verbeek, Outlander) è un chirurgo che decide di interrompere la carriera per dedicarsi allo studio della storia della medicina. È così che si imbatte in un antico manoscritto, curato da un dottore della Prussia del Settecento, tale Johan Anmuth (Charles Dance, Game of Thrones). Improvvisamente la donna viene proiettata in quell’epoca e sente un legame indissolubile con coloro che conobbero il luminare.

Leggi anche: TENET | La “enoisnecer” NO SPOILER del film che fa ripartire il cinema

The Book of Vision è un’opera delicata, complessa, piena di sfaccettature. A un primo sguardo potrebbe non arrivare la mole di suggestioni e di argomenti che la compongono.

the book of vision trailer newscinema
The Book of Vision, una scena del film

Visivamente di impatto, grazie anche a questa atmosfera che rimanda alla mente lo stile malickiano, venato di una poesia impossibile da descrivere a parole, il film prende per mano lo spettatore e lo immerge via via sempre più dentro il suo universo.

La componente naturalistica, esaltata nella sua bellezza dal tappeto musicale, dà il suo enorme contributo, andando a imprimersi nella mente di chi osserva e portandolo a vivere in un limbo tra sogno, realtà, allucinazione. Proprio come capita ai personaggi, ci si trova incapaci di separare e spesso di dare un senso a ciò che ci si trova davanti.

La vita e la morte separate da un velo ma mai disgiunte

Il rosso è il colore predominante – negli abiti, nel colore dei capelli della protagonista, nel sangue, nell’arredamento: simbolo dell’energia vitale, mentale e fisica, diviene la linfa da cui tutto dipende, infondendo al tempo stesso una grande potenza alle immagini e al loro significato.

book of vision newscinema
The Book of Vision, una scena del film

La vita e la morte si (con)fondono, in un ciclo senza fine. Così la pellicola termina dopo aver compiuto il suo giro e tornando sull’inquadratura dell’apertura. Un velo separa la vita terrena dall’aldilà, e basta un semplice gesto per poter toccare chi è andato dall’altra parte ma non è morto.

La riflessione sollevata da The Book of Vision è in qualche modo debitrice a Malick e a tutta una serie di autori che si sono mossi nella stessa direzione. Certo il discorso sarebbe ampio e complesso, dal momento che in campo vengono messi numerosi elementi – l’esistenza dell’anima, le superstizioni, l’immortalità – ma la storia è interessante per altri motivi.

L’importanza dell’ascolto e della storia

In primis perché pone alla nostra attenzione un discorso non così trattato né banale, quale quello del rapporto medico-paziente. Se in passato il secondo veniva ascoltato davvero da colui a cui si rivolgeva per essere curato, nel corpo e nello spirito, questa usanza viene tutto a un tratto abbandonata.

Leggi anche: Chemical Hearts | la recensione del teen movie con Lili Reinhart

Il corpo umano è adesso un oggetto, un campo di gioco, le persone sono solo occasioni per nuove scoperte e sperimentazioni. Si perde l’interesse verso le storie e si porta avanti quello per gli organi. È questo che conduce Eva a capire quando e cosa è cambiato nel corso dei secoli, e perché.

Portatrice di una sorta di giustizia altra, la donna si sente chiamata in causa in prima persona, nel tentativo di riconnettere il passato con il futuro.

La maternità ha chiaramente un ruolo di primo piano nella vicenda, intrecciandosi fortemente con i personaggi femminili mostrati. A tal proposito una lode va alla Verbeek e a Isolda Dychauk (nel ruolo di Maria), splendide rappresentanti di una femminilità ormai quasi persa.

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Popolari

X